CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

UGO CONTI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Nato a Pisa il 22 settembre 1916, si impone all’attenzione nel campionato di serie B 1935-36 disputato con la squadra della sua città. Viene acquistato dalla Fiorentina nella quale risulta uno dei migliori nella disastrosa stagione 1937-38 conclusa con la retrocessione dei viola in serie B. Passa quindi al Livorno dove risulta decisivo nella salvezza degli amaranto, tanto che il Genoa, a caccia di giovani talenti per tentare la scalata allo scudetto della stella, decide di puntare sul suo talento.

Ala sinistra di buona tecnica e dallo spiccato senso del gol, entra nel giro della nazionale, esordendo in una delle due gare in cui Vittorio Pozzo tenta l’applicazione del sistema in nazionale.

Il conflitto bellico, però, gli fa perdere gli anni migliori, quelli della maturità. Nel 1945 passa alla Juventus, dove non trova spazio costante.

A trent’anni torna in Toscana, questa volta per vestire la maglia della Lucchese. La sua classe si rivela decisiva nel riportare i rosso-neri nell’elites del calcio italiano. Segna 27 reti e vive un’autentica seconda giovinezza diventando bomber infallibile anche nei due successivi campionati d serie A.

A 33 anni viene ceduto al Livorno nel quale dovrebbe rivelarsi essenziale per un pronto ritorno degli amaranto nella massima categoria, ma gli anni passano anche per lui. Pisa e Monticchio sono le tappe successive, prima di chiudere in serie B con la sua Lucchese alla bella età di 37 anni.

Svestiti i panni del calciatore professionista, Conti intraprende l’attività di allenatore a Crotone e poi a Cagliari, dove sarà il secondo di Manlio Scopigno nell’anno dello scudetto dei sardi.

PROSEGUI NELLA LETTURA DELLA PAGINA:

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1947-48: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 31a ALLA 34a GIORNATA Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento