CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1929-30: LE PRIME DUE GIORNATE DEL GIRONE DI RITORNO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Nell’ultima domenica di febbraio inizia il girone di ritorno di un campionato che, rispettando tutti i pronostici della vigilia, si dimostra bello ed avvincente.
18a GIORNATA: domenica 23 febbraio 1930

Ambrosiana – Livorno 6-2

15′ Blasevich, 19′ Silvestri (LI), 24′ Meazza, 36′ Rivolta rig., 40′ Palandri (LI), 42′ Meazza, 70′ Blasevich, 75′ Serantoni

Bologna – Lazio 3-2

18′ Busini III, 24′ Muzioli, 34′ Schiavio, 57’aut. Monzeglio (LA), 67′ Ziroli (LA)

Brescia – Milan 4-1

9′ Prosperi, 17′ Santagostino II (MI) rig., 19′ Frisoni II, 37′ Giuliani, 74′ Frisoni II

Cremonese – Pro Patria 1-2

24′ Musoni (CR), 71′ Leoni, 87′ Rossi

Genoa – Pro Vercelli 1-0

74′ Levratto rig.

Modena – Padova 0-2

66′ Vecchina, 77′ Prendato

Napoli – Juventus 2-2

3′ Munerati, 15′ Orsi, 60′ e 64′ Buscaglia (NA)

Roma – Alessandria 1-1

21′ Volk (RM), 72′ Micheli

Torino – Triestina 4-1

5′ Silano, 17′ e 50′ Libonatti, 55′ Rossetti, 66′ Rigotti (TS)

CLASSIFICA:

Ambrosiana 27; Torino 26; Alessandria, Genoa e Juventus 25; Bologna 20; Milan e Napoli 19; Brescia e Pro Vercelli 18; Roma 16; Pro Patria e Triestina 15; Lazio 14; Modena 13; Livorno 12; Padova 10; Cremonese 7.
L’inter ottiene un’altra vittoria squillante e si mantiene al comando. In scia rimane il solo Torino, in quanto Juventus ed Alessandria vengono bloccate sul pari rispettivamente da Napoli e Roma. In coda il Padova, con la terza vittoria consecutiva, si porta a soli due punti dal Livorno terz’ultimo. Per la Lazio è crisi.

Il campionato si ferma nuovamente per dar spazio alla prima trasferta della nazionale targata Pozzo. Si va in Germania per vendicare la sconfitta del maggio di un anno prima. Il tecnico rispolvera due elementi di esperienza come il genoano Ottavio Barbieri ed il granata Adolfo Baloncieri che da questo momento condivide il primato assoluto di presenze in azzurro assieme allo juventino Umberto Caligaris.
84: Francoforte sul Meno (Städtisches Stadion) –domenica, 2 marzo 1930 – ore 15,00

GERMANIA–ITALIA 0-2 (Am)

RETI: 53’ Baloncieri, 75’ Meazza

GERMANIA: Stuhlfauth (cap.), Hagen, H. Weber, Knöpfle (Mantel), Leinberger, Heidkamp, E. Albrecht, Szepan, Pöttinger, Frank, L. Hoffman. C.T.: O. Nerz.

ITALIA: Combi (Juventus) 23, V. Rosetta (Juventus) 35, Caligaris (Juventus) 44, Barbieri (Genoa) 21, Ferraris IV (Roma) 6, Pitto (Bologna) 13, Costantino (Bari) 3, Baloncieri (Torino) 44 (cap.), Meazza (Ambrosiana – Inter) 2, Magnozzi (Livorno) 23, Orsi (Juventus) 3. C.T.: V. Pozzo.

ARBITRO: Ruoff (Svizzera).
Anche questo esame viene superato a pieni voti: in Germania l’Italia domina, Baloncieri e Meazza stendono i tedeschi e il rigore fallito da Orsi non porta alcuna conseguenza se non quella di non aver reso oltremodo umiliante la sconfitta per i padroni di casa. La Germania calcistica, ma anche la Germania nazione, non stanno vivendo un bel momento. Il crollo della borsa americana di fine ottobre l’ha rimessa letteralmente in ginocchio; dopo la fine del conflitto bellico dal quale è uscita sconfitta, i debiti di guerra imposti dalle nazioni vincitrici l’avevano prostrata a tal punto da dover fare i conti con un’inflazione annua a tre cifre. Durante la seconda metà degli anni Venti le cose sono migliorate grazie all’apporto degli investimenti americani sul suo territorio, ma dopo quanto accaduto durante l’autunno precedente, questi sono venuti meno gettando nuovamente la nazione nel caos. A questo si somma anche la pretesa degli Stati Uniti di accellerare il pagamento dei debiti di guerra che già prima strangolavano l’economia tedesca e quella italiana. In questo clima si fa sentire sempre più forte la voce di Adolf Hitler che sta proponendo una cura simile a quella imposta all’Italia da Mussolini, con la quale, per altro, ha ottenuto qualche risultato.
19a GIORNATA: domenica 9 marzo 1930

Ambrosiana-Pro Vercelli 4-0

34′ Blasevich, 52′ e 61′ Meazza, 71′ Povero

Brescia – Napoli 2-1

29′ Giuliani, 70′ Frisoni I, 85′ Vojak (NA)

Cremonese – Roma 1-0

27′ Dossena

Juventus – Livorno 4-1

32′ Orsi, 33′ Palandri (LI), 55′ Vojak II, 57’Munerati, 63′ Orsi

Lazio – Genoa 3-0

9′ Spivach, 70′ Ziroli, 76′ Spivach

Modena – Milan 1-1

36′ Santagostino II, 49′ Dugoni (MO)

Padova – Torino 1-0

59′ Prendato

Pro Patria-Alessandria 4-0

49′ Vigna, 58′, 74′, e 83′ Bonivento

Triestina – Bologna 0-1

30′ Busini III

CLASSIFICA:

Ambrosiana 29; Juventus 27; Torino 26; Alessandria e Genoa 25; Bologna 22; Brescia e Milan 20; Napoli 19; Pro Vercelli 18; Pro Patria 17; Lazio e Roma 16; Triestina 15; Modena 14; Livorno e Padova 12; Cremonese 9.
Quinta vittoria consecutiva dell’Inter che comincia a sgranare il gruppo. Tra le inseguitrici vince solo la Juventus. Infatti l’Alessandria viene travolta dalla Pro Patria trascinata da una tripletta dell’istriano Bonivento, il Torino perde a Padova (per i bianco-scudati è la quarta vittoria consecutiva) permettendo ai veneti di raggiungere in classifica il Livorno. Con la vittoria sulla Roma, anche la Cremonese nutre ancora speranze di salvezza.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento