CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

ENTRA IN SCENA ACHILLE LAURO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Per qualcuno, però, questa prima domenica di marzo non è esattamente come tutte le altre! Il federale fascista di Napoli chiede ad un ex mozzo sorrentino diventato armatore, tale Achille Lauro, di prendersi cura di una sua creatura in quanto egli è stato chiamato in Africa per compiere il suo dovere di bravo patriota. La leggenda narra
che Lauro, una volta rientrato a casa, avesse ordinato a Donna Angelina di preparare una stanza per accogliere un ospite. La mattina dopo l’ospite giunge direttamente

nell’ufficio dell’armatore: si tratta dei libri contabili del calcio Napoli che evidenziano un deficit da paura. L’imprenditore, già da tempo
nel direttivo assieme ad altri personaggi facoltosi della città partenopea, non può sottrarsi a questo compito gravoso, dato che gli è stato affidato dal federale

fascista e dato che il regime è il suo miglior cliente. Dall’Africa stanno giungendo buone notizie e l’armatore campano punta decisamente ad ottenere l’esclusiva sulle

rotte verso gli eventuali nuovi possedimenti.

Il “Comandante”, quindi, prende in mano la patata bollente e la raffredda alla sua maniera, cercando di
rimetterci il meno possibile. D’ora in avanti il Napoli diventerà per anni una sua proprietà di cui disporne a piacimento. Tuttavia la difficile situazione economica

della società vesuviana è solo la punta di un iceberg fatto, già in questi anni ’30 di debiti e di spese folli. Di questo se ne accorge anche
il regime che da questo momento in avanti si adopererà per trovare una soluzione al problema.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento