CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

TORNEO OLIMPICO DI CALCIO 1960: LA 3a GIORNATA DELLA FASE ELIMINATORIA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Al termine della prima settimana di gare, si chiude la fase a gironi del torneo olimpico di calcio.
Livorno (Stadio Ardenza) – giovedi 1 settembre 1960

EGITTO – TURCHIA 3-3 (Gir. A, 3a giornata)

RETI: Attia Rafaat, Kottb 2 (EG); Tarkan, Koken, Yalcinkaya (TU)

EGITTO: Korshed Fethi Ali, Zaki Yaken, El Hamouli Alaedin; Badawi Ali, El Fanaguili Rifaat, Kottb Samir; El Gohari Mahmoud, Nosseir Nabil, Noshi Mohamed, Attia Rafaat,

El Sherbin Mohamed.

TURCHIA: Kucukbay, Cipiloglu, Taner; Ozyazici, Tunakozan, Ertan; Uygun, Sensan, Yalcinkaya, Tarhan, Koken.

ARBITRO: Van Nuffel (Belgio). HT: 1-2

Roma Stadio Flaminio) – giovedì 1 settembre 1960

JUGOSLAVIA – BULGARIA 3-3 (Gir A, 3a giornata)

RETI: Galic 3 (JU); Kovatchev, Debarski 2 (BU)

Yugoslavia: Soskic, Durkovic, Jusufi; Zanetic, Sombolac, Perusic; Kozlina, Maravic, Galic, Knez, Kostic.

BULGARIA: Naidenov, Rakarov, Manolov (cap); Dimitrov, Largov, Kovatchev; Diev, Abadchev, Iliev, Yakimov, Debarski.

ARBITRO: Jonni (Italia)

SPETTATORI: 15.000.


CLASSIFICA:

JUGOSLAVIA e Bulgaria 5; Egitto e Turcia 1.

FIRENZE (Stadio Comunale) – giovedì 1 settembre 1960

ITALIA – BRASILE 3-1 (Gir. B, 3a giornata)

RETI: Rossano 2, Rivera (IT); Waldir (BR)

ITALIA: Alfieri, Burgnich, Trebbi; Tumburus, Salvadore, Trapattoni; Rancati, Ferrini, Fanello, Rossano, Rivera.

BRASILE: Carlos Alberto, Nono, Decio; Dari, Roberto Dias, Rubens II; Gerson, Wanderley, Paulinho Ferreira, China, Waldir.

ARBITRO: Schwinte (Francia)

Grosseto (Stadio Municipal) – giovedì 1 settembre 1960

Grosseto
GRAN BRETAGNA – TAYWAN 3-2 (Gir. B, 3a giornata)

RETI: R.Brown 2, Hasty; Yiu Chuk Yin 2 (TA)

GRAN BRETAGNA: Pinner, Greenwood, Holt; McKinven, L. Brown, Forde; Lewis, R. Brown, Hasty, Lindsay, Howard.

TAY WAN: Lau Sui Wah, Law Pak, Kok Kam Hung; Chan Hung, Lau Tim, Wong Man Wai; Wong Chi Keung, Lam Seung Yee, Chau Moon, Yiu Chuk Yin, Mok Chun Wah.

SPETTATORI: Kandlbinder (Germania Ovest) HT: 1-0

CLASSIFICA:
ITALIA 5; Brasile 4; Gran Bretagna 3; Taywan 0.

L’Aquila (Stadio Municipal, L’Aquila

DANIMARCA – TUNISIA (Gir C, 3a giornata)

RETI: F. Nielsen, H. Nielsen 2 (DA), Moncef Cherif (TU)

DANIMARCA: From, Andersen, Jensen (cap); Hansen, H.C. Nielsen, F. Nielsen; Pedersen, Troelsen, H. Nielsen, Danielsen, Sorensen.

TUNISIA: Khalled, Ridha, Dhaou; Meddeb, Mohieddine, Taoufik; Naji, Cherif, Chetali, Touati, Kerrit.

ARBITRO: Campanati (Italia).

SPETTATORI: 2.000.

Napoli (Stadio Fuorigrotta) – giovedì 1 settembre 1960


ARGENTINA – POLONIA 2-0 (Gir C, 3a giornata)

RETI: Oleniak, Perez

ARGENTINA: Periotti, Stauskas, Ginel; Blanco, de Ciancio, Diaz; Rendo, Zarich, Bonnano, Oleniak, Perez.

POLONIA: Stefaniczyn, Pahla, Wozniak; Strzykalski, Grzybowsky, Zientara; Gadecki, Brychczy, Hachorek, Pohl, Lentner.

ARBTRO: Garan (Turchia).

SPETTATORI: 10.000.

CLASSIFICA:
DANIMARCA 6; Argentina 4; Polonia 2; Tunisia 0.

Roma (Stadio Flaminio) – giovedì 1 settembre 1960


UNGHERIA – FRANCIA 7-0 (Gir D, 3a giornata)

RETI: Albert 2, Gorocs 3, Dunai 2

UNGHERIA: Torok, Dudas, Dalnoki; Solymosi, Varhidi, Kovacs; Pal, Gorocs, Albert, Dunai, Rakosi.

FRANCIA: Samoy, Polonia, Philippe; Baratto, Bodin, Artelesa; Stamm, Bordas, Quedec, Ahmed, Loncle.

ARBITRO: Orlandini (Italia).

Pescara (Stadio Adriatico) – giovedì 1 settembre 1960

PERÙ – INDIA 3-1 (Gir. D, 3a giornata)

RETI: Nieri 2, Uribe (PE); Balaraman (IN).

PERÙ: H. Campos, E. Campos, Boulanger; Carmona, Biselak, Arguedas; Ruiz, Nieri, Iwasaky, Uribe, Gallardo.

INDIA: Thangaraj, Chandrasekhar, Jamali; Latif, Kempaiah, Ram Bahadur; Banerjee, Goswami, Yousuf Khan, Balaraman, Sunder Raj.

ARBITRO: Mahmoud (Egitto).

CLASSIFICA:
UNGHERIA 6; Francia e Perù 3; India 0.
La selezione guidata da Gipo Viani fornisce una grande prova di carattere, soprattutto nella ripresa quando Rossano e Rivera rovesciano il risultato

annullando il vantaggio dei verde-oro. Sebbene si tratti di un torneo tra nazionali minori, finalmente gli azzurri possono giocarsi una medaglia, la prima in una

grande competizione dal termine della II Guerra Mondiale.

Altrettante emozioni si vivono al Flaminio di Roma, dove Jugoslavia e Bulgaria pareggiano per 3 a 3 il loro scontro diretto. In virtù della migliore differenza reti

conquistata nelle prime due partite, gli jugoslavi guadagnano l’accesso alla fase cruciale del torneo.

Negli altri due gironi Danimarca ed Ungheria completano il loro percorso netto: impressionano particolarmente i giovani magiari i quali, dopo aver sommerso il Perù,

riservano il medesimo trattamento alla Francia.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather