CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LA RICONFERMA MONDIALE DELL’INTER

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Tuttavia lo sdegno e la compassione non fermano la vita e al termine di questa settimana l’Inter apre ufficialmente la stagione pre-mondiale d’Inghilterra. I campioni nerazzurri anticipano il loro incontro per preparare al meglio la gara d’andata di Coppa Intercontinentale.
ANTICIPO 1a GIORNATA: sabato 4 settembre 1965

Inter – Varese 5-2

3′ Corso rig., 12′ Gori, 21′ Domenghini, 39′ Facchetti, 45′ Bagatti (VA), 49′ Facchetti,
87′ Combin (VA)
Basta un tempo all’Inter per chiudere il conto col Varese. La ripresa si trasforma in una lunga passerella nella quale i giocatori di Herrera possono risparmiare le forze in vista dell’importante partita del mercoledì successivo.
1a GIORNATA: DOMENICA 5 settembre 1965

Atalanta – Fiorentina 1-1

30′ De Sisti, 66′ Danova (AT)

Bologna – Cagliari 1-0

19′ Haller

Brescia – Catania 4-1

25′ Maestri, 32′ De Paoli, 38′ Facchin (CA), 44′ De Paoli, 77′ Salvi

Juventus – Foggia 1-0

29′ Traspedini

LR. Vicenza – Roma 1-1

18′ Da Silva, 50′ Vinicio (LR) rig.

Lazio – Milan 0-0

Napoli – Spal 4-2

37′ Canè rig., 44′ Capello (SP), 49′ Bagnoli (SP), 58′ e 72′ Canè, 79′ Altafini

Sampdoria – Torino 1-1

57′ Cristin (SA), 84′ Simoni

CLASSIFICA:

Bologna, Brescia, Inter, Juventus e Napoli 2; Atalanta, Fiorentina, LR. Vicenza, Lazio, Milan, Roma, Sampdoria e Torino 1; Cagliari, Catania, Foggia, Spal e Varese 0.
Mentre le grandi balbettano – Bologna e Juventus vincono a fatica e il Milan non va oltre il pareggio sul campo della Lazio – Brescia e Napoli danno spettacolo. I lombardi mettono in evidenza la verve realizzativa del centravanti Virgilio Depaoli, mentrei campani, trascinati da Faustinho Canè riescono ad avere la meglio sulla coriacea Spal nella quale realizza il primo gol in serie A un certo Fabio Capello.

In settimana la Milano interista si prepara a vivere un’altra serata mondiale. L’8 settembre Mazzola e compagni incontrano gli argentini dell’Independiente desiderosi di vendicare la sconfitta della stagione precedente. Per l’occasione il tecnico ispano-argentino può schierare la formazione migliore.
COPPA INTERCONTINENTALE – FINALE D’ANDATA – Milano (Stadio Comunale San Siro), mercoledì 8 settembre 1965
INTER – INDEPENDIENTE 3-0

RETI: 2′ Peirò, 23′ e 60′ Mazzola S.

INTER: Sarti G., Burgnich, Facchetti; Bedin, Guarneri, Picchi II; Jair, Mazzola S., Peirò, Suarez, Corso. ALL.: Hl. Herrera.

INDEPENDIENTE: Santoro, Navarro, Pavoni; Acevedo, Guzmán, Ferreiro; Bernao, De la Mata, Avallay, Rodríguez, Savoy. ALL.: M. Giudice.

ARBITRO: Kreitlein (Germania Ovest.
Pronti via e l’Inter passa immediatamente in vantaggio grazie a Juachin Peirò, un campione che la domenica accetta spesso la tribuna senza far polemiche, trasformandosi in cecchino infallibile nelle sere di coppa. Ora l’Inter può gestire la partita secondo i propri desideri e quando c’è da condurre il contropiede Sandro Mazzola diventa devastante. Dopo 23 minuti il figlio del grande Valentino raddoppia trasformando la vittoria in trionfo al 15’ del secondo tempo, quando con una magnifica rovesciata trafigge il portiere argentino Santoro. In Argentina basterà semplicemente resistere per riconfermarsi in cima al mondo.

I ner’azzurri partono immediatamente per il Sud America rinviando la gara col LR. Vicenza, mentre Monza accoglie il tradizionale Gran Premio d’Italia di Formula Uno. Il dominio incontrastato della Lotus ha tolto parte del fascino alla gara, magli appassionati sperano in un moto d’orgoglio della Ferrari, ancora a secco di vittorie. Lo scozzese neo iridato sembra ripetersi, ma la pompa della benzina della sua vettura lo tradisce e il successo arride a Jackie Stewart su BRM, alla prima vittoria in carriera, seguito dal compagno di squadra Graham Hill e da Dan Gurney su Brabham.
2a GIORNATA: DOMENICA 12 settembre 1965

Atalanta – Juventus 0-0

Cagliari – Sampdoria 1-1

30′ Riva (CA), 62′ Cristin

Fiorentina – Brescia 2-0

6′ aut. Rizzolini, 50′ Hamrin

Milan – Foggia 1-0

72′ Sormani

Napoli – Catania 3-0

22′ Canè, 26′ Altafini, 47′ Canè

Roma – Spal 0-2

27′ Muzzio, 41′ Massei rig.

Torino – Lazio 2-2

18′ Meroni (TO), 57′ D’Amato, 74′ Ciccolo, 78′ Simoni (TO)

Varese – Bologna 1-4

12′ Vastola, 33′ Nielsen, 59′ Bulgarelli, 72′ Boninsegna (VA), 85′ Haller

CLASSIFICA:

Bologna e Napoli 4; Fiorentina, Juventus e Milan 3; Atalanta, Brescia, Inter, Lazio, Spal, Sampdoria e Torino 2; Cagliari, LR. Vicenza e Roma 1; Catania, Foggia e Varese 0.

A suon di gol Napoli e Bologna conquistano la testa della classifica. Fa sensazione soprattutto la larga vittoria del Bologna sul campo di un Varese che ha incassato ben nove reti nelle prime due gare. Dietro vince il Milan che festeggia il primo gol in rossonero di Luis Sormani.

In settimana ritornano le Coppe Europee, che fungono da match di contorno all’impegno intercontinentale dell’Inter. Si inizia con la Coppa delle Fiere, torneo lunghissimo che, data la necessità di comprimere i calendari, verrà assegnata nel settembre del 1966, quando la nuova stagione starà per iniziare. La prima squadra italiana a scendere in campo è la Fiorentina, la quale supera a pieni voti l’esame Stella Rossa. Sul terreno di Belgrado due reti del giovane Mario Bertini, una dell’esperto Kurt Hamrin e di Nuti chiudono la pratica qualificazione.

Nella notte l’Inter è di scena nell’inferno di Avellaneda dove incontra il solito ambiente ostile. Al momento di scendere in campo, infatti, i giocatori italiani vengono accolti con una sassaiola.
COPPA INTERCONTINENTALE – FINALE DI RITORNO – Avellaneda, mercoledì 15 settembre 1965
INDEPENDIENTE – INTER 0-0

INDEPENDIENTE: Santoro, Navarro, Pavoni; Ferreiro, Barrios, Guzmán; Bernao, Mura, Avallay, Mori, Savoy.
ALL.: M. Giudice

INTER: Sarti G., Burgnich, Facchetti; Bedin, Guarneri, Picchi II; Jair, Mazzola S., Domenghini, Suarez, Corso. ALL.: Hl. Herrera (ARG)

ARBITRO: Yamasaki (Perù).
L’ambiente ostile non spaventa i milanesi, i quali resistono e al termine di novanta minuti combattuti riconquistano il trofeo diventando la prima squadra europea (e per molti anni anche l’unica) a vincerlo per due stagioni consecutive.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento