CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1969-70: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 1a ALLA 4a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
In un clima sociale sempre più pesante si apre la settimana che conduce all’inizio del campionato italiano di calcio 1969-70. Lunedì 8 settembre, a

Milano, sull’esempio torinese, studenti e operai iniziano a portare fuori dalle fabbriche e dalle scuole le manifestazioni fondando un Collettivo politico

metropolitano per scatenare anche loro un’offensiva contro tutto “il sistema”.

Tre giorni dopo lo sciopero coinvolge l’Italia intera: iniziano i metalmeccanici, poi gli edili, poi i chimici. Naturalmente la giostra del “Dio Pallone” non si ferma

davanti a nulla e la domenica successiva tutto riparte regolarmente. Il mercoledì precedente, però, il Milan inizia la propria difesa della Coppa dei Campioni

conquistata a maggio. L’esordio è morbido, ospitando i Campioni del Lussemburgo dell’Avenir Beggen. Come previsto la gara non presenta problemi e a fine serata i

rossoneri vincono per 5 a 0, risultato propiziato da una doppietta di Prati, con reti di Rivera, Rognoni e Combin.

1a GIORNATA: domenica 14 settembre 1969

Bari – Roma 1-0

61′ Canè rig.

Brescia – Milan 1-4

7′, 13′, 34′ rig. e 43′ Rivera, 57′ De Paoli (BS)

Fiorentina – Verona 1-0

10′ Chiarugi

Inter – Bologna 1-0

35′ Boninsegna

Juventus – Palermo 4-1

4′ Troja (PA), 11 e 64′ Haller, 71′ Leonardi, 79′ Furino

LR. Vicenza – Napoli 3-2

10′ Altafini (NA), 30′ Vitali, 45′ Cinesinho, 63′ Vitali, 77′ Altafini (NA)


Lazio – Torino 1-1

42′ Moschino, 47′ Soldo (LA)

Sampdoria – Cagliari 0-0

CLASSIFICA:

Bari, Fiorentina, Inter, Juventus, LR. Vicenza e Milan 2; Cagliari, Lazio, Sampdoria e Torino 1; Bologna, Brescia, Napoli, Palermo,

Roma e Verona 0.

Gianni Rivera è l’autentico mattatore della giornata grazie al poker messo a segno sul campo di Brescia che lo proietta al vertice della classifica

dei cannonieri. Alle prodezze del fuoriclasse milanista risponde Helmut Haller il quale trascina la sua Juventus ad una larga vittoria sul Palermo. Inizia bene anche

il campionato della Fiorentina, mentre il Napoli, nonostante un grande Josè Altafini, cade a Vicenza. Inizia male pure la stagione della Roma stesa da un rigore di

Faustinho Canè.

In settimana prendono il via le Coppe europee nelle quali ben sette nostre compagini sono impegnate. Il Milan ha gia espletato la propria pratica, mentre le altre

scendono in campo in contemporanea. Anche la Coppa delle Fiere inizia ad unificare il proprio calendario con le altre due competizioni. Pure la Fiorentina, in Coppa

dei Campioni in quanto vincitrice dello scudetto, è alle prese con un turno tutto sommato facile, mentre in Coppa delle Fiere l’incontro più interessante è quello tra

l’Inter e lo Spartak di Praga.

COPPE EUROPEE: mercoledì 17 settembre 1969
COPPA DEI CAMPIONI – ANDATA 16i DI FINALE

Oster Vaksjo – Fiorentina 0-1

COPPA DELLE COPPE – ANDATA 16i DI FINALE

Ards – Roma 0-0

COPPA DELLE FIERE – ANDATA 32i DI FINALE

Aris Salonico – Cagliari 1-1

Inter – Sparta Praga 3-0

Juventus – Lokomotiv Plovdiv 3-1

Metz – Napoli 1-1

Si chiude senza sconfitte la prima giornata di coppe europee nella quale spicca la bella vittoria ottenuta dalla Fiorentina in Svezia firmata

Maraschi. Pure l’Inter può guardare alla gara di ritorno con molta tranquillita, alla luce del secco 3 a 0 rifilato allo Spartak Praga, grazie ad una doppietta di

Roberto Boninsegna e ad un gol dell’attaccante di origine veronese Alberto Reiff.

Il sabato sera la Brabham domina il Gran Premio del Canada, penultima gara di un campionato di Formula UNO letteralmente dominato dalla Matra di Jacky Stewart, e con

una Ferrari non pervenuta.

2a GIORNATA: domenica 21 settembre 1969

Bologna – Lazio 1-0

41′ Savoldi

Cagliari – LR. Vicenza 2-1

9′ Domenghini, 42′ Riva, 84′ Facchin (LR)

Milan – Bari 1-0

28′ Combin

Napoli – Fiorentina 0-1

47′ Maraschi

Palermo – Inter 1-2

26′ Causio (PA), 41′ Bertini rig., 55′ Facchetti

Roma – Brescia 1-0

40′ aut. Botti

Torino – Sampdoria 2-1

37′ Cristin (SA), 44′ aut. Salvi, 64′ Moschino rig.

Verona – Juventus 1-0

42′ Traspedini

CLASSIFICA:

Fiorentina, Inter e Milan 4; Cagliari e Torino 3; Bari, Bologna, Juventus, LR. Vicenza, Roma e Verona 2; Lazio e Sampdoria 1;

Brescia, Napoli e Palermo 0.

Nestor Combin lancia il Milan in vetta assieme a Fiorentina ed Inter. Cade la Juventus a Verona per mano dell’ex Vincenzo Traspedini. Fa sensazione

vedere il Napoli ancora senza punti dopo due giornate.

Intanto quello che passerà alla storia come l’autunno caldo, entra nel vivo. Il 23 la Pirelli chiude due reparti alla Bicocca. Anche a Milano la rivolta ha una

motivazione e un pretesto. Le agitazioni diventano rivolte, alimentate dai Cub, dalla sinistra extraparlamentare che non cerca altro, facendo a sua volta un favore

agli estremisti di destra che cosi’ possono andare allo scontro fisico, come vogliono i “professori”, i capi, delle ormai venti (Rosa dei Venti), schegge

impazzite, segrete come quelle di pulcinella, ma dove tutti fanno finta di non vedere, di non conoscere, di
non sapere. E’ un laissez fare; si punta in buona fede o con la vilta’ al fai da te dell’ordine, al terrorismo fatto con le pentole a pressione e qualche chilo di

gelignite. Roba da terzo mondo.

Il giorno successivo, intanto, il Milan porta a termine la pratica del passaggio del primo turno di Coppa dei Campioni andando a vincere in Lussemburgo per 3 a 0,

grazie ai gol di Combin, Sormani e Rivera.

Di che cosa si stia parlando, riguardo a queste schegge impazzite, è chiaro solo tre giorni dopo: il 26 nei pressi di Vercelli, con cariche di esplosivo vengono fatti

saltare due elettrodotti della ferrovia Milano Torino. Nei due capoluoghi di regione già si teme qualche grosso guaio. Tutto lo fa prevedere. Gli otto attentati di

agosto in varie zone d’Italia avevano un chiaro segnale:

Che si stia preparando qualche

cosa di brutto, molti in certi ambienti lo pensano.

3a GIORNATA: domenica 28 settembre 1969

Bari – Napoli 0-0

Brescia – Cagliari 0-2

47′ Domenghini, 80′ Riva

Fiorentina – Sampdoria 1-0

42′ Esposito

Inter – Torino 2-0

40′ Bertini rig., 58′ Landini

Juventus – Bologna 1-1

51′ Vieri (JU), 59′ Scala

Lazio – Milan 1-0

62′ Chinaglia

Palermo – LR. Vicenza 1-3

9′ Biasiolo, 36′ Giubertoni (PA), 61′ Vitali, 66′ Biasiolo

Verona – Roma 2-0

63′ e 85′ Bui

CLASSIFICA:

Fiorentina e Inter 6; Cagliari 5; LR. Vicenza, Milan e Verona 4; Bari, Bologna, Juventus, Lazio e Torino 3; Roma 2; Napoli e

Sampdoria 1; Brescia e Palermo 0.

Un nome nuovo per il calcio italiano! Giorgio Chinaglia, ragazzone con un passato inglese, interrompe la lunga serie positiva del Milan che vede

fuggire Inter e Fiorentina, mentre si vede affiancare da Lanerossi Vicenza e Verona, vittorioso sulla Roma. Riva e Domenghini trascinano in alto il Cagliari, mentre la

Juventus deve accontentarsi di un punticino in casa col Bologna.

Tre giorni dopo le altre nostre “magnifiche sei” sono chiamate ad imitare il Milan, completando l’opera iniziata quindici giorni prima.

COPPE EUROPEE: mercoledì 1 ottobre 1969
COPPA DEI CAMPIONI – RITORNO 16i DI FINALE

Fiorentina – Oster Vaksjo 2-1

COPPA DELLE COPPE – RITORNO 16i DI FINALE

Roma – Ards 3-1

COPPA DELLE FIERE – RITORNO 32i DI FINALE

Cagliari – Aris Salonico 3-0

Lokomotiv Plovdiv – Juventus 1-2

Napoli – Metz 2-1

Sparta Praga – Inter 0-1

Italia avanti tutte! Questo è il responso emesso dal primo turno di coppa nel quale espiccano le vittorie esterne della Juventus a Plovdiv e dell’

Inter su quello ben più celebre di Praga.

Intanto per una squadra italiana si avvicina un appuntamento ben più importante: quello con la Coppa Intercontinentale. Contro gli argentini dell’Estudiantes il Milan

vuole prendersi quel trofeo sfuggitogli sei anni prima in modo discutibile contro il Santos.

Per meglio preparare la gara d’andata i rosso-neri anticipano il loro match contro l’ostico Verona.

ANTICIPO 4a GIORNATA: sabato 4 ottobre 1969

Milan – Verona 2-0

57′ Sormani, 73′ Prati
Benedicto Sormani e Pierino Prati consegnano al Milan una vittoria utile per bloccare sul nascere una possibile crisi e per preparare con

tranquillità la sfida ai campioni del Sud America.

4a GIORNATA: domenica 5 ottobre 1969

Bologna – Palermo 3-1

18′ Perani, 27′ Turra, 41′ Savoldi, 83′ Troja (PA)

Brescia – Bari 0-0

Cagliari – Lazio 1-0

63′ Brugnera

LR. Vicenza-Fiorentina 1-2

22′ Vitali (LR) rig., 32′ e 88′ Chiarugi

Roma – Inter 2-1

39′ aut. Suarez, 53′ Peirò, 73′ Boninsegna (IN)

Sampdoria – Juventus 0-0

Torino – Napoli 0-2

34′ Canzi, 45′ Juliano

CLASSIFICA:

Fiorentina 8; Cagliari 7; Inter e Milan 6; Bologna 5; Bari, Juventus, LR. Vicenza, Roma e Verona 4; Lazio, Napoli e Torino 3;

Sampdoria 2; Brescia 1; Palermo 0.

Luciano Chiarugi, uno dei giovani più forti tecnicamente, lancia in vetta solitaria la Fiorentina. L’Inter infatti cade a Roma sotto i colpi dell’ex

Peirò. I viola, ancora a punteggio pieno, sono inseguiti dal Cagliari reduce dalla sua terza vittoria consecutiva con la Lazio. Fa sensazione vedere il Palermo ancora

a quota 0.

A tarda sera si corre il Gran Premio degli Stati Uniti vinto dall’austriaco Jochen Rind, mentre la Ferrari conquista un quinto posto a ben sette giri dal vincitore.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.