Le leggende del calcio: FABIO CAPELLO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Quattro scudetti in cinque stagioni, è impresa riuscita solo a grandissimi tecnici e tra loro c’è proprio Fabio Capello, l’uomo capace d’imporsi nel mondo del calcio come: grande giocatore, tecnico impareggiabile, intelligente dirigente e valido commentatore televisivo.

FABIO CAPELLO: IL MAESTRO "GUERRINO", PAOLO MAZZA E QUEL NO A "GIPO" VIANI

Se è stato l'uomo simbolo dei primi cinquant'anni di vita del calcio italiano, di cui è stato protagonista in tutti i ruoli: giocatore, allenatore, dirigente e giornalista, Fabio Capello è senz'altro la figura destinata a prenderne l'eredità, per quanto riguarda l'ultimo mezzo secolo ed oltre della storia scritta dal "Dio Pallone". Giocatore d'eccellente livello, tecnico vincente come pochi, apprezzato dirigente, nonché valido commentatore televisivo, questo friulano non si è fatto mancare nulla...

FABIO CAPELLO ALLA SPAL

E così, nell'autunno del 1962, si concretizza il passaggio di Fabio Capello alla Spal, per la somma di due milioni, versati da Paolo Mazza nelle casse del Pieris. A Ferrara trova ad allenarlo Giovan Battista Fabbri, talentuosa mezz'ala dinamica e dalle buone capacità realizzative, che tra la fine degli anni quaranta e gli anni cinquanta ha collezionato una cinquantina di presenze nella massima categoria, di cui diventerà grande protagonista alla fine degli anni settanta sulle panchine di Lanerossi Vi...

FABIO CAPELLO ALLA ROMA

Il passaggio di Fabio Capello alla Roma avviene nei giorni in cui appassionati ed addetti ai lavori s'interrogano sull'incredibile caduta dell'Inter di Helenio Herrera, capace di gettare al vento Coppa dei Campioni e scudetto in meno di una settimana. Nella Milano ner'azzurra inizia una resa dei conti che porta la società a cedere alcuni giocatori. Tra loro Jair da Costa,colpo copertina di mercato proprio della Roma, nella capitale assieme ad altre promesse come il centrocampista Franco Cordova ...

FABIO CAPELLO "CERVELLO" DELLA JUVENTUS E DELLA NAZIONALE!

Nell'estate del 1970, a 24 anni e con oltre 100 presenze in serie A, inizia l'esperienza di Fabio Capello alla Juventus. Dopo le ultime deludenti stagioni, la società ha dato corso ad un profondo rinnovamento: Presidente è diventato Gianpiero Boniperti, mentre Italo Allodi è diventato il general manager. Egli ha voluto in panchina il giovane Armando Picchi, il capitano della "grande Inter", da lui plasmata all'inizio del decennio precedente. Il giovane tecnico toscano deve allenare un gruppo di gi...

FABIO CAPELLO AL MILAN

Non senza polemiche, nell'estate del 1976 inizia la vicenda umana e sportiva di Fabio Capello al Milan. Il centrocampista giunge in rossonero carico di gloria e d'esperienza. A trent'anni si appresta ad aprire un capitolo destinato a segnare per sempre la sua esistenza. Rientrato dal torneo esibizione del Bicentenario, affrontato negli Stati Uniti con la nazionale guidata dal duo Bernardini-Bearzot, trova sulla panchina del Milan "Pippo" Marchioro, con un nuovo progetto di gioco. La società ha ...

FABIO CAPELLO ALLENATORE E APPRENDISTA LEGGENDA DEL CALCIO

La carriera di Fabio Capello allenatore inizia ufficialmente in una calda domenica di maggio. Sul terreno dello Stadio Olimpico, Lazio e Milan hanno appena terminato l'ultima partita del campionato 1979-80. Alla mestizia per un destino segnato da vicende extra-campo, negli spogliatoi rossoneri si contrappone quella vagamente gioiosa di chi saluta un bravo collega: Fabio Capello ha appena giocato gli ultimi venti minuti della sua carriera da calciatore. Gianni Rivera, da un anno vicepresidente ed...

FABIO CAPELLO ALLENATORE DEL MILAN DEGLI "INVINCIBILI"

È l'estate del 1991: il Milan ha appena terminato il campionato al terzo posto senza mai entrare realmente in corsa per la conquista del titolo ed è uscito malamente dalla Coppa dei Campioni; ambiente da ricostruire dopo la rottura con arrigo sacchi: comincia così l'avventura di Fabio Capello allenatore del Milan. Ha 45 anni, ma pochissima esperienza alla guida di una prima squadra. C'è scetticismo in merito a questa scelta; per molti si tratta di uno dei tanti "yes man" che Silvio Berlusconi vuo...

FABIO CAPELLO ALLENATORE DEL REAL MADRID, IL RITORNO AL MILAN E ALLE TELECRONACHE

Riconquistato lo scudetto, Fabio Capello decide di lasciare il Milan da vincitore e, dopo aver avuto ampie rassicurazioni circa la bontà del progetto tecnico, diventa il nuovo allenatore del Real Madrid. Chiude una parentesi umana e professionale durata vent'anni. Nella conferenza stampa di comiato non manca di lanciare un monito alla società, invitandola ad una seria programmazione del futuro. Effettivamente lascia una squadra anziana in molti elementi fondamentali, a partire dalla difesa, diretta d...

FABIO CAPELLO ALLENATORE DELLA ROMA: PRIMO TECNICO ITALIANO CAMPIONE D'ITALIA CON I GIALLO-ROSSI

Nell'estate del 1999 Fabio Capello diventa il nuovo allenatore della Roma, rientrando in pista in quello che passa alla storia come il "campionato delle sette sorelle". Tante sono infatti le formazioni accreditate di poter lottare per il titolo: le due milanesi, le due romane assieme a Juventus, Parma e Fiorentina. Questa volta a Capello si chiede di razionalizzare il lavoro impostato da Zdeneck Zeman e di valorizzare al massimo il talento puro del giovane Francesco Totti. L'organico, già di buon ...

FABIO CAPELLO ALLENATORE DELLA JUVENTUS E GLI SCUDETTI MAI VINTI

Nella serata di giovedì 27 maggio 2004 le agenzie di stampa battono una notizia che squote il mondo del calcio: Fabio Capello è il nuovo allenatore della Juventus. Tutti, più o meno, vengono colti di sorpresa, dal momento che, mesi prima, lo stesso Capello aveva dichiarato che non si sarebbe mai seduto sulla panchina bianconera. Invece, 34 anni dopo, si trova a ripercorrere la strada che da Roma lo aveva portato a Torino, sponda Juve. La società bianconera, naturalmente, è entusiasta del colpo appe...

L'ULTIMA FASE DELLA CARRIERA DI FABIO CAPELLO: REAL MADRID, INGHILTERRA, RUSSIA E NUOVA SFIDA CINESE!

Il 5 luglio del 2006, con l'animo dell'Italia calcistica diviso tra l'entusiasmo per le imprese della nazionale di Marcello Lippi e le "miserie" di "calciopoli", il Presidente del Real Madrid annuncia l'ingaggio di Fabio Capello: per il friulano inizia l'ultima fase della sua lunga carriera, per altro non ancora conclusa. La società iberica gli chiede l'assalto alla Champion's League. Il materiale umano a disposizione non gli manca, a partire da quell'Antonio Cassano che solo lui ha saputo far rendere ...
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather