1926-27 TORINO (revocato)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Il primo campionato nazionale si conclude con un girone finale ad altissima tensione vinto dal Torino del favoloso trio Baloncieri, Libonatti, Rossetti, mentre il mondo dello sport perde misteriosamente l’asso del ciclismo Ottavio Bottecchia.

CALCIO E SPORT COME VEICOLO DI POPOLARITÀ E POTERE

L'importanza assunta dal calcio, diventato fenomeno di massa, spinge molti grandi industriali ad acquistare le squadre rappresentanti le città in cui operano le loro aziende. Attraverso le vittorie domenicali questi personaggi vedono aumentare ...

INIZIA L'EPOCA ARPINATI

Sebbene diventato fenomeno di massa, il calcio italiano non è ancora ai massimi livelli mondiali, quindi non garantisce quell'immagine vincente della nazione tanto desiderata dal vertice. C'è bisogno di qualcuno in grado di organizzare il movimento i...

NASCONO NAPOLI E FIORENTINA

Il primo agosto del 1926, nel ristorante partenopeo D'Angelo si riuniscono dirigenti, giocatori e semplici appassionati per dar vita a quello che ancora oggi è il Calcio Napoli sorto dall'unione dell'Internaples con altre società locali. La nuova s...

LA "CARTA DI VIAREGGIO": VIA AL PROFESSIONISMO!

Sul fronte del mercato il colpo principale viene messo a segno dal Torino che si garantisce le prestazioni dello spezino Gino Rossetti, che con Baloncieri e Libonatti va così a comporre un trio d’attacco fenomenale il quale darà soddisfazioni sia...

LA QUALIFICAZIONE DELL'ALESSANDRIA AL CAMPIONATO NAZIONALE 1926-27

Mentre avvengono tutti questi cambiamenti per altro fondamentali nel corso dell'evoluzione del nostro calcio, otto compagini hanno trascorso l'estate preparando un torneo altrettanto fondamentale per la loro storia: si tratta delle otto squadre dell'Italia...

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1926-27: LA PRIMA FASE

Il 10 ottobre 1926 parte il primo vero campionato nazionale. I due gironi sono molto combattuti, e nessuna squadra sembra prevalere nettamente sulle altre. Nel girone A si assiste ad un appassionante testa a testa tra la Juventus campione uscente e...

L'ATTIVITÀ DELLA NAZIONALE E L'INIZIO DELLA FAVOLA CALCISTICA DEL "BALILLA"

Terminata l'estate, la ripresa dell'attività delle nazionali è una consuetudine. Siamo giunti nella seconda metà degli anni venti, sono passati ormai otto anni dalla fine della guerra e le nazioni sembrano aver trovato una certa stabilità; le condizioni soc...

UNO SGUARDO ALLA SECONDA DIVISIONE NAZIONALE

Nella primavera del 1927 terminano i gironi regolari della Divisione Nazionale e nel contempo anche quelli di Prima Divisione, paragonabile all'attuale serie B. Le quattro prime classificate guadagneranno il diritto a partecipare ad un girone finale...

LO SMEMORATO DI COLLEGNO

Mentre termina la prima fase del torneo nazionale di calcio, l'opinione pubblica è colpita da un articolo apparso sulla Stampa di Torino il cui titolo recita: Un grido, un tremito, un abbraccio, la luce!" A che cosa si riferisce il giornale torinese ...

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1926-27: IL GIRONE FINALE DALLA 1a ALLA 5a GIORNATA

All'inizio della primavera del 1927 terminano quindi i gironi di qualificazione della Divisione Nazionale e della Prima Categoria e ci si prepara ad assistere al torneo a sei che decreterà la vincitrice del titolo. Intanto qualche fortunato potrà a...

RICARDO ZAMORA

Questi pensieri, però, vengono posticipati di due settimane. C'è da inaugurare ufficialmente il nuovo stadio di Bologna, tuttavia già funzionante dall'ottobre dell'anno precedente. Per farlo la Federazione, nella persona del presidente Leandro Arpinati ch...

ADOLFO BALONCIERI RACCONTA IL SUCCESSO SULLA SPAGNA

La sfida contro la Spagna diventa un avvenimento da propagandare come solo il regime sa fare e la partita diventa un evento mondano al quale partecipano il Re Vittorio Emanuele III, l'Infante di Spagna Don Alfonso, il Cardinale Nasalli Rocca e altre...

ESPLODE IL CASO PINASCO

Il successo della nazionale italiana contribuisce a far aumentare l'entusiasmo attorno al fenomeno calcio pronto a vivere la volata per lo scudetto. Si ricomincia col derby di Torino, vinto all'andata dai bianco-neri. Il conte Marone, presidente...

IL TORINO VERSO LO SCUDETTO 1926-27

Il calcio, però, non è ancora diventato un fenomeno tale da mettere tutto in secondo piano, così le nuove trasvolate oceaniche trovano sempre grande spazio sui giornali e nella fantasia della gente, soprattutto dei più piccini. In questi anni prende pie...

IL PERSONAGGIO: GIULIO LIBONATTI

Il campionato appena terminato consacra Giulio Libonatti quale stella assoluta del panorama calcistico nazionale. Nato a Rosario (Argentina) il 5 luglio 1901 da genitori italiani, il giocatore apprende i fondamentali nella squadra locale del Newel's...

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1926-27: LA CLASSIFICA MARCATORI

22 Powolny (Inter). 21 Libonatti (Torino). 19 Rossetti II (Torino). 16 Levratto (Genoa); Vojak I (Juventus); Baloncieri (Torino). 15 Hirzer (Juventus). 14 Pastore (Juventus). 12 Schiavio (Bologna); Rivolta (Inter); Munerati...
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather