CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LA 7a GIORNATA 1969-70 E L’AUTUNNO CALDO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
La notizia del ritorno in Italia della Coppa Intercontinentale rende comunque felice tutto l’ambiente che, idealmente, il giorno dopo festeggia i neo campioni.
7a GIORNATA: domenica 26 ottobre 1969

Bari – Sampdoria 0-0

Fiorentina – Torino 0-0

Juventus – Inter 2-1

1′ Anastasi, 39′ Boninsegna (IN), 75′ aut. Bedin

LR. Vicenza – Verona 3-0

4′ Vitali rig., 40′ Biasiolo, 61′ Vitali

Napoli – Cagliari 0-2

16′ e 80′ Riva

Palermo – Brescia 1-3

22′ Salvi (PA), 26′ Botti, 61′ Simoni, 62′ Pellizzaro

Roma – Lazio 2-1

64′ Spinosi, 73′ Landini, 91′ Massa (LA)

CLASSIFICA:

Cagliari 12; Fiorentina, Inter, LR. Vicenza e Roma 9; Bari, Bologna, Lazio, Milan e Torino 7; Juventus e Verona 6; Napoli 5; Brescia e Sampdoria 4; Palermo 2.

Una doppietta di Gigi Riva fa volare il Cagliari e sprofondare il Napoli. I sardi approfittano del pari della Fiorentina e dell’incredibile sconfitta dell’Inter sul terreno della Juventus, la quale, con questo importante successo, potrebbe aver posto un termine alla grave crisi che l’ha colpita. Continua l’ottimo momento della Roma abile ad imporsi nel derby insediandosi al secondo posto.

Le vicende del campionato e il trionfo mondiale del Milan passano immediatamente in secondo piano di fronte ai nuovi fatti di cronaca che aprono la settimana.

Il 27 ottobre si registrano altri iNCIDENTI A Pisa che lasciano sul terreno un morto. Infuriano le polemiche circa le responsabilità dell’accaduto. Le reazioni sono di vario tenore. In questo caso, per capire meglio quale fosse l’atmosfera del momento, ci affidiamo ad un articolo apparso su’ La Stampa il 30 ottobre scritto da L. Curino.

Sempre sullo stesso quotidiano il vicedirettore Carlo Casalegno pubblica un editoriale nel quale fa un’analisi spietata degli avvenimenti additando i componenti dei cortei come teppisti. Significativo è quando afferma, con tanta lungimiranza che:

Il giornalista firma il primo dei suoi molti attacchi nei confronti della protesta organizzata, attività che lo porterà ad essere considerato un nemico di questi gruppi, quindi da eliminare.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.