CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1957-58: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 28a ALLA 32a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
28a GIORNATA: domenica 13 aprile 1958

Atalanta – Genoa 1-1

56′ Perani (AT), 74′ Bruno

Fiorentina – Verona 1-1

19′ Del Vecchio, 68′ Lojacono (FI)

Juventus – Bologna 4-1

15′ Bodi (BO), 25′ Sivori, 55′ Charles, 76′ Boniperti, 85′ Stacchini

LR Vicenza-Alessandria 4-0

32′ Marchi, 40′ David, 76′ Valentinuzzi, 82′ Campana

Milan – Lazio 6-1

4′, 18′, 40′ e 47′ Galli, 48′ Mariani, 50′ Galli rig., 77′ Muccinelli (LA)

Roma – Napoli 0-2

10′ Di Giacomo, 46′ Vinicio

Spal – Torino 0-1

90′ Arce

Sampdoria – Padova 3-2

57′ Brighenti (PD), 61′ e 72′ Firmani, 81′ Turatti (PD), 88′ Vicini

Udinese – Inter 1-1
43′ Pentrelli (UD), 53′ Bicicli

CLASSIFICA:

Juventus 45; Napoli e Padova 35; Fiorentina 33; Roma 30; Inter 28; Alessandria, Bologna, L.R. Vicenza e Torino 27; Lazio 25; Atalanta, Milan, Spal, Udinese e Verona 24; Sampdoria 22; Genoa 21.
Ora la Juventus aspetta solo il verdetto della matematica per cucire la stella sulle maglie. Il Padova cade in casa della Sampdoria (i conti con l’Atalanta sono virtualmente pareggiati) e piomba a – 10. Ma questo è un campionato pazzo: il Milan, invischiato nella lotta per non retrocedere infligge un secco 6-1 alla Lazio nel quale Carlo Galli vive la sua grandissima giornata di gloria realizzando una cinquina.
29a GIORNATA: domenica 20 aprile 1958

Alessandria – Padova 0-0

Bologna – Milan 0-0

Genoa – Udinese 1-0

90′ Abbadie

Inter – Fiorentina 0-1

51′ Bizzarri

L.R. Vicenza – Roma 3-1

16′ Marchi, 24′ e 83′ Campana, 85′ Da Costa (RM)

Lazio – Sampdoria 2-2

25′ Burini (LA) rig., 56′ Firmani, 62′ Vivolo (LA) rig., 83′ Tortul

rig.
Napoli – Juventus 4-3

4′ Vinicio, 6′ aut. Greco II (JU), 24′ Brugola, 58′ Stacchini (JU), 77′ Vinicio, 86′ Montico (JU), 88′ Bertucco

Torino – Atalanta 4-0

6′ e 28′ Arce, 60′ Crippa, 88′ Tacchi

Verona – Spal 1-2

12′ Galassini (VE), 48′ Prenna, 79′ Sandell

CLASSIFICA:

Juventus 45; Napoli 37; Padova 36; Fiorentina 35; Roma 30; L.R. Vicenza e Torino 29; Alessandria, Bologna e Inter 28; Lazio e Spal 26; Milan 25; Atalanta, Udinese e Verona 24; Genoa e Sampdoria 23.
Il Napoli torna agli onori delle cronache fermando la corsa della Juventus dopo una delle più belle partite del campionato in cui si sono confrontate due squadre ricche di grandi talenti offensivi. Per i campani rimane la soddisfazione di aver battuto per due volte quelli che si avviano a diventare i nuovi campioni d’Italia.

In coda la situazione si fa sempre più intricata: in tre punti troviamo mezza serie A.

Tra le squadre coinvolte c’è anche il Milan, impegnato a preparare la semifinale europea contro il Manchester United.
30a GIORNATA: domenica 27 aprile 1958

MARCATORI

Atalanta – Juventus 0-0

Bologna – Napoli 1-1

56′ Pascutti (BO), 63′ Brugola

Fiorentina – Spal 3-0

4′ Segato, 36′ e 76′ Julinho

Inter – L.R. Vicenza 1-0

81′ Angelillo

Padova – Udinese 0-0

Roma – Milan 3-3

6′ Lojodice (RM), 20′ Guarnacci (RM), 44′ Lojodice (RM), 55′ Fontana, 76′ Liedholm, 83′ Mariani

Sampdoria – Alessandria 1-1

11′ Vonlanthen, 76′ Ocwirk (SA)

Torino – Lazio 1-1

4′ Selmosson, 61′ Bearzot (TO)

Verona – Genoa 1-3

29′ Tesconi (VE), 41′ Dal Monte, 51′ e 71′ Abbadie

CLASSIFICA:

Juventus 46; Napoli 38; Fiorentina e Padova 37; Roma 31; Inter e Torino 30; Alessandria, Bologna e L.R. Vicenza 29; Lazio 27; Milan
e Spal 26; Atalanta, Genoa e Udinese 25; Sampdoria e Verona 24.
Juventus e Napoli pareggiano i loro incontri e per i torinesi la festa scudetto è sempre più vicina. In coda il Genoa, trascinato da Abbadie, vince un importantissimo scontro diretto a Verona, nel quale i padroni di casa si fanno parare ben due calci di rigore.

Il periodo compreso tra il 25 aprile e il primo maggio solitamente è per gli italiani un momento di riflessione sulla loro condizione. A partire dalle celebrazioni della fine della seconda guerra mondiale, che immancabilmente riaprono ferite ancora fresche, per finire con le manifestazioni dei lavoratori, nelle quali si rivendicano i diritti per un’itera classe sociale, il dibattito rimane molto acceso. A surriscaldare ulteriormente gli animi contribuiscono le nuove esternazioni dello scrittore DANILO DOLCI gia noto per le dichiarazioni del 2 febbraio 1956. In una intervista egli sostiene che la popolazione della Sicilia verrebbe deliberatamente tenuta nella miseria e nell’ignoranza da Parroci, Polizia e rappresentanti dello Stato con la conseguenza di subire una denuncia per vilipendio al Governo, alla Religione, e alle Forze Armate. Ma non si va a fondo. Polemiche sui giornali, si riporta la condanna e finisce tutto lì.

Il giorno successivo, dopo lo scioglimento delle camere e in piena campagna elettorale con tutto il mondo politico in fibrillazione per le elezioni del 25 e 26 maggio, arriva il messaggio (elettorale propagandistico) della Conferenza Episcopale, ed incarica i vescovi a diffonderlo ai fedeli; ovviamente questo suscita vivaci reazioni da parte delle forze politiche le quali lo considerano un’innammissibile ingerenza nella vita italiana.

In sostanza i vescovi ricordano il dovere dell’obbedienza e quindi di
Si protesta, scandalizzati si fanno inviti al governo provvisorio di intervenire, ma non vi e’ nulla da fare, il vecchio governo rifiuta, e afferma che
31a GIORNATA: domenica 4 maggio 1958

Atalanta – Bologna 1-1

1′ Zavaglio (AT), 45′ Pivatelli

Genoa – Inter 0-0

Juventus – Fiorentina 0-0

L.R. Vicenza – Torino 1-1

25′ Bearzot, 26′ David (L.) rig.

Milan – Verona 2-0

30′ Fontana, 33′ Cucchiaroni

Napoli – Sampdoria 0-1

76′ Bolzoni

Roma – Alessandria 2-1

37′ Orlando, 47′ Da Costa, 88′ Pistorello (AL)

Spal – Padova 1-1

18′ Vitali (SP), 79′ Hamrin


Udinese – Lazio 1-0

69′ Bettini

>
CLASSIFICA:

Juventus 47; Fiorentina, Napoli e Padova 38; Roma 33; Inter e Torino 31; Bologna e L.R. Vicenza 30; Alessandria 29; Milan 28; Lazio, Spal e Udinese 27; Atalanta, Genoa e Sampdoria 26; Verona 24.
Dopo sei anni la Juventus torna a festeggiare lo scudetto: si tratta di un successo storico in quanto i torinesi diventano la prima squadra a cucire la stella sulle magliette e nel contempo diventano anche la compagine più vincente del calcio italiano.

In coda il Milan, campione uscente e semifinalista di Coppa, compie un passo decisivo verso la salvezza battendo il Verona; dopo una prima parte di campionato, la squadra scaligera è entrata in un’inspiegabile crisi di gioco e risultati e avendo raccolto un punto nelle ultime otto giornate, ora si trova in ultima posizione e per giunta staccata di due lunghezze dalla zona salvezza.

In settimana il Milan vola in Inghilterra per affrontare il Manchester United inella semifinale di Coppa dei Campioni. Liedholm e compagni sono favoriti, soprattutto alla luce della grave tragedia con la quale i britannici sono stati costretti a fare i conti. In casa loro, però, gli uomini allenati da Mat Basby si fanno rispettare vincendo in rimonta per 2 a 1, risultato ampiamente rimontabile dagli esperti rossoneri.
32a GIORNATA: domenica 11 maggio 1958

Alessandria – Atalanta 0-0

Bologna – L.R. Vicenza 4-0

32′ Pivatelli, 45′ Cervellati, 52′ e 74′ Pascutti

Fiorentina – Milan 4-3

10′ Lojacono, 36′ Magnini, 45′ Bizzarri, 60′ Danova (MI), 65′ Lojacono, 69′ Danova (MI), 85′ Zagatti (MI)

Inter – Roma 1-1

52′ Da Costa, 69′ Angelillo (IN) rig.

Lazio – Spal 1-1

59′ Tozzi (LA), 65′ Prenna

Padova – Verona 2-0

12′ Brighenti, 57′ Hamrin

Sampdoria – Juventus 3-2

17′ e 35′ Sivori (JU), 37′ Firmani, 63′ Recagno, 75′ Bolzoni

Torino – Genoa 4-2

2′ Leoni (GE), 43′ Abbadie (GE), 49′ Arce, 57′ Santelli, 70′ Arce, 88′ Santelli

Udinese – Napoli 7-0

26′ aut. Franchini, 63′ aut. Comaschi, 64′ Fontanesi, 67′ Lindskog, 69′ Bettini, 74′ e 87′ Fontanesi

>
CLASSIFICA:

Juventus 47; Fiorentina e Padova 40; Napoli 38; Roma 34; Torino 33; Bologna e Inter 32; Alessandria e L.R. Vicenza 30; Udinese 29; Lazio, Milan, Spal e Sampdoria 28; Atalanta 27; Genoa 26; Verona 24.
Fosse avvenuto ora quanto vi stiamo raccontando, chissà che cosa si direbbe! In vantaggio di due reti segnate in poco più di trenta minuti, la Juventus va a perdere in casa della Sampdoria, ma è ancor più clamoroso quanto accade ad Udine dove il Napoli, in lotta per il secondo posto, ne piglia ben sette di cui cinque in undici minuti, tra il 63 ed il 74’. Ne consegue che il Verona, sconfitto a Padova, si trova in posizione disperata, mentre per il resto più di mezza serie A deve ancora trepidare. Tra questi anche il Milan sconfitto a Firenze dove per altro ha fatto esordire due giovani: Giancarlo Beltrami e Giancarlo Migliavacca. L’esordio di questi ragazzi ha permesso a Viani di far riposare alcuni titolari in vista della gara di ritorno di Coppa a Milano. In questa serata di maggio Schiaffino e compagni impartiscono una lezione di calcio al Manchester. Apre le marcature Schiaffino, seguito da Liedholm, Danova, per mezzo secolo lunico rossonero italiano ad aver realizzato un gol ai “red-devils prima della rete di Alberto Gilardino nel 2007”, per chiudere con la doppietta personale del fuoriclasse uruguayano. A questo punto viene lanciata la sfida al grande Real Madrid, ancora una volta finalista di coppa.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather