CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LA FUGA DI ARPAD WEISZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Il campionato si ferma per il capo d’anno fascista coincidente con l’anniversario della marcia su Roma. Alla ripresa non troveremo più un personaggio che tanto ha dato, sia al Bologna, sia all’intero movimento nazionale. Arpad Weistz, uno dei più grandi tecnici mai visti in Italia, è costretto a lasciare il suo posto a causa delle sue origini ebraiche. Anche il mondo del pallone deve fare i conti con gli effetti delle leggi raziali da poco approvate. Il maestro ungherese morirà nei campi di sterminio tedeschi.

Ma gli effetti di simili leggi sono ben più pesanti, sia per la perdita d’immagine della nazione macchiatasi di un così grave crimine contro l’umanità, sia per la perdita di molti scienziati di origine ebraica, la maggior parte dei quali fuggiti negli Stati Uniti. Tra questi ricordiamo Enrico Fermi rifugiatosi oltreoceano per salvare la moglie. L’eminente fisico porterà con sé tutte le sue conoscienze riguardanti la fusione dell’atomo, modificando, inconsapevolmente, il corso della storia.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento