CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

STAGIONE CALCISTICA 1912-13: PRIME OPERAZIONI DI MERCATO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’estate del 1912 porta cambiamenti che, alla prova dei fatti si riveleranno fondamentali per lo sviluppo del calcio italiano. Si è in piena epoca
giolittiana e vi è una parte del territorio nazionale contraddistinta da un certo benessere pur sempre limitato ad alcune classi sociali, continuando gli scioperi per rivendicare migliori condizioni di lavoro. Ne sono promotori i movimenti socialisti nei quali inizia ad emergere la figura di Benito Mussolini, che in futuro legherà il suo nome, direttamente o indirettamente, anche al mondo del calcio.

Intanto la nuova moda arrivata da Oltre Manica comincia a contagiare le classi elevate delle città: baroni, marchesi ed industriali, in cerca di nuove fonti di divertimento e di auto-promozione, sostituiscono gradualmente i docenti scolastici e gli ufficiali al timone delle società. Ne deriva che la liquidità di cui dispongono permette alle squadre di stipendiare giocatori da fuori e soprattutto
allenatori a tempo pieno. Ancora una volta è il Genoa a far da apri pista. La società ligure manca da troppi anni dai verrtici del football italiano e, una volta terminata la costruzione del nuovo stadio, decide che è giunto il momento di potenziare tecnicamente la squadra. I dirigenti rosso-blù prendono ancora come modello le società inglesi dove esiste da anni la figura dell’allenatore a tempo pieno. Assieme a molti giocatori della Terra d’Albione, sotto la Lanterna giunge un certo William Garbut. Ala destra di buona levatura tecnica costretto a lasciare precocemente l’attività agonistica a causa
di un grave infortunio, l’inglese accetta di buon grado di venire in Italia, su consiglio di Vittorio Pozzo suo amico fin dai tempi in cui il giornalista piemontese soggiornava a Londra per motivi di studio. Il Genoa spera così di interrompere lo strapotere di Giuseppe Milano e soci.
PAGINA SUCCESSIVA Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento