CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LA VIGILIA DI HELSINKI 1952

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Nel mese di luglio Helsinki, capitale della Finlandia, nazione scandinava che durante la guerra ha conosciuto prima l’influenza nazista e successivamente l’occupazione russa, ospita la quindicesima edizione dei giochi olimpici dell’era moderna. Contrariamente a quanto avvenuto in Inghilterra nel 1948, alla manifestazione
vengono ammesse anche la Germania Occidentale e il Giappone. A questa edizione partecipa pure l’Unione Sovietica, mai presente dalla fine dell’impero zarista avvenuta nel 1917. Si tratta comunque di una presenza ingombrante: la guerra fredda in atto, ha costretto gli organizzatori locali a predisporre un villaggio separato proprio per gli atleti sovietici e per quelli a loro alleati: ne consegue che i villaggi sono tre: uno per gli appartenenti all’Alleanza AAtlantica, uno perquelli del Comecon e l’altro per le donne, come usava in questo periodo.

La nazione scandinava si trova comunque ad organizzare un’edizione record alla quale parteciperanno oltre cinquemila atleti provenienti da 69 nazioni. Immediatamente balza all’occhio la bontà delle strutture approntate dai finlandesi.
PAGINA SUCCESSIVA Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.