CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LUNEDÌ 10 GIUGNO 1940: “L’ORA DELLE DECISIONI IRREVOCABILI”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
La marcia tedesca in Francia prosegue senza intoppi. Le vittorie delle armate hitleriane trovano grande risalto sui giornali e nei cine-giornali italiani, con l’effetto che tutti, ormai, chiedono l’entrata in guerra, per non mancare l’appuntamento con la storia.

In questo clima il mondo del calcio deve ancora assegnare una Coppa Italia e il 9 giugno si disputano le semifinali. Il Genoa batte il Bari 2 a 0, mentre la Fiorentina travolge la Juventus
per 3 a 0.

Questo, però, sembra ormai interessare a pochi. Tutti sono concentrati su ben altri fronti. Si sa che il giorno successivo verrà dato un messaggio alla nazione.

Alle 18 di lunedì 10 giugno la gente non aspetta notizie comuni o risultati sportivi, ma un solo annuncio. Abbiamo già delineato le ragioni per cui una nazione impreparata si accinga ad un tale passo. Qui centra poco la propaganda fascista che per anni ha inteso formare una popolazione di guerrieri, ma contano di più i successi finora ottenuti dalla Germania convincendo tutti che si tratterà di una guerra lampo al termine della quale ci si ritroverà più  ricchi e potenti.  Sbaglieranno tutti! L’unico risultato saranno anni di sofferenze e privazioni!

In questo tardo pomeriggio di lunedì 10 giugno 1940, però, nessuno conosce il futuro. Dalle radio installate nelle piazze, nei centri ricreativi, nelle case del fascio e in numerosissime abitazioni risuonano, un po’ gracchianti, le seguenti parole pronunciate dalla voce tonante di Benito Mussolini:

Il discorso del DUCE viene più volte interrotto da acclamazioni di gioia. Evidentemente due decenni di pace hanno già cancellato il ricordo dei disastri umani e materiali lasciati dal primo conflitto mondiale, tanto che sui giornali si parla della guerra come se si trattasse di prendere parte ad un’avventura al massimo un po’ pericolosa!
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento