CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

IL CALCIO A MILANO E LE PRIME RIFORME SOCIALI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
In una Milano ancora attonita e frastornata dai massacri d’inizio mese, a fine maggio viene gettato il primo seme di una floridissima attività calcistica. Nel cortile del Castello Sforzesco alcuni ragazzi di buona famiglia, appartenenti alla Mediolanum, società ginnica, danno vita alla prima esibizione di football ufficiale. Tra gli organizzatori dell’evento c’è il giovane Umberto Meazza, futura figura di spicco nell’ambito del movimento nazionale, da considerare a tutti gli effetti il padre del calcio nel capoluogo lombardo.




I gravissimi incidenti di maggio, portano in primo piano la questione sociale in Italia, legata soprattutto alla condizione degli operai, classe praticamente senza diritti, costretta a scendere in piazza per rivendicare la possibilità di accedere ai beni di prima necessità. Qualcosa si era già mosso in precedenza, se è vero che in marzo era stata istituita l’assicurazione obbligatoria nei confronti dei dipendenti, mentre il 17 luglio, rimarginate alla meglio le ferite morali lasciate da tanto scempio, viene istituita la “Cassa nazionale di Previdenza per la Invalidità e per la vecchiaia”. La tutela e la previdenza rimangono comunque concetti ancora allo stato embrionale, ma giova ricordare che in momenti tanto difficili soprattutto per le classi meno abbienti, inizia il lento processo di tutela dei lavoratori, peraltro costretti a confrontarsi con una realtà fatta di privazioni e, troppo spesso, d’ingiustizia, ignoranza e miseria, con vittime anche i bambini, a cui troppo spesso viene negata l’infanzia. Tutto ciò crea le condizioni ideali per la gestazione di atti clamorosi contro i rappresentanti di quelle classi – pochi fortunati – che, per contro, si trovano a beneficiare dello “status quo” in vigore.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento