CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

FIORENTINA REGINA IN COPPA DELLE COPPE!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Dopo la bella prova di carattere di Milano, la Fiorentina vola in Scozia per la partita d’andata valida per la finale della Coppa delle Cioppe. Ancora una volta i toscani debbono rinunciare a Miguel Angel Montuori, alle prese con gravissimi problemi fisici.
COPPA DELLE COPPE: FINALE ANDATA Glasgow, mercoledì 17 maggio 1961

GLASGOW RANGERS – FIORENTINA 1-2

RETI: 12′ Milan, 60′ Scott (GL), 86′ Hamrin

GLASGOW RANGERS: Ritchie, Shearer, Caldow; Davis, Paterson, Baxter; Wilson, McMillan, Scott, Brand, Hume

FIORENTINA: Albertosi, Robotti, Castelletti; Gonfiantini, Orzan, Rimbaldo; Hamrin, Micheli, Da Costa, Milan, Petris.
I viola tornano dalla scozia con una pesantissima vittoria da sfruttare nella gara di ritorno. Hamrin, autore del gol decisivo, e compagni vedono concretizzarsi la possibilità di dare un senso ad una stagione che in campionato si è fatta grigia. Le difficoltà per il sodalizio toscano sono iniziate nel momento in cui Miguel Angel Montuori ha subito un grave infortunio. Ora il giocatore sta affrontando una difficile convalescenza in seguito ad una tremenda capocciata subita a Perugia durante un’amichevole di marzo che doveva certificarne il recupero. In seguito al trauma la fortissima mezz’ala sta affrontando un periodo di assoluto riposo.

A fine settimana si corre il Gran Premio d’Olanda di Formula 1, vinto da Wolfgang von Trip davanti al compagno Phil Hill, nuovo leader del mondiale, e alla Lotus di Jim Clark.
32a GIORNATA: domenica 21 maggio 1961

Atalanta – L.R. Vicenza 1-0

53′ Maschio

Bari – Sampdoria 1-0

26′ Catalano

Bologna – Fiorentina 3-3

3′ e 21′ Pascutti (BO), 29′ Milan, 38′ Hamrin, 71′ Vinicio (BO), 74′ Hamrin

Milan – Lecco 1-1

49′ Ronzon (MI), 75′ Gilardoni

Napoli – Juventus 0-4

11′ Sivori, 32′ Boniperti, 45′ e 47′ Sivori

Padova – Catania 2-1

11′ Tortul, 53′ Ferretti (CA), 85′ Milani

Roma – Inter 0-2

12′ Bolchi, 56′ Morbello

Torino – Lazio 4-1

19′ Franzini (LA), 37′ Lancioni, 47′ Ferrini, 56′ Crippa, 81′ Mazzero

CLASSIFICA:

Juventus 46; Inter e Milan 42; Sampdoria 38; Fiorentina e Roma 37; Catania e Padova 34; Bologna 30; Atalanta e Spal 29; L.R. Vicenza 28; Torino e Udinese 27; Bari 26; Lecco e Napoli 25; Lazio 18.

Uno strepitoso Omar Sivori regala una grande vittoria alla Juventus sul campo di Napoli con i campani che ora sono precipitati al penultimo posto, tornando in grave crisi. Nell’ambito della lotta per la salvezza compie una mezza impresa il Lecco capace di strappare un punto in casa del Milan in quello che passerà alla storia per essere stata l’ultima gara ufficiale disputata dal grande Niels Liedholm.

In settimana il mercoledì riserva uno di quegli appuntamenti che di solito bloccano la nazione: a Roma scende l’Inghilterra. Si mira ad una vittoria che sancirebbe il rilancio definitivo dell’intero movimento italiano. Ferrari rivoluziona la squadra che ha battuto l’Irlanda del Nord richiamando giocatori come Buffon, Losi, Castelletti e Bruno Mora, e facendo esordire gli interisti Bruno Bolchi e Mariolino Corso.
227: Roma (Stadio Olimpico) – mercoledì, 24 maggio 1961 – h. 16,00

ITALIA – INGHILTERRA 2-3 (am.)

RETI: 39′ Hitchens, 43′ Sivori (I), 74′ Brighenti (I), 77′ Hitchens, 86′ Greaves

ITALIA: L. Buffon (Inter) 10 (cap.)(56′ Giuseppe Vavassori (Juventus) 1), Losi (Roma) 4, Castelletti (Fiorentina) 6, Bolchi (Inter) 1, alvadore (Milan) 3, Trapattoni (Milan) 3, Mora (Juventus) 5, Lojacono (Roma) 6, Brighenti (Sampdoria) 8, Sivori (Juventus) 2, Corso (Inter) 1. Coach: G. Ferrari.

INGHILTERRA: R. Springett, Armfield, McNeil, R. Robson, Swan, Flowers, Douglas, Greaves, Hitchens, Haynes (cap.), R. Charlton. Coach: W. Winterbottom.

ARBITRO: Latiscev (U.R.S.S.)

SPETTATORI: 62.000
Per qualche minuto l’Italia sogna l’impresa, ma un brutto finale rovina tutto. Rimane comunque la consapevolezza di una squadra in grado di lottare con tutti alla pari.

Per una volta la domenica viene dedicata aduna sola squadra: si tratta della Fiorentina che ha la possibilità di riportare in Patria un alloro importante. Il tecnico Hideguti riconferma in toto l’undici tornato vittorioso da Glasgow.
COPPA DELLE COPPE: FINALE DI RITORNO, Firenze (Stadio Comunale) – domenica 28 maggio 1961

FIORENTINA – GLASGOW RANGERS 2-0

RETI: 12′ e 88′ Milan.

FIORENTINA: Albertosi, Robotti, Castelletti; Gonfiantini, Orzan, Rimbaldo; Hamrin, Micheli, Da Costa, Milan, Petris

GLASGOW RANGERS: Ritchie, Shearer, Caldow; Davis, Paterson, Baxter; Wilson, McMillan, Scott, Brand, Hume.
La Fiorentina diventa la prima squadra italiana a conquistare un grande trofeo internazionale. E’ vero che il Bologna negli anni trenta ha dominato l’Europa, ma si trattava di competizioni che coinvolgevano poche nazioni, sebbene ad esse vi partecipassero ottime compagini. Da anni i viola sono ai vertici e questa è la consacrazione di un ciclo che probabilmente ha portato meno risultati dell’effettivo valore della squadra.

Lo stesso giorno la Roma fa scempio degli scozzesi dell’Ibernihan chiudendo su un eloquente 6 a 0, confezionato da un poker di Manfredini,condito dalle reti del giovane Menichelli e del solito Lojacono.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento