ROBERTO BAGGIO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

>
Ha incantato le folle con giocate da sogno, prima di quel maledetto rigore sbagliato nella finale di Pasadena, raggiunta quasi esclusivamente grazie alle sue invenzioni balistiche. Dopo di che? Come succede a quelli troppo bravi (vedi Gianni Rivera), viene praticamente messo da parte salvo poi rimpiangerne la presenza quando sarà veramente in là con gli anni.

L'INFANZIA E L'APPRODO AL LANEROSSI VICENZA

Sesto degli otto figli di Matilde Rizzotto e Florindo Baggio, Roberto Baggio nasce a Caldogno, provincia di Vicenza, il 18 febbraio del 1967. Non ci sono sofisticate sale parto per lui, ma la camera di casa sua, in via Marconi, situazione del tutto comune...

L'ARRIVO A FIRENZE E LA CARRIERA A RISCHIO

Poco più che diciottenne Roberto Baggio lascia la sua Caldogno, destinazione Firenze, ma prima c'è un intermezzo a Lione, tutt'altro che piacevole. Meta è la clinica del Professor Busquet, l'uomo che negli anni Ottanta rimette in sesto le ginocchia ma...

ROBERTO BAGGIO DIVENTA RE DI FIRENZE

Evitata la retrocessione in serie B, c'è aria di rinnovamento a Firenze; i conti Pontello, proprietari della società, affidano la presidenza a Pier Cesare Beretti, mentre in panchina arriva Sven Goran Erikson. Parte un nuovo progetto tecnico teso alla v...

IL TRAUMATICO ADDIO ALLA FIORENTINA, LE "NOTTI MAGICHE" E IL DIFFICILE INIZIO ALLA JUVENTUS

Disputata la finale di ritorno della Coppa UEFA 1989-90, col successo della Juventus allenata da Dino Zoff, un comunicato stampa rende noto ciò di cui, già da tempo, si andava vociferando: dalla stagione calcistica 1990-91 Roberto Baggio vestirà la ma...

ROBERTO BAGGIO DIVENTA FUORICLASSE!

L'estate del 1991 viene ricordata dai tifosi juventini come quella della "Restaurazione": il "nuovo corso" rappresentato da Luca di Montezemolo sulla tolda di comando e Luigi Maifredi alla guida tecnica è già terminato. La società decide di affidarsi nu...

l'ultimA difficile stagione di Roberto BAGGIO alla Juventus e il suo passaggio al milan

Un pallone che vola alto nel cielo blu della Calyfornia, immagine di gioia, di voglia di vivere, richiamo a spiagge sterminate, vacanze e belle donne! Non così per Roberto Baggio: quel pallone, partito dal suo piede, diventa il suo incubo, perché con e...

LA RINASCITA AL BOLOGNA

Trent'anni ed una carriera praticamente da ricostruire! Questo ha portato a Roberto Baggio l'estate 1997: scaricato dal Milan, decide di trasferirsi. Il 9 luglio del 1997, il Parma si accorda con la società rossonera per l'acquisto di Baggio per 3,5 ...

ROBERTO BAGGIO ALL'INTER: POCHE LUCI E MOLTE OMBRE

Il Campionato Mondiale di calcio 1998 restituisce alla serie A un Roberto Baggio con i crismi del fuoriclasse, tanto che non gli è difficile trovare un ingaggio in un top team. È l'Inter di Massimo Moratti Presidente e di Ronaldo, reduce dal contestatissimo s...

ROBERTO BAGGIO RE DI BRESCIA

Mentre la nazionale azzurra guidata da Dino Zoff sfiora la conquista del Campionato Europeo di Calcio, Roberto Baggio trascorre l'estate del 2000 sfogliando la classica margherita, vagliando le varie offerte, più o meno serie che gli arrivano dall'Italia ...

IL DOPO CALCIO GIOCATO DI ROBERTO BAGGIO

Nell'estate del 2004, mentre la nazionale azzurra di Giovanni Trapattoni va incontro ad un'altra delusione, per Roberto arriva il momento di rallentare, reinventarsi e godere a pieno di tutto quanto tutto il suo smisurato talento applicato al gioco del...
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather