CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

SI CONCLUDE LA PRIMA FASE DELLA COPPA ITALIA 1981-82

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Il mese di settembre si apre con l’americana IBM lancia sul mercato il primo personal Computer: si tratta del 5150, basato su processore Intel 8088. Nel volgere di pochi anni entrerà nella maggior parte delle case del mondo. Ora si tratta ancora di un marchingegno ai più sconosciuto. Ben più chiaro a molti è quanto accade la sera dopo in quattordici stadi italiani.
COPPA ITALIA – FASE ELIMINATORIA – 4a GIORNATA: mercoledì 2 settembre 1981
GIRONE A

Rimini – Perugia 0-0

Torino – Cavese 3-0

Riposa: Juventus

CLASSIFICA:

Juventus 5; Perugia e Torino 4; Rimini 3; Cavese 0.
GIRONE B

Catanzaro – Pistoiese 0-0

Cesena – Palermo 1-1

Riposa: Catania

CLASSIFICA:

Catanzaro e Pistoiese 4; Cesena e Palermo 3; Catania 2.
GIRONE C

Milan – Spal 1-0

Verona – Pescara 2-0

Riposa: Inter

CLASSIFICA:

Inter 5; Milan e Verona 4; Spal 2; Pescara 1.
GIRONE D

Cagliari – Sampdoria 2-1

Sambenedettese – Lecce 1-1

Riposa: Como

CLASSIFICA:

Cagliari e Lecce 4; Sambenedettese e Sampdoria 3; Como 2.

GIRONE E

Avellino – Napoli 0-0

Cremonese – Ascoli 0-1

Riposa: Bari

CLASSIFICA:

Ascoli e Napoli 4; Avellino e Bari 3; Cremonese 2.
GIRONE F

Fiorentina – Varese 2-0

Foggia – Genoa 0-0

Riposa: Brescia

CLASSIFICA:

Genoa 6; Fiorentina 4; Varese 3; Foggia 2; Brescia 1.
GIRONE G

Bologna – Pisa 1-0

Reggiana – Udinese 0-0

Riposa: Lazio

CLASSIFICA:

Udinese 6; Reggiana 5; Bologna 3; Lazio e Pisa 1.
In questa giornata si riaprono completamente i giochi pure nei gironi che sembravano ormai scontati. Complice un calendario che prevede, ad esempio

il derby di Torino e quello di Milano, con le quattro compagini ancora in lizza per il passaggio del turno. Tutto quindi è rimandato alla prima domenica di settembre,

quando si assapora già il gusto da grande giornata di serie A.

COPPA ITALIA – FASE ELIMINATORIA – 5a GIORNATA: domenica 6 settembre 1981
GIRONE A

Cavese – Perugia 0-0

Juventus – Torino 0-1

Riposa: Perugia

CLASSIFICA:

TORINO 6; Juventus e Perugia 5; Perugia 3; Cavese 1.
GIRONE B

Catanzaro – Cesena 3-1

Palermo – Catania 1-0

Riposa: Pistoiese

CLASSIFICA:

Catanzaro 6; Palermo 5; Pistoiese 4; Cesena 3; Catania 2.
GIRONE C

Inter – Milan 2-2

Spal – Verona 1-3

Riposa: Pescara

CLASSIFICA:

INTER e Verona 6; Milan 5; Spal 2; Pescara 1.
GIRONE D

Cagliari – Como 0-0

Sampdoria – Sambenedettese 3-0

Riposa: Lecce

CLASSIFICA:

SAMPDORIA e Cagliari 5; Lecce 4; Como e Sambenedettese 3.
GIRONE E

Avellino – Bari 0-0

Napoli – Ascoli 2-0

Riposa: Cremonese

CLASSIFICA:

NAPOLI 6; Ascoli, Avellino e Bari 4; Cremonese 2.
GIRONE F

Fiorentina – Foggia 4-0

Varese – Brescia 3-2

Riposa: Genoa

CLASSIFICA:

FIORENTINA e Genoa 6; Genoa 5; Foggia 2; Brescia 1.
GIRONE G

Bologna – Reggiana 2-2

Pisa – Lazio 2-0

Riposa: Udinese

CLASSIFICA:

REGGIANA e Udinese 6; Bologna 4; Pisa 3; Lazio 1.
Il rinnovato Torino di Massimo Giacomini si toglie la prima grande soddisfazione stagionale sconfiggendo la Juventus nel derby ed estromettendola

dalla competizione. Sfiora invece l’impresa il Milan in vantaggio sull’Inter fino ad un minuto dal termine e giustiziato da una rete del giovane Giuseppe Bergomi. Dopo

la brutta prova contro il Verona, i rosso-neri hanno evidenziato ottimi progressi, tanto da poter guardare con fiducia alla nuova stagione.

Festeggiano anche Fiorentina, Napoli e Catanzaro, mentre Sampdoria e Reggiana, sovvertono i pronostici ed andranno a rappresentare la serie B nei quarti. Se tutto

sommato quella dei liguri si profilava un’impresa possibile, data la qualità degli elementi acquistati dal presidente Paolo Mantovani, desta sensazione il passaggio

della Reggiana, società appena promossa dalla serie C1.

Con questi verdetti prende il via il nuovo campionato. La settimana è caratterizzata da una violenta diatriba scoppiata in casa Milan tra il tecnico Gigi Radice e

Roberto Antonelli, il cannoniere del campionato precedente. Per “Dustin” si profila addirittura la cessione, ma la società non può permettersi uno smacco simile, dopo

una campagna acquisti tutto sommato deludente. Anche questa polemica, però, verrà presto accantonata. Assieme alla prima di campionato, si attende anche il Gran Premio

d’Italia, tornato a Monza.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.