CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

ARGENTINA-CILE 3-1: BOTTE E SPETTACOLO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
A questo punto risulta fin troppo chiaro che il mondiale è tecnicamente monco, in quanto privo dell’apporto tecnico delle compagini danubiane e dell’Italia, senza

parlare dello stracismo ad oltransa attuato dalla Gran Bretagna. A dire il vero le olimpiadi di Amsterdam hanno messo già in luce una certa superiorità delle compagini

d’oltre oceano, ma questa non è così netta.

Comunque ci sono ancora due nazioni in fibrillazione per il passaggio del turno: l’indomani Argentina e Cile si giocano i loro destini nello scontro diretto che ha il

sapore di una piccola finale.

Montevideo (Centenario) – martedì, 22 luglio 1930 – ore 14.50

ARGENTINA-CILE 3-1 (Gir. A, rec. 1’a GIORNATA)

RETI: 12′ e 13′ Stábile, 15′ Arellano, 51′ M. Evaristo

ARGENTINA: Bossio, Della Tore, Paternoster; J. Evaristo, Monti Orlandini; Peucelle, Varallo, Stábile, Ferreira (cap.), M. Evaristo. C.T.: H. Tramutola.

CILE: Cortés, Chaparro, Morales; A. Torres, Saavedra (cap.), C. Torres; Arellano, Subiabre, Villalobos, Vidal, Aguilera. C.T.: J. Orth.

TERNA ARBITRALE: ar.: Langenus (Belgio); g.l.: Christophe (Belgio), Saucedo (Bolivia).

SPETTATORI: 35.000
Una doppietta di Stabile in apertura sembra aprire la strada ad una goleada della nazionale bianco-celeste, ma i cali di

concentrazione degli uomini di Tramutola sono all’ordine del giorno e il Cile ne approfitta per accorciare immediatamente le distanze e per dar vita ad una gara

vibrante e combattuta.
La mezz’ala cilena Subiabre diventa il protagonista assoluto del match: pochi minuti dopo aver realizzato il gol, palla al piede tenta l’ingresso in area di rigore,

Monti va per le spicce e con un tackle scorretto e plateale scatena le ire degli spettatori. Sul campo e sugli spalti si accende una ba­garre generale con pugni, sputi

e calci fra i giocatori e sommovimenti paurosi sulle tribune.
Con molta fatica la polizia a cavallo seda i disordini, e Langenus che nel frattempo ha addirittura pensato di mettere fine alla contesa mandando tutti a quel paese,

alla fine conduce in porto l’incontro con la vittoria degli argentini per 3-1 ultima rete del futuro genoano Mario Evaristo.

LA CLASSIFICA

1. ARGENTINA 6 3 3 0 0 10-4

2. CILE 4 3 2 0 1 5-3

3. FRANCIA 2 3 1 0 2 4-3

4. MESSICO 0 3 0 0 3 4-13

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento