CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

DOMENICO VOLPATI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Nasce a Novara il 19 agosto 1951. Inizia la carriera in serie C incrociando Bagnoli prima al Verbania e successivamente alla Solbiatese. Il suo modo di stare in campo impressiona l’allora giovane tecnico milanese, tanto che lo porta con sè al Como nel 1976. Conclusa l’esperienza nella città lariana con la partenza di Bagnoli, Volpati passa al Monza nel quale sfiora un’incredibile promozione nel 1979, l’anno in cui i brianzoli perdono lo spareggio col Pescara.

Il giocatore, però, ha finalmente la possibilità di esibirsi sui maggiori palcoscenici calcistici nazionali andando ad indossare la maglia del Torino. Disputa due

stagioni a buon livello, ma è vittima del progetto di ringiovanimento dei ranghi che i granata mettono a punto nell’estate del 1981. All’età di trent’anni Volpati

torna in serie B nelle file del Brescia appena retrocesso. Le rondinelle pagano pesantemente una retrocessione subita nonostante una difesa da primato e compiono il

doppio salto all’indietro. Volpati viene lasciato libero e Bagnoli, in cerca di un giocatore polivalente per completare l’organico, ne chiede l’acquisto al Verona. In

breve il giocatore si guadagna la fiducia di tutti con prestazioni ad altissimo livello, coronate da tre reti nel primo anno e da una nel secondo. L’anno dello

scudetto “Nico” si distingue proprio per la sua eccletticità: valido mediano al fianco del poderoso Briegel, terzino implacabile quando s’infortuna Mauro Ferroni e,

all’occorrenza, stopper di livello.

Professionista serio e persona estremamente intelligente, gioca fino all’età di 37 anni.

Appese le scarpe al chiodo Volpati diventa uno stimato dentista, avendo egli impiegato il suo tempo libero nel conseguimento della laurea con la quale si è assicurato

un brillante futuro una volta uscito dalla ribalta dei terreni di gioco della serie A.

PROSEGUI CON:

GIUSEPPE GALDERISI

TORNA A:

PIETRO FANNA Le favole del calcio: IL VERONA CAMPIONE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento