CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LA STORIA TRISTE DI CESARE ALBERTI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’estate del 1924 porta un passaggio di maglia che, inaspettatamente, si rivelerà molto importante per l’economia dell’intera stagione. Il Genoa ingaggia il giovane e fortissimo centrattacco bolognese Cesare Alberti che, all’apice della cariera e ormai pronto per la nazionale, ha subito un gravissimo infortunio al ginocchio. In questo periodo non viene ancora praticata l’asportazione del menisco pertanto la carriera del calciatore sembra finita. Il Genoa, tuttavia, grazie all’intervento del professor federico drago del s.martino di genova propone ad alberti l’intervento chirurgico. Il Bologna non crede all’esito
positivo dell’operazione e concede la lista gratuita al giocatore che si trasferisce a Genova. L’intervento riuscirà perfettamente. Alberti potrà così continuare la sua carriera, e il Genoa, senza sborsare una lira, avrà tra le sue fila il forte centrattacco e il record di aver fatto operare per primo un giocatore al menisco. Alberti, purtroppo, nel febbraio del 1926 morirà a 24 anni per una grave infezione intestinale, seguendo il destino che tocca a milioni di persone che vivono in condizioni disagiate Tubercolosi, malaria, poliomenite sono ancora malattie presenti sul territorio italiano e causa di migliaia e migliaia di lutti.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento