CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

LUIGI GEDDA, IL CONFESSIONISMO E LA CONCLUSIONE DEL GIRONE D’ANDATA 1951-52

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Il 22 gennaio Pio XII nomina presidente dei Comitati Civici LUIGI GEDDA, gia’ presidente dell’Azione Cattolica. Si tratta di un uomo attivo,

dinamico, che, nel volgere di pochi mesi, trasformerà tutto l’apparato clericale in una macchina elettorale straordinaria, insinuandosi con l’appoggio della Chiesa in tutte le parrocchie d’Italia, nelle Associazioni e nei comitati assistenziali. Irruento, onnipresente, Gedda è stato uno dei maggiori artefici dell'”Italia confessionale”.

Da questo momento in avanti le campagne demonizzatrici nei confronti del comunismo si intensificheranno ulteriormente, fino a raggiungere livelli parossistici. Si

assisterà a vere crociate che travolgeranno ogni ostacolo, insinuandosi in ogni apparato pubblico con campagne moralizzatrici sul costume, sulla stampa
e sugli spettacoli. Partirà un tornado che metterà nel timor di Dio le menti dei giovani, dei vecchi, dei malati negli ospedali e negli ospizi. “In cielo in terra e in

ogni luogo” dove è possibile raccattare voti.

Tre giorni dopo l’ Italia viene ammessa all’ONU, ma l’URSS (con altri quattordici Paesi) vota contro, pone il suo veto e dichiara che non si sentira’ più obbligata a

rispettare le clausole del trattato di pace firmato alla fine della guerra con gli alleati. In altre parole la patria del bolscevismo si dichiara ostile al nostro

Paese. Per Gedda questo è senz’altro un gradito regalo in quanto ora ha pure la giustificazione internazionale per portare avanti il proprio progetto. Il calcio,

invece, continua a perseguire i propri di progetti, primo fra tutti quello d’essere il re incontrastato delle domeniche degli italiani, naturalmente dopo le funzioni

religiose, dovere assoluto di ogni buon cittadino!

19a GIORNATA: domenica 27 gennaio 1952

Fiorentina – Milan 1-0

15′ Ekner

Juventus – Padova 3-0

20′ Caprile, 79′ J. Hansen, 81′ Vivolo rig.

Palermo – Legnano 2-0

45′ Micheloni, 80′ Bronee

Spal – Lucchese 1-0

36′ Bulent

Triestina – Lazio 1-1

23′ Ciccarelli (TS), 47′ Lofgren

CLASSIFICA:

Juventus 30; Milan 26; Inter, Lazio e Spal 23; Palermo 22; Napoli 20; Pro Patria 19; Novara e Sampdoria 18; Fiorentina e Padova 16;

Bologna, Torino, Triestina e Udinese 15; Lucchese 14; Como 13; Legnano 8.

Termina, si fa per dire, il girone d’andata con la vittoria della Juventus tornata a più 4 in seguito alla sconfitta del Milan a Firenze. La

classifica,
però, non è del tutto veritiera in quanto molte compagini debbono recuperare alcune partite.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento