CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

U.S. MILANESE ADDIO!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Tutti attendono fiduciosi il 30 settembre data d’inizio del campionato. Alla massima competizione nazionale prendono parte ben 32 compagini suddivise in due gironi. Le vincenti di ciascuno si contenderanno lo scudetto in una doppia finale. Per le inseguitrici ci sono due traguardi da raggiungere: la qualificazione alla Mitropa Cup, ma soprattutto la classificazione nelle prime otto posizioni della graduatoria per partecipare al primo campionato a girone unico previsto per l’anno 1929-30.
Come è ormai diventata consuetudine le compagini sono state suddivise tenendo conto dei risultati dell’anno precedente. Nel girone A, quello dei campioni uscenti del Torino, le favorite sono il Milan, l’Alessandria e la Roma, mentre nel girone B i favori del pronostico vanno ad un gruppo comprendente Genoa, Bologna, Juventus edd Inter.
Proprio in seno alla società milanese sono avvenute le novità principali. Il programma di accorpamento impostato dal duo Arpinati-Zanetti continua: l’Internazionale si fonde con l’US. Milanese dando origine all’Ambrosiana Inter.
Di fatto è la conclusione della vicenda calcistica di una delle squadre più importanti d’inizio secolo.
La sezione calcio Società Ginnastica Milanese Forza e Coraggio nasce nel 1904 per merito di alcuni espulsi dalla Mediolanum, tra i quali Umberto Meazza, a cui si uniscono alcuni ex giocatori del Milan come Daniele Angeloni e Recalcati, già campioni d’Italia con i rossoneri nel 1901. Ciò è reso possibile grazie alla mediazione di Alfred Edward che, oltre ad essere il presidente del Milan, è un consigliere proprio di questa società.
L’Unione Sportiva Milanese esordisce in campionato nella stagione 1905, superando proprio il Milan nel Girone Lombardo e piazzandosi al terzo e ultimo posto nel girone
finale dietro Juventus e Genoa, con questa formazione:

France­scani, Magni, Pirovano, Ghinelli, Lanfranchi, Meazza, Cremonesi, Boiocchi, Varisco, Franzosi, Recalcati.

Lo stadio della società si trova a Dergano, in una località detta L’Oriente, e il sitrovo in via Pontaccio 9. In questi anni la Milanese conosce momenti di gloria diventando tra l’altro la prima squadra italiana a batterne una elvetica in trasferta (il Saint-Gìlloìse) e nel 1908 e nel 1909 si piazza seconda in campionato alle spalle della
Pro Vercelli. Dopo la prima guerra mondiale inizia il declino della società in maglia a scacchi bianco-neri soverchiata dalla forza di Milan ed Inter. Nel 1928, però riesce a guadagnare un posto tra le 32 che si sarebbero contese lo scudetto 1928-29 e soprattutto un posto nella massima divisione del 1929-30. Sfortuna vuole che la prima delle escluse sia la Fiumana, rappresentante di un territorio nel quale il regime sta portando avanti un duro processo d’italianizzazione forzata. Sono gli anni in cui, ad esempio, vengono cambiati tutti i cognomi jugoslavi presenti in Istria assieme alla toponomastica territoriale. La presenza di una società di quei luoghi nella massima categoria nazionale fa comodo al regime, il quale dà ordine di sacrificare alla ragion di stato una delle società più vecchie del nostro calcio.
Inoltre l’occasione si rivela propizia per togliere dalla toponomastica calcistica quel fastidioso Internazionale che troppo sa di bolscevico. Così per lo meno la pensa Rino Parenti, gerarca provinciale milanese, che il 31 agosto 1928 emana il seguente comunicato ufficiale:

Alcuni dirigenti nerazzurri tentano di opporsi a questo accorpamento, ma nulla impedisce all’onorevole Torrusio di portare a termine la sua opera tanto che l’8 settembre torna da Roma con in mano il seguente comunicato ufficiale firmato da Benito Mussolini:

Alla fine prevale la teoria del rispetto dei colori delle due società e la maglia adottata sarà a strisce nero-azzurre con collo a scacchi bianco-neri, un insulto per i puristi del tifo.

PAGINA SUCCESSIVA CALCIO MERCATO 1928-29: INIZIA LA CACCIA AL "RIMPATRIATO" PAGINA PRECEDENTE[/link

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento