CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1964-65: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 23a ALLA 26a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Febbraio volge al termine e con esso anche l’inverno. Il campionato entra nella sua fase decisiva: a primavera, infatti, si vede chi ha il passso

giusto per raccogliere quanto seminato fin dai mesi della preparazione estiva!

23a GIORNATA: domenica 28 febbraio 1965

Atalanta – Fiorentina 2-1

33′ Petroni rig., 56′ Magistrelli, 90′ Morrone (FI)

Bologna – Juventus 1-1

2′ Bulgarelli (BO), 9′ Stacchini

Cagliari – Catania 2-0

23′ Nenè, 85′ Cera

Genoa – Foggia 1-0

1′ Vanara

Mantova – Sampdoria 1-0

11′ Jonsson

Milan – Messina 2-0

26′ Amarildo, 81′ Rivera

Roma – Inter 1-3

10′ Jair, 22′ Manfredini (RM), 41′ e 53′ Domenghini

Torino – L.R. Vicenza 3-0

5′ Simoni, 49′ Moschino, 51′ Ferrini

Varese – Lazio 0-1

75′ Governato

CLASSIFICA:

Milan 38; Inter 34; Fiorentina, Juventus e Torino 29; Bologna 27; Atalanta 23; L.R. Vicenza 22; Catania, Roma e Sampdoria 21; Foggia

e Varese 20; Lazio 19; Genoa 18; Cagliari 17; Mantova 14; Messina 12.

Il Milan batte il Messina, lasciandolo da solo in ultima posizione e sempre più lontano dalla salvezza a causa delle contemporanee vittorie di tutte

le altre contendenti, e risponde al pesante successo dell’Inter sul campo di una Roma che sta portando avanti un onesto campionato di centro-classifica.

In questa giornata va registrata la vittoria del Genoa in un drammatico scontro salvezza col Foggia.

In settimana l’Inter torna dalla Scozia sconfitta per 1 a 0, per mano di Forrest, autore del gol dei Rangers a San Siro. Il passaggio a vuoto, tuttavia, non ha alcuna

ripercussione sul cammino degli uomini di Herrera, ancora una volta pronti a giocarsi il trofeo fino in fondo. Molto meno rassicurante si rivela il pareggio interno

per 1 a 1 del Torino contro la quotata Dinamo Zagabria nei quarti di finale della Coppa delle Coppe.

24a GIORNATA: domenica 7 marzo 1965

Atalanta – Milan 1-1

43′ Petroni (AT), 65′ Altafini

Catania – Roma 4-0

9′ Facchin rig., 38′ Rozzoni, 63′ Cinesinho, 79′ Calvanese

Fiorentina – Torino 2-0

17′ e 71′ Orlando rig.

Inter – Cagliari 3-0

16′ e 26′ Suarez, 88′ Bedin

Juventus – Genoa 7-0

43′ Dell’Omodarme, 46′ e 58′ Stacchini, 61′ Leoncini, 74′ Menichelli rig., 82′ Del Sol, 89′ Da Costa

L.R. Vicenza – Mantova 1-0

39′ Vastola

Lazio – Bologna 1-1

38′ Pascutti, 89′ Mari (LA)

Messina – Foggia 0-0

Sampdoria – Varese 0-0

CLASSIFICA:

Milan 39; Inter 36; Fiorentina e Juventus 31; Torino 29; Bologna 28; Atalanta e L.R. Vicenza 24; Catania 23; Sampdoria 22; Foggia,

Roma e Varese 21; Lazio 20; Genoa 18; Cagliari 17; Mantova 14; Messina 13.

L’Inter, giunta alla quinta vittoria consecutiva, continua nella sua marcia d’avvicinamento nei confronti di un Milan che dà qualche segno di

stanchezza. Rivera e compagni confidano in un rallentamento dei cugini, che sembra tuttavia di là da venire.

In settimana Juventus e Roma giocano le loro gare di Coppa delle Fiere. Per una stranezza ddel calendario, o per scarsa organizzazione dell’UEFA, i bianconeri

terminano il loro turno, mentre i Capitolini disputano l’andata contro il forte Ferencvaros. Effettivamente gli ungheresi lasciano l’Olimpico con un successo per 2 a 1

che li proietta con un piede in semifinale. La Juventus, invece, torna dalla Bulgaria con un pareggio per 1 a 1, che rende necessaria la terza partita.

Ora l’ambiente può concentrarsi sulla nazionale chiamata a disputare un’amichevole di prestigio contro la Germania Occidentale. I nostri avversari scenderanno in campo

privi dei calciatori che militano nel nostro campionato. Tra gli azzurri esordiscono Saul Malatrasi e Roberto Rosato.

248: Amburgo (Volkparkstadion) – sabato, 13 marzo 1965 – ore 16,00

GERMANIA OVEST – ITALIA 1-1 (Am)

RETI: 41’ Sieloff rig., 72’ A. Mazzola (I)

GERMANIA OVEST: Tilkowski (56′ Manglitz), Piontek, Patzke, Höttges (32′ Steinmann), Sieloff, W. Weber, Heiss, Küppers, Brunnenmeier (cap.), Konietzka, Hornig. C.T.:

H. Schön.

ITALIA: Negri (Bologna) 7 (46′ Albertosi (Fiorentina) 2), Malatrasi (Inter) 1, Burgnich (Inter) 3, Rosato (Torino) 1, Guarneri (Inter) 8, Picchi (Inter) 2, Orlando

(Fiorentina) 3, Bulgarelli (Bologna) 12, A. Mazzola (Inter) 8, Rivera (Milan) 14 (cap.), Pascutti (Bologna) 8 (46′ Corso (Inter) 12). C.T.: E. Fabbri.

ARBITRO: Michaelsen (Danimarca).

Di questa partita rimane il carattere di una squadra brava a recuperare una partita che si è messa male dopo l’espulsione di Tarcisio Burgnich. Gli

azzurri, però dispongono di ragazzi già consapevoli delle loro possibilità: tra questi c’è senz’altro Sandro Mazzola, trascinatore della sua Inter in Italia ed in

Europa e anche in nazionale riesce a trovarsi il suo spazio segnando gol decisivi.

Il giorno successivo prosegue la Coppa Italia.

COPPA ITALIA 3o TURNO: domenica 14 marzo 1965

Cagliari – Atalanta 5-0

Genoa – Simmenthal Monza 3-0

Lecco – Juventus 0-2 d.t.s.

Napoli – Palermo 1-0

Tutti i pronostici vengono sostanzialmente rispettati: fanno semmai scalpore la larga vittoria con cui il Cagliari ha estromesso l’Atalanta e il

successo della Juventus sul Lecco maturato solamente durante i tempi supplementari.

In settimana Roma e Torino completano i rispettivi quarti di finale. Il martedì i giallorossi devono inchinarsi a Floryan Albert, il quale, con un suo gol, certifica

il passaggio del Ferencvaros in semifinale.

Ben altra atmosfera si respira in casa granata: il giorno successivo Luigi Simoni e Gerald Hitchens sovvertono la rete del forte Dragan Jerkovic e trascinano il Torino

in semifinale.

25a GIORNATA: domenica 21 marzo 1965

Bologna – Roma 1-2

31′ Tamborini, 39′ Nicolè, 80′ Haller (BO)

Cagliari – Messina 2-1

48′ Bagatti (ME) rig., 53′ Nenè, 82′ Cappellato

Foggia – Catania 1-0

85′ Nocera

Genoa – Torino 1-2

13′ Ferrini, 38′ Albrigi, 90′ Cappellini (GE)

Juventus – Fiorentina 1-0

38′ Stacchini

Lazio – L.R. Vicenza 0-0

Mantova – Inter 0-1

73′ Domenghini

Milan – Sampdoria 3-0

4′ aut. Vincenzi, 33′ Mora, 39′ Altafini

Varese – Atalanta 0-0

CLASSIFICA:

Milan 41; Inter 38; Juventus 33; Fiorentina e Torino 31; Bologna 28; Atalanta e L.R. Vicenza 25; Catania, Foggia e Roma 23;

Sampdoria e Varese 22; Lazio 21; Cagliari 19; Genoa 18; Mantova 14; Messina 13.

La pausa sembra rigenerare il Milan che si impone in modo autoritario sulla Sampdoria, sempre più vicina alla zona retrocessione, e risponde alla

nuova vittoria interista. Gli uomini allenati da Liedholm si presentano in buone condizioni al derby della settimana successiva: basterebbe non perdere per tenere i

Campioni d’Europa a distanza di sicurezza.

26a GIORNATA: domenica 28 marzo 1965

Atalanta – Cagliari 0-1

7′ Riva

Bologna – Fiorentina 3-1

55′ Nielsen, 59′ Hamrin (FI), 72′ Nielsen, 87′ Tumburus

Catania – L.R. Vicenza 2-0

17′ Rozzoni, 90′ Calvanese

Foggia – Varese 3-0

72′ Lazzotti, 85′ Gambino, 90′ Favalli

Mantova – Genoa 2-0

58′ Di Giacomo, 70′ Jonsson

Milan – Inter 2-5

5′ Jair, 17′ Amarildo (MI), 68′ Domenghini, 73′ Corso, 75′ Amarildo (MI), 81′ e 84′ Mazzola

Roma – Lazio 0-0

Sampdoria – Juventus 1-0

43′ Bari
Torino – Messina 1-0

19′ Simoni

CLASSIFICA:

Milan 41; Inter 40; Juventus e Torino 33; Fiorentina 31; Bologna 30; Atalanta, Catania, Foggia e L.R. Vicenza 25; Roma e Sampdoria

24; Lazio e Varese 22; Cagliari 21; Genoa 18; Mantova 16; Messina 13.

Per più di due terzi di gara il derby milanese rimane in equilibrio, poi al gol di Domenghini, che riporta i ner’azzurri in vantaggio, gli uomini

allenati da Liedholm si sciolgono come neve al sole dando spazio allo show di Mazzola e compagni. Con questa vittoria, la settima consecutiva, l’Inter si porta ad un

punto dai rivali, riaprendo un campionato che solo un mese prima sembrava definitivamente chiuso.

In coda la situazione si fa drammatica per il Genoa sconfitto a Mantova. I liguri hanno uno svantaggio di tre punti sul Cagliari che dall’inizio del girone di ritorno.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.