CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

JUVE-INTER SOSPESA!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Mentre nelle case degli italiani si commenta la notizia del volo extra-terrestre di Gagarin, appresa da radio e televisione, a Zagabria, intanto, la Fiorentina perde di misura contro i padroni di casa e si guadagna il diritto a giocare la finale della Coppa delle Coppe.
28a GIORNATA: domenica 16 aprile 1961

Bari – Napoli 1-0

43′ Catalano

Bologna – Udinese 1-1

31′ Vinicio (BO), 53′ Bettini

Fiorentina – Spal 0-3

31′ Bagatti, 44′ Novelli, 87′ Massei

Lazio – L.R. Vicenza 1-1

83′ 0. Conti, 88′ Morrone (LA)

Lecco – Torino 2-1

16′ Bonacchi, 43′ Ferrario (TO), 55′ Abbadie

Milan – Roma 2-1

43′ Lojacono (RM) rig., 48′ Trapattoni, 85′ Altafini

Padova – Atalanta 3-0

19′, 31′ e 50′ Bacci

Sampdoria – Catania 2-0

38′ Cucchiaroni, 83′ Brighenti

CLASSIFICA:

Juventus 40; Milan 39; Inter 36; Sampdoria 34; Roma 33; Fiorentina 32; Catania e Padova 30; Bologna 27; Spal 26; Atalanta e L.R. Vicenza 25; Napoli 23; Bari, Lecco e Torino 22; Udinese 21; Lazio 15.

La giornata prevede la supersfida tra Juventus ed Inter con le due squadre in piena lotta per lo scudetto. Ciò non accade da molti anni e l’avvenimento è sentitissimo tanto che Mezz’ora prima del fischio d’inizio, esauriti i biglietti, un folto gruppo di tifosi abbatte i cancelli esterni entrando nello Stadio Comunale di Torino, riversandosi sul terreno di gioco. L’arbitro Gambarotta di Genova riesce a far contenere il pubblico lontano
dalla linea di demarcazione del campo e dà il via alla partita. Il clima però non aiuta. Dopo un po’ comincia a piovere, la gente ai bordi comincia a muoversi, si crea confusione vicino alle linee di gioco e l’Inter decide di uscire dal campo, riparando negli spogliatoi e presentando poi riserva scritta, con richiesta di vittoria a tavolino per invasione di campo.

La giornata è quindi priva del suo evento principale e quindi anche gli altri risultati assumono un valore diverso, in particolare la vittoria del Milan.

In coda, intanto, si fa particolarmente difficile la posizione dell’Udinese ora penultima, mentre quella della Lazio sembra compromessa.

In settimana gli avvenimenti di Torino scatenano un mare di polemiche. Il caso è effettivamente complesso: si discute della differenza tra invasione e straripamento, mentre la posizione di Umberto Agnelli, presidente della Juventus e anche della Federcalcio, appare particolarmente delicata. La Commissione giudicante emette in fretta il verdetto: partita vinta a tavolino per l’Inter. La Juve ricorre in appello, motivando che il regolamento richiede una “invasione influente sul gioco”, il che non è accaduto.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento