CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

ENRICO CARUSO CONQUISTA IL MONDO!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Il 1904 termina con la definitiva consacrazione internazionale di Enrico Caruso, autentico mattatore della stagione lirica del Metropolitan di New York con Aida. Il tenore partenopeo ha già riscosso un buon successo l’anno precedente interpretando Rigoletto, ma il confronto col grande tenore olandese Jan de Reszke, appena ritiratosi dalle scene, è ancora un fardello troppo grande da sopportare per il giovane Caruso. Sono bastati qualche mese in più d’esperienza e la consapevolezza di aver conquistato altre platee importantic ome quella di Berlino, Londra, Parigi e Barcellona unite naturalmente all’affievolirsi del ricordo dei miti del passato, affinché Caruso diventasse la star assoluta del Metropolitan.

L’artista partenopeo diventa definitivamente “il grande Caruso”, il tenore moderno per eccellenza proveniente da Napoli pronto a scrivere un nuovo capitolo nella storia del celeberrimo Teatro newyorkese. La grande forza di Caruso risiede nella capacità di conquistare il pubblico, non solo quello costituito dagli addetti ai lavori, dai frequentatori
delle eleganti prime, dai critici e dai tecnici del canto, ma dal popolo intero: dai contadini agli operai, dalle massaie ai disoccupati, dagli scugnizzi ai garzoni. Il fenomeno Caruso non è solo un evento sensazionale nella storia della lirica, ma diventa un fatto sociale. La sua voce esce dai templi della lirica, per diventare la voce del popolo. In America la sua ugola diventa uno spiraglio di sole per il popolo d’emigranti che, nello sgomento
totale, trovano in lui il riaffiorare dei sentimenti nascosti. Il tenore diventa il portabandiera degli onesti lavoratori di Brooklyn, ma anche il vanto
dell’America di Al Capone. La sua fama cresce a dismisura fino ad arrivare alla Rca Victor, la grande etichetta discografica che, proprio al termine di quest’anno, lega il tenore con un contratto di esclusiva, il primo stipulato dalla casa discografica americana con un italiano. Caruso non deluderà la Rca Victor. I suoi dischi,
infatti, saranno vendutissimi ed importati in tutta Europa.
PAGINA PRECEDENTE

PROSEGUI CON:

1905 JUVENTUS

TORNA A:

1903 GENOA Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento