CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO MONDIALE DI CALCIO 1954: IL PRIMO GIORNO DI GARE

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
  Si arriva così alla cerimonia d’apertura dei campionati mondiali prevista a Losanna, sede della FIFA il 16 giugno prima della gara tra Francia e Jugoslavia arbitrata dal gallese Griffith, il quale crea subito problemi al Comitato Organizzatore per via del rimborso del biglietto del tram dall’hotel in cui alloggia al campo di allenamento. L’avaro arbitro si è pure lamentato di non aver avuto una camera d’albergo con un proprio bagno, per cui fa sapere di non voler pagare, oltre al costo della stanza, il sovrapprezzo del bagno in comune. Il calcio che si sta avviando verso l’era mediatica e tecnologica è ancora fatto di addetti ai lavori alloggiati in pensioni e che si spostano in tram.

Espletata questa prima formalità, comunque, in quattro città elvetiche inizia la kermesse calcistica mondiale. L’attenzione della giornata è rivolta a Berna dove è di scena l’Uruguay campione in carica.
 Losanna (La Pontaise) – mercoledì 16 giugno 1954 – ore 18,00

JUGOSLAVIA-FRANCIA 1-0 (GIR. A, 1a GIORNATA)

RETI: 14′ Milutinovic

JUGOSLAVIA: Beara, B.Stankovic, Crnkovic; Žl.Cajkovski, I.Horvat, Boškov; Milutinovic, Mitic, Vukas, Bobek (cap), Zebec. C.T.: A. Tirnanic.

FRANCIA: Remetter, Gianessi, Kaelbel; Penverne, Jonquet (cap), Marcel; Kopa, Glovacki, Strappe, Dereuddre, Vincent. C.T.: P. Piharrot.

TERNA ARBITRALE: Griffiths (Galles); g.l.: Asensi (Spagna), Baumberger (Svizzera)

SPETTATORI: 16.000

   GINEVRA (Les Charmilles) – mercoledì 16 giugno 1954 – 18,00

BRASILE-MESSICO 5-0 (GIR. A, 1a GIORNATA)

RETI: 24′ Baltazar,   29′ Didi, 34′ e 42′ Pinga, 90′ Julinho.

BRASILE: Castilho, D.Santos, N.Santos; Brandaozinho, Pinheiro, Bauer (cap); Julinho, Didi, Baltazar, Pinga, Rodriguez. C.T. Z. Moreira.

MESSICO: Mota, López, Gomez; Cárdenas, Romo, Avalos; Torres, Naranjo (cap), Lamadrid, Balcázar, Arellano. C.T.: G. Vial.

TERNA ARBITRALE: Wyssling (SvIzzera); g.l.  Costa (Portogallo), Schönholser (Svizzera).

SPETTATORI: 12.000.

Zurigo (Sportzplatz Hardturm) – mercoledì 16 giugno 1954 – ore 18,00

AUSTRIA-SCOZIA 1-0 (GIR. C, 1a GIORNATA)

RETI: 32′ Probst

AUSTRIA: Schmied, Hanappi, Barschandt; Ocwirk (cap.), Happel, Koller; R.Körner, Schleger, Dienst, Probst, A.Körner. C.T.: W. Nausch.

SCOZIA: Martin, Cunningham (cap.), Aird; Docherty, Davidson, Cowie; McKenzie, Fernie, Mochan, Brown, Ormond. C.T.: A. Beattle.

TERNA ARBITRALE: Franken (Belgio); g.l.: Vianna(Brasile), Gulde (Svizzera)

SPETTATORI: 25.000

Berna (Wankdorf Stadion) – mercoledì 16 giugno 1954 – ore 18,00

URUGUAY-CECOSLOVACCHIA 2-0 (GIR. C, 1a GIORNATA)

RETI: 70′ Miguez, 84′ Schiaffino 

URUGUAY: Maspoli, Santamaria, Martinez; Andrade, Varela (cap.), Cruz; Abbadie, Ambrois, Miguez, Schiaffino, Borges. C.T.: J. Lopez.

CECOSLOVACCHIA: Reimann, Šafránek, Novák (cap.); Trnka, Hledik, Hertl; Hlavácek, Hemele, Kacáni, Pažický, Pešek. C.T.: G. Cejp.

TERNA ARBITRALE: Ellis (Inghilterra); Schicker (Svizzera), Ling (Svizzera).

SPETTATORI: 20.500.

 Dopo questa prima tornata di gare Jugoslavia e Brasile hanno già un piede nei quarti in quanto nello scontro diretto del sabato successivo alle due compagini basterà un pareggio per garantirsi una comoda prosecuzione del mondiale. In particolare hanno impressionato i brasiliani tra i quali si sono messi in
evidenza i fratelli Nilton e Dialma Santos, terzini con il vizio di spingersi in avanti e di realizzare grandi gol e l’ala destra Julinho.

Delude invece la Francia dell’astro nascente Raimond Kopa, battuta dalla Jugoslavia. La compagine balcanica si sta comunque imponendo come grande realtà del calcio internazionale grazie a talenti come Bora Milutinovic e Bernard Vukas.

Nel girone C, la Cecoslovacchia mette in difficoltà i campioni del mondo per un tempo, ma nella ripresa Miguez e Schiaffino, sempre più autentica stella mondiale, risolvono l’incontro. Passa anche l’Austria sulla Scozia, affermando, in un certo senso, la supremazia del calcio danubiano su quello anglo-sassone.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento