CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LA 23a E LA 24a GIORNATA DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1977-78 IN ATTESA DI NOTIZIE

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Ognuno dei quasi sessanta milioni di cittadini cerca una spiegazione per quanto accaduto in via Mario Fani il 16 marzo; non solo, un po’ come avverrà in occasione della 23a e della 24a giornata del campionato italiano di calcio 1977-78, tenta di pronosticare il futuro. C’è chi vorrebbe la dichiarazione dello “stato di guerra” nei confronti di queste bande di criminali, mentre c’è chi teme un colpo di stato. Tutti, nel frattempo, rimangono in attesa di notizie concernenti le condizioni di Aldo Moro.
L’intero arco costituzionale ha comunque dichiarato la sua ferma volontà di non trattare, a partire dal Partito Comunista, teoricamente la formazione politica di riferimento delle Brigate Rosse. La presenza dei molti vessilli del PCI, mescolati a quelli della DC presenti alla manifestazione di Piazza San Giovanni del pomeriggio del 16 marzo, sancisce nei fatti la frattura tra il mondo di sinistra e la lotta armata.




La 23a e la 24a giornata del campionato italiano 1977-78: I PRIMI DUBBI

Dopo i primi ovvi momenti di sconcerto, l’agguato di via Fani porta inevitabilmente le prime polemiche. Ci si interroga sull’efficacia della “difesa” di Aldo Moro. Due sono le domande di questi primi giorni: come è stato possibile mettere a punto un piano tanto minuzioso e, soprattutto, perché i componenti la scorta erano praticamente disarmati, con le pistole trovate nei borselli, mentre i mitra, certamente più efficaci per rispondere alle raffiche del commando, erano chiusi nei portabagagli delle vetture?
Arriveranno risposte nel corso degli anni, ma non saranno risolutive. I componenti il commando, tra cui Mario Moretti, Prospero Gallinari, Barbara Balzerani, Valerio Morucci, Adriana Faranda e Franco Bonesoli, affermeranno di aver deciso di provare tutti i giorni, fino a quando non avessero destato sospetti. Per quanto riguarda le armi, la moglie di Aldo Moro, racconterà di aver saputo che i mitra erano tenuti al sicuri, data la poca dimestichezza degli uomini stessi della scorta a trattare con le stesse.

La 23a e la 24a giornata del campionato italiano di calcio 1977-78: L’ASSASSINIO DI FAUSTO E IAIO

Due giorni dopo, esattamente il 18 marzo, desta sensazione l’assassinio di FAUSTO TINELLI e LORENZO IANNUCCI, chiamati Fausto e Iaio, due iscritti al Centro Sociale Leoncavallo. Secondo alcune testimonianze, sembra che il Leoncavallo sia in procinto di redigere un libro, denominato Libro Bianco, riguardante gli spacciatori di eroina a Milano. Ancor oggi non è stata fatta chiarezza su chi abbia compiuto questo crimine. Alcune ipotesi portano a ricondurre il duplice omicidio ad ambienti fascisti, altre invece, sostengono che si sia trattato di un chiaro monito al centro sociale di sospendere l’attività riguardante la pubblicazione del “Libro Bianco”.
Il delitto di Milano avviene nel giorno in cui a Roma, nella chiesa di San Lorenzo al Verano, si celebrano i funerali degli uomini della scorta di Aldo Moro. Contemporaneamente, le BR fanno trovare il primo dei nove comunicati:

Intanto in un clima plumbeo, la nazione tenta di ritrovare la propria quotidianità. Le Tv riprendono la normale programmazione (al sabato sera la RAI recupera la puntata del quiz del giovedì firmato Mike Buongiorno “SCOMMETTIAMO”), mentre Roma si prepara a vivere il secondo derby stagionale. Analogamente a quanto avverrà su tutti i campi di gioco e in tutti i palazzetti, verrà osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime.

La 23a e la 24a giornata del campionato italiano di calcio 1977-78:

23a GIORNATA: domenica 19 marzo 1978

Bologna – Milan 0-0
Genoa – Atalanta 0-1

30′ Manueli

Inter – Perugia 2-0

70′ Muraro, 82′ Altobelli

Juventus – Verona 1-0

7′ Bettega

LR. Vicenza-Fiorentina 1-0

50′ P. Rossi

Lazio – Roma 1-1

10′ aut. Clerici, 55′ Giordano (LA) rig.

Napoli – Torino 1-3

23′ P. Sala, 49′ Savoldi (NA) rig., 62′ Pulici, 88′ Graziani

Pescara – Foggia 1-2

44′ Zucchini (PE), 55′ A. Bordon, 81′ Iorio

CLASSIFICA:

Juventus 35; Torino 31; LR. Vicenza 30; Milan 29; Inter 27; Perugia 24; Verona 23; Atalanta e Napoli 22; Roma 21; Lazio 20; Foggia e Genoa 18; Bologna e Fiorentina 17; Pescara 14.
Roberto Bettega sblocca immediatamente la partita a Torino e permette alla Juventus di amministrare una vittoria fondamentale in chiave scudetto e nel contempo di rendere vana la bella impresa del Torino sul campo del Napoli. Pareggiando a Bologna, il Milan dà in pratica l’addio a qualsiasi velleità di scudetto.
Anche questa volta finisce in parità il derby romano, mentre in coda il Foggia conquista un’importantissima vittoria sul campo del Pescara, ora la maggiore indiziata a retrocedere.

La 23a e la 24a giornata 1977-78: INDAGINI E PRIME DELIBERE DEL GOVERNO

L’argomento di questo lunedì ormai di primavera, continua ad essere il sequestro Moro. Alla luce del comunicato fatto rinvenire dalle Brigate rosse, la politica è chiamata ad un’analisi approfondita del momento, mentre le forze dell’ordine stanno cercando di mettere in fila i pochi elementi a disposizione, per cercare di individuare i colpevoli di un crimine tanto efferato.
A Milano, nel frattempo, si svolge il funerale pubblico di Fausto e Iaio. Alle esequie la partecipazione della città è molto sentita.
Il 21 marzo il governo cerca di facilitare le indagini,approvando il decreto anti-terrorismo, il quale restituisce alle forze dell’ordine parte dei poteri attribuiti negli ultimi dieci anni alla magistratura. L’intento nobile è quello di assicurare ai cittadini maggiori garanzie di libertà. È introdotta una nuova figura di reato: quella del sequestro di persona. Sul fronte delle indagini qualcosa sembra muoversi: il 22 arriva la notizia dell’identificazione di un componente il commando. Si tratta di Prospero Gallinari, un pericoloso latitante, evaso dal carcere nel 1977. La stretta si concreta anche nella delibera che impone la comunicazione all’autorità locale di tutti gli affitti e di tutti i contratti di compravendita degli immobili. Intanto esce una lista di nomi, possibili autori del sequestro Moro: accanto a quello di Prospero Gallinari, ci sono quelli di Mario Moretti, Susanna Ronconi, Corrado Alunni ed altri. Pattuglie di carabinieri sono dislocate sul territorio munite di foto segnaletiche, per il riconoscimento e, successivamente, l’arresto dei colpevoli, mentre i numei istituiti per le segnalazioni sono letteralmente presi d’assalto da cittadini che tentano di rendersi utili.

La 23a e la 24a giornata del campionato italiano di calcio 1977-78: IN CAMPO ANCHE NEL GIORNO DI PASQUA

Ci si prepara a festeggiare la Pasqua, ma il pensiero va sempre ad Aldo Moro.

Ci si prepara a festeggiare la Pasqua, naturalmente col pensiero di tutti rivolto al sequestro Moro. L’ostaggio eccellente è ricordato nella via Crucis e nell’omelia Urbis et Orbi del giorno di Pasqua, celebrata da un Paolo VI sempre più provato fisicamente. Si cerca di analizzare il secondo comunicato recapitato alle Agenzie Ansa nel tardo pomeriggio del sabato pre pasquale, nel quale: dopo aver ribadito le accuse alla Democrazia Cristiana, le Brigate Rosse si rivolgono anche al Partito Comunista e ai sindacati, rei di collaborare con questo regime imperialista.
Nel pomeriggio di questa festa comandata, l’intera serie A è di nuovo in campo per una giornata interlocutoria. La Juventus, con la testa alla semifinale di Coppa dei Campioni contro il forte Bruges, va a far visita al Genoa pericolante, mentre il Torino ospita il Perugia.

24a GIORNATA: domenica 26 marzo 1978
Atalanta – Inter 0-1

77′ Oriali

Fiorentina – Bologna 0-0
Foggia – Lazio 3-1

19′ Iorio, 46′ Garlaschelli (LA), 59′ Colla, 80′ Del Neri

Genoa – Juventus 2-2

19′ Tardelli, 49′ Ghetti (GE), 75′ Boninsegna, 82′ Damiani (GE)

Milan – Pescara 2-0

35′ Gaudino, 70′ Maldera

Roma – LR. Vicenza 1-1

12′ Guidetti, 76′ aut. Prestanti (RM)

Torino – Perugia 1-1

27′ Graziani (TO), 86′ Goretti

Verona – Napoli 0-1

38′ Pin

CLASSIFICA:

Juventus 36; Torino 32; LR. Vicenza e Milan 31; Inter 29; Perugia 25; Napoli 24; Verona 23; Atalanta e Roma 22; Foggia e Lazio 20; Genoa 19; Bologna e Fiorentina 18; Pescara 14.
L’ex Oscar Damiani frena la corsa della Juventus realizzando un gol importantissimo per il suo Genoa finito nelle sabbie mobili della lotta per non retrocedere. Buon per i bianco-neri che i cugini non vadano oltre il pareggio casalingo nella sfida contro il Perugia, autore di uno splendido campionato di centro-classifica. Torna alla vittoria il Milan che rafforza la propria posizione UEFA, mentre il Foggia, battendo la Lazio con la sua seconda vittoria consecutiva, raggiunge proprio i bianc’azzurri, coinvolgendoli nella lotta per non retrocedere.

La 23a e la 24a giornata del campionato italiano di calcio 1977-78: JUVENTUS-BRUGES SEMIFINALE D’ANDATA DI COPPA DEI CAMPIONI

“Io sono qui in discreta salute” recita un passo di una lettera scritta da Aldo Moro il 27 marzo e recapitata alla moglie. Poche parole con le quali lo statista, molto probabilmente, cerca di fornire indicazioni sul suo luogo di detenzione. La notizia, naturalmente, manda in secondo piano tutti i commenti riguardanti la giornata di campionato, ofuscando la vigilia del match di Coppa di Campioni tra Juventus e Bruges.
Sulla panchina dei campioni del Belgio siede Ernst Happel; si tratta di una formazione da anni vicina al successo europeo. A Torino i bianco-neri vengono messi in grande difficoltà dall’applicazione sistematica della trappola del fuorigioco. Il “muro” belga viene però sfondato da Bettega, che a tre minuti dal novantesimo regala il vantaggio alla Juve intervenendo
di testa su un cross pennellato dalla destra da Causio. Nel finale segna anche Cabrini, giovanissimo terzino sinistro, grande scoperta di Trapattoni, ma l’arbitro gli nega la soddisfazione di coronare con un gol la sua prova maiuscola. Il giocatore ha la caratteristica di essere mancino, unico nel ruolo in Italia, caratteristica che non lascia indifferente il Commissario Tecnico della Nazionale Enzo Bearzot.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather