CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

INTER-REAL MADRID 3-1: È L’INIZIO DI UN’ERA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Archiviata la penultima giornata di campionato, l’attenzione degli sportivi si concentra sulla finale di Coppa dei Campioni, che vede opposta l’Inter al grande Real Madrid. C’è da sfatare una tradizione che vede gli spagnoli sempre vincenti nelle sfide con le italiane, capaci di imporsi al più in qualche battaglia, ma non nelle guerre contro i bianchi.

Teatro della sfida è uno dei palcoscenici calcistici più affascinanti d’Europa: il Prater di Vienna.
COPPA DEI CAMPIONI – FINALE – VIENNA (Prater Stadion) – mercoledì 27 maggio 1964
Inter – Real Madrid 3-1

RETI: 43’Mazzola, 62’Milani, 69’Felo (RM), 76’Mazzola

INTER: Sarti, Burgnich, Facchetti, Tagnin, Guarnieri, Picchi, Jair, Mazzola, Milani, Suarez, Corso. All.: H. Herrera.

REAL MADRID: Vicente, Isidro, Santamaria; Pachin, Müller, Zoco; Amancio, Felo, Di Stefano, Puskas, Gento.

ARBITRO: Stoll (Austria).

SPETTATORI: 72.000.
Davanti al televisore, nella maggior parte dei casi acquistato a forza di rate e di pasti a base di mortadella, molti italiani assistono ad una delle pagine più esaltanti della storia del calcio italiano. Con una condotta di gara accorta l’Inter annichilisce il Real Madrid. Sandro Mazzola è il grande protagonista della serata aprendo le marcature e realizzando il gol della sicurezza dopo una fuga in contropiede. Si apre ufficialmente qui l’era della “Grande Inter. Ora, però, lasciamoci raccontare quella splendida serata da chi l’ha vissuta come attore principe: il grande mediano Carlo Tagnin.

Al forte cursore di centrocampo fa eco il roccioso aristide Guarnieri:

>

ancora Tagnin:

A questo punto non può mancare un commento del compianto Giacinto Facchetti:

Sandro Mazzola, autentico eroe di quella serata di maggio ricorda:

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento