CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1933-34: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 1a ALLA 6a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
La finale di coppa appena ottenuta, accredita Meazza e compagni dei favori del pronostico per succedere alla Juventus sul trono di campione d’Italia.

Ma è l’intero campionato a presentarsi particolarmente avvincente, soprattutto in coda dove vi sarà da lottare ancora di più a causa della decisione di ridurre il numero delle squadre partecipanti alla serie A da 18 a 16, prevedendo quindi tre retrocessioni in serie B.
1a GIORNATA: domenica 10 settembre 1933

Ambrosiana – Casale 9-0

3′ Meazza, 9′ e 17′ Demaria, 24′ aut. Demarchi, 34′ Meazza, 39′ Demaria, 44′ Meazza, 56′ Serantoni, 89′ Frione

Bologna – Alessandria 4-1

57′ Reguzzoni, 63′ Maini, 81′ Schiavio, 86′ Notti (AL) 90′ Fedullo

Brescia – Roma 1-0

63′ Reggiani

Fiorentina – Milan 1-0

12′ Perazzolo

Genoa – Pro Vercelli 3-0

52′ Esposto, 60′ Ferrari II, 89′ Esposto

Juventus – Livorno 4-1

19′ Sernagiotto, 60’e 61′ Borel II, 67′ Busoni (LI), 77′ Cesarini

Lazio – Palermo 1-0

73′ Pastore

Padova – Torino 1-0

20′ Busini III

Triestina – Napoli 4-1

16′ e 30′ Rocco, 37′ e 66′ Palumbo, 81′ Vojak rig.

CLASSIFICA:

Ambrosiana, Bologna, Brescia, Fiorentina, Genoa, Juventus, Lazio, Padova e Triestina 2; Alessandria, Casale, Livorno, Milan, Napoli, Palermo, Pro Vercelli, Roma e Torino 0.
Il campionato inizia con il ruggito di Ambrosiana, Bologna e Juventus, che a suon di gol cercano subito di far vedere quale potrebbe essere l’andamento della stagione. Fanno scalpore la sconfitta della Roma in casa della neo promossa Brescia, ma soprattutto la batosta rimediata dal Napoli in quel di Trieste.
2a GIORNATA: domenica 17 settembre 1933

Alessandria – Juventus 2-1

11′ Riccardi, 53′ Cesarini (JU), 75′ Cattaneo

Casale – Brescia 1-0

50′ Autelli

Milan – Lazio 4-2

4′ Torriani, 57′ Romani, 61′ Gabriotti (LA), 62′ Tansini, 70′ Moretti, 73′ Salatin (LA)

Napoli – Genoa 0-0

Padova – Livorno 1-1

15′ Spivach (PA), 47′ Busoni

Palermo – Bologna 2-1

41′ Borel I, 59′ Scarone rig., 60′ Montesanto (BO) rig.

Pro Vercelli-Ambrosiana 0-0

Roma – Triestina 0-0

Torino – Fiorentina 4-1

12′ Prato, 14′ Bernasconi, 51′ e 67′ Prato, 73′ Gringa (FI)

CLASSIFICA:

Ambrosiana, Genoa, Padova e Triestina 3; Alessandria, Bologna, Brescia, Casale, Fiorentina, Juventus, Lazio, Milan, Palermo e Torino 2; Livorno, Napoli, Pro Vercelli e Roma 1.
La seconda giornata rovescia tutti i verdetti della precedente con il risultato che nessuno si trova a punteggio pieno, e nessuno si trova a quota 0.
3a GIORNATA: domenica 24 settembre 1933

Alessandria – Padova 3-0

61′ e 63′ Notti, 66′ Borelli

Ambrosiana – Napoli 2-1

8′ e 11′ Meazza, 19′ Vojak (NA)

Bologna – Milan 2-1

9′ Foglia, 69′ aut. Fiorini (MI), 76′ Montesanto rig.

Brescia – Torino 1-0

35′ Locatelli

Fiorentina – Roma 1-3

8′ Ferraris IV rig., 20′ e 22′ Guaita, 30′ Prendato (FI) rig.

Genoa – Triestina 0-1

34′ Rocco

Juventus – Casale 6-1

4′ Cornara (CA), 23′ Sernagiotto, 28′ Monti, 35′ Cesarini, 60′ Borel II, 64′ e 75′ Ferrari

Lazio – Pro Vercelli 1-1

29′ Montanari (LA), 55′ Ardissone

Palermo – Livorno 3-2

26′ Magnozzi (LI), 33′ e 46′ Chiecchi, 55′ Bonesini, 80′ Magnozzi (LI)

CLASSIFICA:

Ambrosiana e Triestina 5; Alessandria, Bologna, Brescia, Juventus e Palermo 4; Genoa, Lazio, Padova e Roma 3; Casale, Fiorentina, Milan, Pro Vercelli e Torino 2; Livorno e Napoli 1.
Dopo la terza giornata si forma una strana coppia composta da Ambrosiana e Triestina. Dietro si fa vedere la Juventus che si riprende dalla sconfitta di Alessandria sbarazzandosi del Casale con un punteggio tennistico. Da registrare i primi gol italiani di Enrique Guaita, mentre desta sensazione l’ultimo posto provvisorio del Napoli. Nella città partenopea scoppiano le polemiche imputando il brutto momento allo scarso rendimento di Attila Sallustro, troppo impegnato nei suoi numerosi flert da copertina. Se non altro, l’asso italo-paraguayano può sempre aggrapparsi al fatto che lui, in quanto persona nobile, non percepisce alcun guadagno giocando a calcio, al contrario di altri presunti campionissimi sudamericani dei giorni nostri, pagati con stipendi da nababbi, che passano le nottate in discoteca, per poi andare a rimettersi in forma sulle spiagge del proprio Paese d’origine.
4a GIORNATA: domenica 1 ottobre 1933

Casale – Genoa 2-1

3′ Cornara, 14′ Migliavacca, 35′ Sala (GE) rig.

Fiorentina – Palermo 4-1

36′, 39′ e 78′ Viani, 80′ Prendato, 82′ Borel I (PA)

Milan – Livorno 3-1

34′ Magnozzi (LI), 46′ Tansini, 60′ Romani, 83′ Tansini

Napoli – Lazio 2-1

23′ Sallustro, 40′ Vojak, 85′ Pastore (LA)

Padova – Ambrosiana 1-2

10′ e 42′ Serantoni, 61′ Bettini (PA)

Pro Vercelli – Brescia 2-1

27′ Piola, 51′ Reggiani (BR), 63′ Bigando

Roma – Juventus 2-3

8′ Guaita (RM), 35′ Borel II, 41′ Scopelli (RM) 46′ e 85′ Borel II

Torino – Alessandria 1-1

75′ Notti, 81′ Zacconi (TO)

Triestina – Bologna 1-1

43′ Schiavio, 64′ Niccolai (TR)

CLASSIFICA:

Ambrosiana 7; Juventus e Triestina 6; Alessandria e Bologna 5; Brescia, Casale, Fiorentina, Milan, Palermo e Pro Vercelli 4; Genoa, Lazio, Napoli, Padova, Roma e Torino 3; Livorno 1.
L’Inter vince a Padova e rimane da sola al comando, in quanto la Triestina pareggia in casa con il Bologna. I giuliani vengono affiancati dalla Juventus trascinata a Roma dal solito Borel, autore di sei gol in quattro partite. Risorge il Napoli capace di sconfiggere la Lazio grazie ai gol dei ritrovati Attila Sallustro ed Antonio Vojak.
5a GIORNATA: domenica 8 ottobre 1933

Ambrosiana-Alessandria 4-1

3′ Serantoni, 18′ Frione, 75′ Meazza, 79′ Notti (AL), 85′ Castellazzi

Bologna – Napoli 3-0

40′ Reguzzoni, 47′ Maini, 69′ Foglia

Brescia – Palermo 1-1

34′ Borel I, 88′ Frisoni (BS)

Casale – Roma 0-2

22′ Tomasi, 61′ Eusebio

Genoa – Milan 2-2

20′ Mazzoni (GE), 78′ Arcari rig., 81′ Mazzoni (GE), 87′ Moretti

Juventus – Torino 4-0

12′ Cesarini, 37′ Ferrari, 47′ Borel II, 90′ Sernagiotto

Lazio – Padova 3-2

27′ Guarisi, 33′ Bettini (PD), 41′ Montanari, 55′ Spivach (PD), 89′ Pastore

Livorno – Fiorentina 3-0

2′ Turchi, 36′ e 80′ Busoni

Pro Vercelli-Triestina 1-1

85′ Rosa, 89′ Cerutti (PR)

CLASSIFICA:

Ambrosiana 9; Juventus 8; Bologna e Triestina 7; Alessandria, Brescia, Lazio, Milan, Palermo, Pro Vercelli e Roma 5; Casale, Fiorentina e Genoa 4; Livorno, Napoli, Padova e Torino 3.
La quinta giornata decreta la crisi di due grandi: Torino e Napoli pesantemente sconfitte rispettivamente da Juventus e Bologna e ora all’ultimo posto della classifica in compagnia del Padova e del Livorno reduce dalla prima vittoria stagionale ottenuta nel derby contro la Fiorentina.
6a GIORNATA: domenica 15 ottobre 1933

Alessandria – Genoa 3-1

14′ Notti, 21′ Borelli, 28′ Mazzoni (GE), 38′ Notti

Fiorentina – Bologna 3-0

15′ Viani, 49′ e 87′ Prendato rig.

Milan – Brescia 4-0

20′ Arcari, 47′ e 49′ Romani, 76′ Arcari

Napoli – Livorno 0-0

Padova – Casale 2-0

59′ D’odorico, 86′ Busini III

Palermo – Juventus 0-1

32′ Borel II

Roma – Pro Vercelli 2-0

44′ Dugoni, 72′ Eusebio

Torino – Lazio 1-1

4′ Fantoni III, 49′ Libonatti (TO)

Triestina – Ambrosiana 0-0

CLASSIFICA:

Ambrosiana e Juventus 10; Triestina 8; Alessandria, Bologna, Milan e Roma 7; Fiorentina e Lazio 6; Brescia, Padova, Palermo e Pro Vercelli 5; Casale, Genoa, Livorno, Napoli e Torino 4.
L’Inter pareggia nell’insolito big match di Trieste mentre la Juventus, grazie al solito Borel passa a Palermo e raggiunge i nerazzurri in testa. Il Genoa cade pesantemente ad Alessandria e i liguri si trovano all’ultimo posto sebbene in coabitazione con altre grandi come Torino e Napoli. Quanto predetto anni prima dai senatori genoani De Prà e De Vecchi si sta verificando! L’organico non è certo da ultimo posto avendo al suo interno calciatori come Orlandini ed Evaristo capaci di raggiungere una finale mondiale con la nazionale argentina, ma non permette nemmeno di lottare per il primato.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento