CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

IL GIRONE A DI SEMIFINALE DELLA LEGA SETTENTRIONALE ANNO 1919-20

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Archiviata la prova di forza della squadra azzurra contro la Francia, riprende il campionato con i gironi interregionali. Le 18 compagini dell’italia settentrionale vengono suddivise in tre gironi, le cui vincenti daranno vita ad una finale a tre con gare in campo neutro, mentre le sei qualificate nei gironi centro-meridionali vengono sudddivise in due gironi da tre squadre, con le vincenti che daranno vita ad una finale secca.

Nel girone A vengono messe assieme le compagini più scudettate – Genoa, Milan e Pro Vercelli, completando il raggruppamento con Alessandria, Legnano e Venezia.

Alla prima giornata il Genoa vince faticosamente contro il Milan grazie ai gol di Enrico Sardi e Della Casa. Le facili vittorie dei rosso-blu ottenute contro il Venezia, sia all’andata che al ritorno, testimoniano che al di fuori dei confini di Piemonte, Liguria e Lombardia, il livello del calcio è ancora troppo inferiore. Nel terzo turno si registra l’ottimo pareggio strappato dal Legnano del forte portiere Cameroni e del promettente centrocampista Genovesi ai campioni d’Italia uscenti, che nelle due gare seguenti superano in sucessione Alessandria e Pro Vercelli.

Il 14 marzo 1920, al campo degli orti, si affrontano Alessandria e Genoa. Le squadre si giocano il passaggio del turno verso le finali e c’è battaglia, in campo e sugli spalti. Nonostante il club piemontese schieri ottimi giocatori come il terzino Ticozelli , i tre fratelli Papa, il centro-mediano della nazionale Carlo Carcano e il promettentissimo Adolfo baloncieri, il Genoa supera i grigi e vince grazie alle reti di Sardi e Santamaria nel primo tempo, dimezzate da Baloncieri nel secondo. Tra i tifosi, che ormai assiepano a migliaia gli stadi, nonostante il periodo di grave crisi economica, la gara è
a colpi di battute, a volte taglienti e sferzanti, a volte spiritose. Le cronache più o meno ufficiali, raccontano di un tifoso proveniente da Genova,
che ad un certo punto abbia spiegato la superiorità genoana con il fatto che:

Il fatto termina in una sonora, calorosa risata generale. Si tratta di un chiaro esempio di quella salacità che rende affascinante la frequentazione di uno stadio e che non può essere trovata guardando le partite dalla poltrona di casa. Riflettano tutti coloro che vorrebbero ridurre il calcio ad un puro fenomeno salottiero, salvaguardando solamente le esigenze dei networks televisivi e non
di chi ha ancora voglia di frequentare i campi di gioco.

Il 21 marzo a Marassi, si gioca lo scontro decisivo con la Pro Vercelli che chiude il primo tempo pareggiando il gol di Della Casa con lo sfortunatissimo Aldo Milano. Nel secondo tempo il cannoniere Guglielmo Brezzi sigla la rete decisiva e il Genoa conclude il girone con la sfavillante vittoria 5 a 0 col Legnano, che sancisce la netta supremazia nel raggruppamento degli uomini allenati da Garbut.

CLASSIFICA

POS. SQUADRA P. G. V. N. S. G.F. G.S.

1. GENOA 19 10 9 1 0 24 4

2. Pro Vercelli 14 10 6 2 2 20 11

3. Alessandria 11 10 5 1 4 12 11

4. Milan 9 10 4 1 5 13 16

5. Legnano 5 10 1 3 6 7 18

6. Venezia 2 10 0 2 8 5 21

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento