CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

OLIMPIADI 1912: LE SEMIFINALI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Il giorno successivo si disputano le gare di semifinale di questo intensissimo torneo olimpico di calcio, giocato a ritmi che, al giorno d’oggi, scatenerebbero il finimondo.
LE SEMIFINALI
Stoccolma (Olympic Stadion) – martedì 2 luglio 1912

DANIMARCA – OLANDA 4-1

RETI: 7′ Jørgensen, 14′ Olsen A., 37′ Nielsen P., 85′ aut. H. Hansen (OL), 87′ Olssen A.

DANIMARCA: Hansen H., Middleboe N. (cap), Hansen H.; Buchwald, Jørgensen, Berth; Nilsen O., Nielsen P., Olsen, Nielsen S., Wolfhagen.

OLANDA: Göbel, Wijnveldt, Bouman; Fortgens, Boutmy, Lotsy(cap); Van Breda Kolff, de Groot, ten Cate, Vos, Bouvy.
ARBITRO: Herczog (Ungheria)

SPETTATORI: 6.000. HT 3-0

Stoccolma (Olympic Stadion) – martedì 2 luglio 1912

GRAN BRETAGNA – FINLANDIA 4-0

RETI:
GREAT BRITAIN 4 ?, ?, ? e ? Walden

GRAN BRETAGNA: Brebner, Burn, Knight; Littlewort, Stamper, Dines; Wright, Woodward(cap), Walden, Hoare, Sharpe.


FINLANDIA: Syrjäläinen, Holopainen, Löfgren(cap); Lund, Soinio E., Lietola; Wickström, Wiberg, Ohman, Nyyssönen, Niska.

ARBITRO: Gelbord (Svezia).

SPETTATORI: 4.000.

Rifilando una quaterna alle rispettive avversarie, Danimarca e Gran Bretagna accedono alla finalissima della V edizione dei giochi olimpici. Gli scandinavi si fanno preferire, ma i britannici rimangono pur sempre i fondatori di questo gioco e al momento hanno ancora del vantaggio sulle avversarie.

Il giorno successivo, per la semifinale del torneo di consolazione, gli azzurri debbono affrontare la fortissima Austria. Il tecnico Pozzo è costretto a rinunciare ad Enrico Sardi richiamando in squadra il granata Zuffi.

10: Stoccolma (Djurgarden Stadion) – mercoledì, 3 luglio 1912 – ore 19,00

Austria-Italia 5-1

Reti: 30’ A. Müller, 40’ Grundwald, 49’ Hussak, 65’ Studnicka, 81’ Berardo, 89’ Grundwald.

Austria: Kaltenbrunner, Braunsteiner, Graubart, Weber, Brandstätter, Cimera, Hussak, A. Müller, Studnicka, Leopold Neubauer, Grundwald. Ct: H. Meisl

Italia: Campelli (Inter 3), R. De Vecchi (Milan 8), Valle (Pro Vercelli 2), Binaschi (Pro Vercelli 8), Milano I (Pro Vercelli) 8 (cap), Leone (Pro Vercelli 5),
Zuffi (Torino 2), Bontadini (Inter 3), Berardo (Pro Vercelli 7), Barbesino (Casale 2), E. Mariani (Genoa 4). Ct: V. Pozzo.

Arbitro: Willing (Olanda).
La maggiore caratura tecnica degli avversari emerge in tutti i suoi aspetti tanto che i nostri vengono eliminati con un perentorio 5 a 1. Il gol di Berardo a 9′ dal termine serve solo a salvare l’onore. In verità, gli austriaci vengono favoriti anche dalle cattive condizioni in cui molti dei nostri giocatori sono scesi in campo.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento