CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1968-69: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 10a ALLA 12a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Altri ultra milionari catalizzano l’attenzione di milioni di persone. Questi non rischiano di essere presi a uova in faccia, al massimo qualche riferimento a qualche presunta professione di madri, mogli o fidanzate, per aver sbagliato un gol, per militare nella squadra sbagliata o, se presenti sul terreno di gioco in veste di arbitro, per qualche decisione sfavorevole alla propria fede.
10a GIORNATA: domenica 8 dicembre 1968

Atalanta – Torino 3-1

17′ Nastasio, 40′ Clerici rig., 81′ Incerti, 83′ Agroppi (TO)

Cagliari – Bologna 3-1

33′ Riva, 44′ Muiesan (BO), 63′ Brugnera, 77′ Riva

rig.
Fiorentina – Napoli 2-1

19′ Canè (NA), 67′ Amarildo, 71′ Rizzo

Inter – Varese 6-0

16′ aut. Dolci, 25′ Vastola, 53′ Facchetti, 77′ Domenghini, 86′ Vastola, 88′ Domenghini

Juventus – Milan 0-1

41′ Hamrin

LR. Vicenza – Roma 1-2

36′ Cordova, 42′ Taccola, 50′ Gallina (LR)

Pisa – Palermo 4-1

13′ Piaceri rig., 44′ Troja (PA), 56′ Joan, 60′ e 62′ Mascalaito

Sampdoria – Verona 3-2

3′ Traspedini (VE), 31′ Mazzanti (VE), 58′ Cristin, 72′ Vincenzi, 87′ Frustalupi

CLASSIFICA:

Cagliari 16; Fiorentina e Milan 15; Inter e Juventus 11; Palermo e Roma 10; Bologna e Verona 9; Atalanta, LR. Vicenza, Napoli, Pisa e Sampdoria 8; Torino e Varese 7.
Le tre di testa vincono tutte. In particolare va segnalato il successo esterno ottenuto dal Milan in casa della Juventus che vede protagonista il grande Kurt Hamrin, decisivo nel realizzare un gol che allontana i bianconeri dalla lotta per il primato.

In coda si registra il brutto momento del Torino pesantemente battuto in casa dell’Atalanta e relegato in ultima posizione assieme al Varese.

Il 13 dicembre, mentre in alcune zone del Veneto e dell’Emilia Romagna Santa Lucia, sempre più ricca, porta doni ai bambini, a tutti gli italiani porta il primo governo Rumor.
11a GIORNATA: domenica 15 dicembre 1968

Bologna – Sampdoria 0-0

Cagliari – Pisa 3-0

54′ Riva rig., 59′ Boninsegna, 80′ Cera

Inter – Atalanta 1-1

72′ Jair (IN), 74′ Lazzotti

Napoli – Varese 1-1

7′ Sogliano, 27′ Juliano (NA)

Palermo – LR. Vicenza 2-1

6′ Pellizzaro, 27′ Ferrari, 52′ Cinesinho (LR)

Roma – Milan 1-1

38′ Sormani, 62′ Taccola (RM)

Torino – Fiorentina 0-0

Verona – Juventus 2-1

21′ Bui, 29′ Petrelli, 88′ Anastasi (JU)

CLASSIFICA:

Cagliari 18; Fiorentina e Milan 16; Inter e Palermo 12; Juventus, Roma e Verona 11; Bologna 10; Atalanta, Napoli e Sampdoria 9; LR. Vicenza, Pisa, Torino e Varese 8.
Il Cagliari prende il largo! I sardi vivono uno splendido momento di forma trascinati dalla coppia gol Boninsegna-Riva. Dietro Milan e Fiorentina debbono accontentarsi di un pareggio nelle rispettive trasferte. A distanza siderale notiamo il rendimento costante del Palermo, mentre l’altra neo-promossa terribile, il Verona, si toglie la soddisfazione di sconfiggere la Juventus, acuendone la crisi.

In settimana la Fiorentina viene travolta per 3 a 0 dai portoghesi del Vitoria Setubal nell’ultima gara di coppe europee di questo 1968, comunque ricco di soddisfazioni per il nostro calcio.

Intanto viene compiuto un altro passo in avanti riguardante la parità tra uomo e donna. Il 19 dicembre, infatti, la Corte costituzionale stabilisce che l’adulterio della donna non è più reato e le concede la separazione dal marito in caso
di una sua accertata infedelta’ coniugale, prima riservata solo all’uomo. Si tratta di un’altra spallata data alle concezioni tradizionali concernenti i rapporti interpersonali.

Siamo in pieno clima natalizio, ma all’Isolotto le polemiche non si sono calmate, la chiesa è ancora presidiata, e sono falliti tutti i tentativi di mediazione fra curia e parrocchiani. Il 20 dicembre il Papa in persona interviene con una lettera a Don Mazzi. PAOLO VI lo prega di ritornare all’obbedienza, ma ormai non dipendepiù da lui, e’ tutta la popolazione fiorentina a schierarsi contro l’alta gerarchia, a sfilare a migliaia in silenzio davanti
alla curia, a ricevere solidarieta’ non solo da tutta Italia ma da tutto il mondo, perché la notizia ha ormai varcato i confini nazionali. E polemicamente
sul sagrato con migliaia e migliaia di cittadini si celebrano le funzioni natalizie con don Mazzi e gli altri due viceparroci “ribelli” solidali. Una Caporetto
del cattolicesimo intransigente, conservatore, incapace perfino di “vedere” e capire un evento cosi’ dirompente e plateale. La chiusura della chiesa dell’Isolotto, va immediatamente sulle pagine dei giornali, rimanendo, in futuro, nelle pagine degli annali in quanto destinata a cambiare un’epoca!
12a GIORNATA: domenica 22 dicembre 1968

Bologna – Pisa 1-0

26′ Muiesan rig.

Fiorentina – Palermo 1-0

47′ Maraschi rig.

Juventus – LR. Vicenza 1-0

38′ Haller rig.

Milan – Torino 1-0

88′ Rosato

Napoli – Atalanta 2-0

14′ Altafini, 63′ Canè

Sampdoria – Inter 0-3

41′ Bertini rig., 61′ Facchetti, 89′ Vastola

Varese – Roma 2-1

29′ Golin, 88′ Leonardi, 90′ Taccola (RM)

Verona – Cagliari 0-0

CLASSIFICA:

Cagliari 19; Fiorentina e Milan 18; Inter 14; Juventus 13; Bologna, Palermo e Verona 12; Napoli e Roma 11; Varese 10; Atalanta e Sampdoria 9; LR. Vicenza, Pisa e Torino 8.
Il Bentegodi si rivela un terreno ostico anche per il lanciatissimo Cagliari costretto ad accontentarsi di un punto. Fiorentina e Milan, sospinto da uno dei pochi gol realizzati da Roberto Rosato, ne approfittano per ridurre lo svantaggio preparando un’entusiasmante volata per il titolo di Campione d’Inverno alla ripresa del torneo. Infatti la serie A si ferma in quanto la nazionale azzurra sta per volare in Messico per fare la conoscenza con l’ambiente che, nel 1970, ospiterà i campionati del mondo. Nonostante ssia stato disputato un solo incontro di qualificazione, c’è la certezza di essere i protagonisti della futura massima manifestazione calcistica.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento