CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

ARRIVA IL NACIONAL DE MONTEVIDEO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Nel frattempo altre squadre sono impegnate per sopravvivere in prima categoria: nel girone Laziale

l’Audace Roma e il Roman danno vita ad una sfida molto interessante. L’Audace vince il suo incontro casalingo per 4 a 1,

ma soccombe per 2 a 1 in trasferta. Si rende necessaria la bella e l’Audace si impone per 3 a 1 conservando la sua

posizione nel panorama calcistico nazionale.

In Campania si incontrano lo Stabia e la Salernitana. Questi si impongono per 3 a 1 in trasferta e pareggiano in casa.

Sarebbero sorprendentemente qualificati, nonostante la pessima figura fatta nel girone di qualificazione. La Salernitana,

però, vive una profonda crisi societaria che la costringe a rinunciare ad iscriversi alla prima categoria nella stagione

successiva lasciando il suo posto proprio allo Stabia.

Nella stessa situazione della Salernitana si trova anche il Foggia, costretto addirittura a rinunciare a disputare la

qualificazione contro l’Ideale Bari.

L’evento dell’anno, però, si ha il 5 aprile quando a Genova è di scena il Nacional di Montevideo. Si tratta di un club

fortissimo che schiera tra le sue fila quasi tutti i nazionali vittoriosi alle Olimpiadi di Parigi. La squadra in maglia

bianca sta disputando una tourné europea e tra le sue tappe ha inserito anche Genova per restituire la visita fatta due

anni prima dai rosso-blu freschi campioni d’Italia. Il pubblico ligure accoglie in modo caloroso i campioni d’oltre oceano

nei quali militano alcuni figli di emigranti italiani come il portiere Mazzali e gli attaccanti Francisco Scarone e Nino

Petrone.
In campo i bianchi dimostrano tutta la loro forza infliggendo al Genoa un secco 3 a 0 con due reti del futuro interista

Hector Scarone. In terra europea il Nacional disputerà qualche cosa come 38 gare, vincendone 26, pareggiandone 7 e

perdendone solo 5; realizzando 130 gol e subendone solo 30. Questo testimonia la superiorità tecnica del calcio

sudamericano nei confronti di quello europeo, Inghilterra esclusa.

Intanto si giunge alla metà di maggio quando al nord terminano i gironi di qualificazione che, ancora una volta, mettono

di fronte il Bologna ed il Genoa, così come è avvenuto la stagione precedente. Quest’anno, però, si assisterà ad una delle

vicende agonistiche più clamorose di tutta la storia del calcio italiano.

PAGINA PRECEDENTE

PROSEGUI CON:

STAGIONE 1924-25: LE CINQUE FINALI

TORNA A:

LE OLIMPIADI DEL 1924 Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento