CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CONSIDERAZIONI SUL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1934-35

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
              Questo campionato ha confermato che, fino a quando un certo gruppo di giocatori si manterrà su livelli di forma accettabili ed omogeneo, in Italia non ce n’è per nessuno. La squadra bianconera inizia ad avere qualche cedimento: Combi si è ritirato, Rosetta, Caligaris, Monti Cesarini ed Orsi hanno
superato i trent’anni, ma quando è necessario sanno ancora vincere. Del logoramento di questo gruppo che tanto ha dato anche alla nazionale se n’è accorto pure il commissario tecnico Vittorio Pozzo: le ultime formazioni da lui varate sono state fondate sul gruppo dell’Inter, incapace però di dare il colpo
decisivo per vincere.

Ma è tutto il calcio che sta cambiando se è vero che una squadra come il Bologna non ha mai lottato per i vertici, che il Napoli infarcito di campioni ha fatto peggio e che il Torino si è salvato come si è salvato.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento