CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LA FIRMA DEI PATTI LATERANENSI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’inizio del girone di ritorno vede rallentare la marcia dei granata costretti al pari esterno sul campo della La Dominante e della Triestina. Se i

liguri hanno disputato contro i granata una delle poche partite degne di nota della loro breve storia, i giuliani, dal canto loro, hanno vissuto una delle prime grandi

giornate della loro. Il susseguirsi delle giornate di campionato è diventato ormai un rito domenicale per gli italiani seguito da quello del lunedì quando i

giornali pubblicano i risultati e i resoconti delle gare. La televisione non esiste ancora e gli apparecchi radiofonici, sebbene in aumento, non sono ancora entrati

in tutte le case degli italiani. Un lunedì sfuggirà a questa tradizione: è quello dell’11 febbraio quando vengono firmati i Patti

Lateranensi, con i quali il Regno d’Italia e lo Stato della Chiesa si riconoscono reciprocamente. Con questo accordo Mussolini tocca i vertici della sua

popolarità e della sua credibilità personale essendo riuscito laddove tutti hanno sistematicamente fallito in cinquant’anni in cui la Santa Sede non ha mai

riconosciuto lo stato italiano considerato un usurpatore. Il Duce si è conquistato i favori dei vertici ecclesiastici che a questo punto passano sopra alle limitazioni

imposte loro dalle precedenti leggi emanate dal Governo: ora quello di Mussolini è veramente un potere forte e riconosciuto.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento