CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LA SERIE A FINO AL TERMINE DELL’ANNO 1940

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Le gesta degli “eroi” della domenica nascondono alla gente che al fronte le cose si stanno mettendo male. Il 3 dicembre una controffensiva greca costringe il nostro esercito ad

una ritirata strategica in Albania di cui, tra l’altro, si perde un terzo del territorio. La domenica successiva, mentre i

calciatori scendono regolarmente in campo, una controffensivainglese costringe
le nostre truppe ad una ritirata strategica  in Africa. In entrambe le circostanze c’è bisogno dell’aiiuto dell’alleato

tedesco.

9a GIORNATA: domenica 8 dicembre 1940

        

 Bologna – Bari          5-1    

32′ Reguzzoni, 36′ Andreoli, 57′ Puricelli, 60′ Fabbri II (BA), 67′ Andreoli, 82′ Puricelli

Fiorentina – Atalanta   1-1    

20′ Degano (FI), 35′ Peretti

Genoa – Triestina       2-1    

30′ Neri, 36′ Conti, 58′ Tosolini (TS)

Juventus – Roma         3-1    

1′ Borel II, 34′ Bo, 58′ Borel II, 76′ Pantò (RM)

Lazio – Torino          0-2    

2′ Ussello, 66′ Ossola

Milan – Venezia         0-0

Napoli – Livorno        1-2    

43′ Quario (NA), 48′ Zidarich, 87′ Carta

Novara – Ambrosiana     2-4    

16′ Muci (NO), 20′ Candiani, 31′ Romano (NO), 50′ Barsanti, 75′ e 87′ Ferraris II

 CLASSIFICA:

Bologna 14; Juventus 13; Ambrosiana 12; Atalanta, Fiorentina e Torino 11; Livorno 10;

Novara, Roma e Venezia 8; Lazio, Milan e Napoli 7; Bari e Genoa 6; Triestina 5.

Tra le mura amiche il Bologna diventa una macchina da gol. Ne fa le spese il Bari, il cui portiere è

costretto a raccogliere il pallone per ben 5 volte nella propria porta. Dietro tengono la Juventus, dopo una bella

vittoria sulla Roma, e l’Ambrosiana che passa sul difficile campo di novara. In coda terzo
risultato utile consecutivo del Genoa che riaggancia il gruppo e lascia l’ultimo posto alla Triestina.

10a GIORNATA: domenica 15 dicembre 1940
        

 Ambrosiana – Bologna    2-1    

3′ e 11′ Candiani, 63′ Sansone (BO)

Atalanta – Lazio        2-0    

40′ Peretti, 86′ Schiavi

Bari – Milan            1-3    

23′ Arcari, 37′ Boffi, 82′ Fusco (BA), 83′ Buscaglia II

Livorno – Novara        1-1    

36′ Stua (LI), 42′ aut. Alfonso

Roma – Genoa            3-0    

11′ e 34′ Amadei, 75′ Coscia

Torino – Juventus       2-0    

22′ aut. Depetrini, 81′ Mascheroni

Triestina – Napoli      2-0    

41′ Grezar, 63′ Cergoli

Venezia – Fiorentina    2-1    

2′ Busidoni, 69′ Alberti, 80′ Baldini (FI)

 CLASSIFICA:

Ambrosiana e Bologna 14; Atalanta, Juventus e Torino 13; Fiorentina e Livorno 11; Roma

e Venezia 10; Milan e Novara 9; Lazio, Napoli e Triestina 7; Bari e Genoa 6.

 Cade il Bologna sul campo dell’Ambrosiana e la Juventus nel derby. Queste quattro squadre sono

racchiuse in due punti. Alla compagnia si unisce pure l’Atalanta che ha battuto la Lazio. Quest’ottimo inizio degli

orobici è il frutto di un’accurata programmazione che dopo la retrocessione del 1938 ha fatto si che
ai numerosi giovani in organico, venissero affiancati alcuni elementi d’esperienza come gli ex Liguria Ciancamerla,

Peretti e Cominelli.

11a GIORNATA: domenica 22 dicembre 1940

       

 Ambrosiana – Livorno    3-0    

8′ e 37′ Frossi, 49′ Barsanti

Bologna – Milan         4-2    

8′ e 15′ Puricelli, 19′ e 51′ Reguzzoni, 58′ Todeschini (MI), 85′ Arcari (MI)

Fiorentina – Bari       4-0    

6′ Di Benedetti, 31′ Degano, 77′ e 80′ Valcareggi

Genoa – Torino          4-0    

4′ e 37′ Miniati, 50′ Michelini II, 70′ Bertoni

Juventus – Atalanta     3-1    

2′ Pagliano (AT), 52′, 57′ e 62′ Gabetto

Lazio – Venezia         4-1    

4′ Vettraino, 18′ aut. Romagnoli (VE), 55′ Vettraino, 62′ Piola, 69′ aut. Piazza

Napoli – Roma           2-1    

25′ Rosellini, 53′ Borsetti (RM) rig., 76′ Quario

Novara – Triestina      0-0

 CLASSIFICA:

Ambrosiana e Bologna 16; Juventus 15; Atalanta, Fiorentina e Torino 13; Livorno 11;

Novara, Roma e Venezia 10; Lazio, Milan e Napoli 9; Genoa e Triestina 8; Bari 6.

 Puricelli e Reguzzoni stendono il Milan, l’Inter liquida il Livorno, fin qui autore di un buon

campionato, mentre la Juventus, ancora una volta trascinata da uno splendido Guglielmo Gabetto autore di una tripletta,

riesce ad aver ragione dell’Atalanta, che perde contatto con il vertice. Stessa cosa accade
al Torino travolto a Genova da una compagine in netta ripresa. Chi ora si trova in crisi è il Bari, a soli due punti dalla

penultima posizione.

12a GIORNATA: domenica 29 dicembre 1940
       

 Atalanta – Genoa        1-1    

36′ Pozzo (AT), 46′ Neri

Bari – Lazio            1-2    

15′ Flamini, 56′ Lombardini, 76′ Dugini (BA)

Livorno – Bologna       2-2    

3′ Puricelli, 18′ Cattaneo (LI), 42′ Puricelli, 60′ aut. Ricci (LI)

Milan – Fiorentina      3-1    

38′ Buscaglia II, 53′ Degano (FI), 63′ Boffi, 86′ Menti I

Roma – Novara           1-3    

30′ e 48′ Barberis, 61′ Borsetti (RM) rig., 86′ Muci

Torino – Napoli         6-2    

3′ Busani (NA), 7′,  11′ e 12′ Petron, 25′ Rosellini (NA), 33′ Capri, 44′ Ussello, 71′ Ossola

Triestina – Ambrosiana  2-0    

19′ De Filippis, 21′ Tagliasacchi

Venezia – Juventus      1-1    

47′ Mazzola (VE), 77′ Depetrini

 CLASSIFICA:

Bologna 17; Ambrosiana e Juventus 16; Torino 15; Atalanta 14; Fiorentina 13; Livorno e

Novara 12; Lazio, Milan e Venezia 11; Roma e Triestina 10; Genoa e Napoli 9; Bari 6.

 L’ultima giornata dell’anno regala il primato in solitaria al Bologna che pareggia a Livorno e

approfitta della contemporanea sconfitta dell’Ambrosiana a Trieste.

Va in archivio questo 1940, diventato drammatico per gli avvenimenti che stanno coinvolgendo  anche il nostro Paese. In

questo momento lo stato d’animo della popolazione rivela un profondo stato di depressione conseguenza delle cattive

notizie che, sebbene con il contagocce a causa della forte censura
approntata dal regime, stanno comunque arrivando. Il razionamento dei viveri, poi, non può essere nascosto in alcun modo.

E’ chiaro che all’iniziale entusiasmo suscitato dalla convinzione di entrare in una guerra praticamente già vinta, sta

subentrando la paura e l’incertezza nel futuro.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento