CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1930-31: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 1a ALLA 8a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’estate è terminata da una settimana, quando prende il via il nuovo campionato italiano di calcio, un torneo che tutti auspicano avvincente come quello appena concluso.
1a GIORNATA: domenica 28 settembre 1930

Alessandria – Brescia    4–0

5′ Scagliotti, 52 rig. e 82′ Cattaneo, 89′ scagliotti

Ambrosiana – Casale     5 – 1    

4′ Ferrero, 22′ Conti, 23′ Serantoni, 43’e 70′ Meazza, 86′ Mattea (CA)

Bologna – Triestina     6 – 1    

1′ Busini III, 7′ aut. Monzeglio (TR), 20′ Reguzzoni, 30′ Grandi, 40′ Facchini, 62′ Reguzzoni rig., 75′ Busini III

Juventus – Pro Patria   4 – 1    

1′ Cesarini, 31’e 75′ Vecchina, 77′ Colombo (PR), 84′ Vecchina

Lazio – Torino          0 – 0

Legnano – Genoa         2 – 1    

42′ Burlando (GE), 44′ Cidri, 60′ Severi

Livorno – Milan         0 – 0

Modena – Roma           1 – 1    

69′ Carnevali (MO), 79′ Volk

Napoli – Pro Vercelli   1 – 0    

8′ Sallustro

 CLASSIFICA:

Alessandria, Ambrosiana, Bologna, Juventus, Legnano e Napoli 2; Lazio, Livorno, Milan, Modena, Roma e Torino 1; Brescia, Casale, Genoa, Pro
Patria, Pro Vercelli e Triestina 0.
 Vincono tutte le favorite eccezion fatta per il Genoa sconfitto a Legnano che regala la prima sorpresa della stagione e per il Torino bloccato sul pareggio
dalla Lazio. Il ritorno di Mario Magnozzi nella sua Livorno si conclude con un pareggio.
 2a GIORNATA: domenica 5 ottobre 1930

          

Bologna – Livorno       5 – 0    

9′ Busini III, 41′ Grandi, 60′, 69′ e 86′ Reguzzoni

Brescia – Modena        1 – 2    

7′ Braga (BR), 39′ Aimi, 62′ Dugoni rig.

Casale – Legnano        1 – 1    

23′ aut. Boltri, 30′ Borgo (CA)

Genoa – Napoli          4 – 2    

22′ Banchero I, 55′ Levratto, 63′ Vojak (NA), 79′ e 86′ Banchero I, 92′ Tansini (NA)

Milan – Juventus        0 – 3    

4′ e 73′ Munerati, 78′ Orsi

Pro Patria – Lazio      3 – 1    

8′, 14′ e 71′ Masera, 77′ Pastore (LA)

Pro Vercelli – Ambrosiana 1 – 1    

25′ Meazza, 89′ Seccatore (PR)

Roma – Alessandria      2 – 0    

46′ Fasanelli, 89′ Costantino

Torino – Triestina      2 – 0    

49′ e 74′ Rossetti

 CLASSIFICA:

Bologna e Juventus 4; Ambrosiana, Legnano, Modena, Roma e Torino 3; Alessandria, Genoa, Napoli e Pro Patria 2; Casale, Lazio, Livorno, Milan
e Pro Vercelli 1; Brescia e Triestina 0.
 Bologna e Juventus rimangono a punteggio pieno. Le due compagini dimostrano di essere in grande forma, gli emiliani realizzando la bellezza di 11 gol in
due partite, di cui 5di Reguzzoni, i bianconeri vincendo il primo grande match della stagione sul campo del Milan che si vede già costretto a rimontare molte posizioni.

L’opinione pubblica non è attratta solamente dalle imprese dei campioni della pedata, ma in questi anni trenta le evoluzioni di tutto ciò che vola esercitano ancora un grande fascino sulla fantasia. Da giorni l’areoporto di Ciampino è teatro di una serie di record ottenuti dal primo elicottero costruito interamente in Italia: il D’AT3, progettato e costruito dall’ingegner Corradino D’Ascanio e guidato dal maggiore Marinello Nelli, l’8 ottobre ha conquistato il primato di durata in volo (8′ 45″), il 10 il record
di distanza (1.079 metri in linea retta) e in questo 13, con il massimo risalto dato dalla stampa, quello di altezza (18 metri), primati destinati a rimanere imbattuti
per alcuni anni.

Ancora una volta la stampa di regime non perde l’occasione per mettere in risalto il genio italico, ma il governo non prenderà nemmeno in considerazione lo sviluppo di questa invenzione. Gli elicotteri verranno acquistati all’estero!
3a GIORNATA: domenica 12 ottobre 1930

Alessandria – Milan     3 – 0    

4′ Bertolini, 22′ Avalle, 85′ Banchero II

Ambrosiana – Brescia    3 – 3    

19′ Ranelli, 22′ Reggiani, 38′ e 42′ Rivolta (AM), 70′ Ferrero (AM), 72′ Giuliani

Juventus – Casale       2 – 0    

68′ rig. e 82′ Orsi

Lazio – Bologna         2 – 0    

43′ Spivach, 44′ Cevenini V

Legnano – Pro Vercelli  2 – 2    

7′  Cidri (LE), 59′ Ardissone, 69′ Gatti, 87′ Baccilieri (LE)

Livorno – Genoa         1 – 2    

7′ Banchero I, 17′ Casanova, 55′ Corsetti (LI)

Modena – Torino         2 – 0    

43′ Mazzoni, 72′ Subinaghi

Napoli – Pro Patria     1 – 0    

41′ Vojak rig.

Triestina – Roma        0 – 0

 CLASSIFICA:

Juventus 6; Modena 5; Alessandria, Ambrosiana, Bologna, Genoa, Legnano, Napoli e Roma 4; Lazio e Torino 3; Pro Patria e Pro Vercelli 2; Brescia,
Casale, Livorno, Milan e Triestina 1.
 La Juventus rimane da sola al comando approfittando della caduta del Bologna sul campo della Lazio. Dietro resta in scia il sorprendente Modena che battendo il Torino, ne ridimensiona fin da subito le velleità di scudetto. A due punti ci sono tutte le altre “grandi” ad eccezione del Milan che, dopo la batosta di Alessandria, si ritrova nel
gruppo delle ultime. Dopo il pareggio casalingo ottenuto con il Brescia, si comprende che l’Ambrosiana inizia ad accusare le fatiche di Coppa.
4a GIORNATA: domenica 19 ottobre 1930        

Casale – Triestina      2 – 3    

10′ e 19′ Castellani, 29′ Borgo (CA), 82′ Demarchi (CA), 90’Demanzano

Genoa – Alessandria     5 – 1    

4′ Banchero I, 18′ Patri, 22′ Avalle (AL), 29′ Bodini, 32′ Levratto, 73′ Banchero I

Legnano – Bologna       0 – 2    

59′ Muzioli, 90′ Reguzzoni

Livorno – Brescia       0 – 1    

89’Braga

Milan – Lazio           0 – 1    

1′ Pastore

Pro Patria – Modena     3 – 2    

44′ Lombatti (MO), 51′ Colombo, 65′ Rossi, 73′ Dugoni (MO) rig., 77′ Cazzaniga rig.

Pro Vercelli – Juventus 1 – 3    

9′ Vecchina, 24′ Munerati, 27′ Orsi, 76′ Ferraris II (PR)

Roma – Napoli           3 – 1    

17′ Lombardo, 58′ Fasanelli, 71′ Tansini (NA), 85′ Volk

Torino – Ambrosiana     6 – 0    

22′ Libonatti, 31’e 47′ Prato, 72′ Rossetti, 75′ Silano, 82′ Prato

 CLASSIFICA:

Juventus 8; Bologna, Genoa e Roma 6; Lazio, Modena e Torino 5; Alessandria, Ambrosiana, Legnano, Napoli e Pro Patria 4; Brescia e Triestina
3; Pro Vercelli 2; Casale, Livorno e Milan 1.
 Più che la quarta vittoria di fila della Juventus, a far notizia è il punteggio tennistico con il quale il Torino, sconfitto dal Modena solo sette giorni
prima, si sbarazza dei campioni uscenti dell’Inter. I nerazzurri sono evidentemente in crisi dato che fino a questo momento hanno ottenuto una sola vittoria. Bologna e Genoa si pongono all’inseguimento della Juventus, ma queste sono affiancate dalla Roma la quale, finalmente,  si sta esprimendo secondo quanto
ci si aspetta dal suo organico ricco di buoni giocatori come Bernardini, Ferraris IV, Costantino e Volk. L’ex Mario Pastore, con un gol al primo minuto di gioco, acuisce la crisi del Milan giunto alla sua terza sconfitta di fila.
5a GIORNATA: domenica 26 ottobre 1930

         

Alessandria – Pro Vercelli0 – 1    

70′ Casalino

Ambrosiana – Milan      1 – 1    

5′ aut. Miltone, 80′ Serantoni (AM)

Bologna – Torino        3 – 0    

4′ e 32′ Maini, 70′ Reguzzoni

Brescia – Legnano       2 – 1    

14′ Braga, 62′ Rizzi (LE), 63′ Ranelli

Juventus – Roma         3 – 2    

4′ Fasanelli (RM), 8′ Munerati, 18′ Cesarini, 61′ Orsi, 63′ Chini (RM)

Lazio – Casale          1 – 0    

20′ Okely

Modena – Genoa          4 – 2    

2′ Subinaghi, 3′ Ansaldo (GE), 12′ Subinaghi, 58′ Mazzoni, 73′ Piccaluga, 88′ Patri (GE)

Napoli – Livorno        2 – 0    

58′ Vojak, 85′ Sallustro II

Pro Patria – Triestina  2 – 1    

4′ Chiesa, 43’Cazzaniga, 85′ Demanzano (TR)

 CLASSIFICA:

Juventus 10; Bologna 8; Lazio e Modena 7; Genoa, Napoli, Pro Patria e Roma 6; Ambrosiana, Brescia e Torino 5; Alessandria, Legnano e Pro Vercelli
4; Triestina 3; Milan 2; Casale e Livorno 1.
 A Torino va in scena uno spettacolare scontro al vertice risoltosi con la supremazia dei bianconeri che proseguono nella loro marcia trionfale. Tuttavia, la
Roma è sempre rimasta in partita dimostrando fino in fondo la bontà del proprio organico. Dietro agli scatenati Juventini resiste solo il Bologna capace a sua volta di stroncare il Torino. L’Ambrosiana prosegue nel proprio momento negativo perdendo punti anche contro il Milan ancora a secco di vittorie.
Tornano a vincere anche Modena e Napoli, il quale prevale in modo convincente sul Genoa. I vice campioni d’Italia veleggiano a metà classifica avendo ottenuto solo due vittorie a fronte di tre sconfitte. La società, per altro, sta correndo ai ripari: sembra solo un’ipotesi, ma si parla di ingaggiare l’asso argentino Guglielmo Stabile.
 6a GIORNATA: domenica 2 novembre 1930

Brescia – Casale        2 – 0    

41’e 50’Ranelli

Genoa – Juventus        0 – 3    

44′ Orsi, 87′ e 89′ Ferrari

Legnano – Alessandria   1 – 0    

47′ Aliatis

Milan – Bologna         1 – 2    

74′ Muzioli, 77′ Fedullo, 89′ Sternisa (MI)

Napoli – Modena         4 – 1    

12′ Mihalic, 16′ Sallustro, 21′ Mihalic, 52′ Sallustro, 76′ Piccaluga (MO)

Pro Vercelli – Lazio    3 – 0    

21′ Piola, ?’ Gatti, ?’ Bajardi I

Roma – Pro Patria       2 – 0    

32′ e 49′ Volk

Torino – Livorno        4 – 0    

11′ Prato, 30′ Speroni, 75′ Baloncieri, 86′ Imberti

Triestina – Ambrosiana  5 – 0    

25′ e 30′ Rebolino, 53′ Colaussi, 66′ Rebolino, 80′ Rocco

 CLASSIFICA:

Juventus 12; Bologna 10; Napoli e Roma 8; Brescia, Lazio, Modena e Torino 7; Genoa, Legnano, Pro Patria e Pro Vercelli 6; Ambrosiana e Triestina 5; Alessandria 4; Milan 2; Casale e Livorno 1.
 E venne il giorno del primo gol in bianconero di Giovanni Ferrari. Fino a questo momento il forte giocatore alessandrino non si è messo particolarmente in luce, ma lo ha fatto sul campo di una diretta concorrente per lo scudetto. L’unica valida antagonista sembra essere il Bologna, sebbene dietro si stiano
facendo notare Roma e Napoli. Finalmente le squadre del centro – sud sembrano in grado di competere ad armi pari con quelle del nord. Tuttavia, senza che lo si sapesse, questa è diventata una giornata storica per il calcio italiano in quanto si registrano i primi gol in serie A di due futuri campioni del mondo: Gino Colaussi (Triestina) e Silvio Piola (Pro Vercelli). Infine va segnalata la terza vittoria di fila del Brescia, trascinato da quel Ranelli ceduto frettolosamente dal Milan.

L’Inter, dal canto suo, dopo la seconda pesante sconfitta esterna, sembra aver già abdicato sul trono dello scudetto.
 7a GIORNATA: domenica 9 novembre 1930

         

Alessandria – Juventus  2 – 3    

16′ Borelli (AL), 52′ Chierico (AL), 58′ aut. Bertolini, 82′ Vecchina, 89′ aut. Bertolini

Ambrosiana – Modena     0 – 0

Bologna – Roma          3 – 3    

8′ Reguzzoni (BO), 22′ Chini, 25′ e 28′ Maini (BO), 66′ Lombardo, 86’Volk

Casale – Genoa          1 – 0    

41’Demarchi

Lazio – Livorno         3 – 2    

4′ Corsetti (Li), 14′ Pastore, 24′ Okely, 38′ Pastore, 75′ Corsetti (LI)

Pro Patria – Legnano    2 – 0    

28′ Cazzaniga, 56′ Dusi

Pro Vercelli – Milan    0 – 2    

17′ Torriani, 20′ Santagostino II

Torino – Brescia        1 – 1    

83′ Libonatti (TO), 86′ Ranelli

Triestina – Napoli      0 – 0

 CLASSIFICA:

Juventus 14; Bologna 11; Lazio, Napoli e Roma 9; Brescia, Modena, Pro Patria e Torino 8; Ambrosiana, Genoa, Legnano, Pro Vercelli e Triestina 6; Alessandria e Milan 4; Casale 3; Livorno 1.
 “Brava e fortunata”! Questo è il verdetto riguardante la Juventus dopo la vittoria di Alessandria: brava perché non si è lasciata andare dopo il doppio vantaggio degli alessandrini; fortunata in quanto la vittoria è arrivata negli ultimissimi minuti della gara e per di più grazie alla seconda autorete
del futuro bianconero Luigi Bertolini. Inoltre la giornata si dimostra particolarmente propizia in quanto tutte le inseguitrici perdono colpi e si allontanano progressivamente. Infine continua la striscia senza vittorie dell’Inter, mentre il Milan, sul campo di Vercelli, cancella finalmente lo zero dalla casella delle gare vinte.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather