CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1957-58: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 1a ALLA 6a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’inizio di settembre sancisce il termine dell’estate e il ritorno alle normali attività lavorative. Torna anche il campionato di calcio, quest’anno più atteso del solito, per l’arrivo di numerosi grandi campioni dall’estero. L’attesa, tuttavia, è movimentata dallo scoppio del caso Julinho. La forte ala destra della Fiorentina ritorna in Brasile a causa della nostalgia e delle cattive condizioni di salute del padre senza dare garanzie sul suo rientro.

Con questo dubbio, le 18 squadre iniziano domenica 8 settembre, mentre a Monza si chiude il Gran Premio d’Italia e il Campionato del Mondo di Formula 1. La gara è vinta da Stirling Moss, al suo terzo successo consecutivo con la Wanwall, seguito dalla Maserati di Bera e dalla Ferrari di Wolfgang von Trip.
1a GIORNATA: domenica 8 settembre 1957

ALESSANDRIA-Fiorentina 1-0

33′ Vitali

Bologna – Udinese 2-2

58′ Lindskog, 63′ Vukas (BO), 75′ Bettini, 79′ Capra (BO)

Inter – Torino 0-0

Juventus – Verona 3-2

11′ Boniperti, 28′ Sivori, 54′ Maccacaro (VE), 58′ Charles, 64′ Bassetti (VE)

L.R. Vicenza – Milan 1-1

28′ David (L.), 63′ Grillo

Napoli – Genoa 4-0

10′ Vinicio, 18′ Brugola, 72′ Di Giacomo, 77′ Franchini rig.

Padova – Lazio 3-1

24′ Hamrin, 25′ Burini (LA) rig., 28′ Moro, 34′ Chiumento

Roma – Spal 1-1

38′ aut. Losi, 60′ Giuliano (RM) rig.

Sampdoria – Atalanta 1-1

61′ Zavaglio, 62′ aut. Roncoli (SA)

CLASSIFICA:

Alessandria, Juventus, Napoli e Padova 2; Atalanta, Bologna, Inter, L.R. Vicenza, Milan, Roma, Spal, Sampdoria, Torino e Udinese 1; Fiorentina, Genoa, Lazio e Verona 0.
In una giornata caratterizzata dai pareggi, spiccano la larga vittoria del Napoli sul Genoa e della neo promossa Alessandria sulla Fiorentina. L’altra matricola, il Verona, esce a testa alta dal campo della Juventus dove trovano il gol sia Charles, sia Sivori.

In settimana Enrico Mattei, presidente dell’ENI, diventa il personaggio del momento. L’ingegnere ad honorem, per meriti acquisiti sul campo, conclude per conto dell’Italia un importantissimo accordo con lo sha di Persia Reza Palevi per l’acquisto di petrolio direttamente dall’Iran, senza la mediazione delle grandi multinaziionali statunitensi. Mattei sta cercando di svincolare la nazione, praticamente priva di fonti energetiche proprie, dalle logiche delle grandi multinazionali, allo scopo di facilitarne lo sviluppo.
2a GIORNATA: domenica 15 settembre 1957

Atalanta – Roma 0-0

Fiorentina – Sampdoria 1-1

23′ Firmani, 47′ Cervato (FI)

Genoa – Padova 1-4

24′ Rosa, 34′ rig., 45′ e 59′ Hamrin, 60′ Firotto (GE)

Lazio – Bologna 4-3

18′ aut. Greco, 24′ Pivatelli (BO), 26′ Maschio (BO), 28′ aut. Gasperi, 50′ Vivolo, 79′ Selmosson, 84′ Vukas (BO)

Milan – Napoli 2-2

27′ Bean (MI), 43′ Brugola, 57′ aut. Maldini, 75′ Bean (MI)

Spal – Inter 2-0

9′ Prenna, 78′ Rozzoni

Torino – Alessandria 0-0

Udinese – Juventus 0-1

55′ Charles

Verona – L.R. Vicenza 1-0

69′ Gundersen

< br>
CLASSIFICA:

Juventus e Padova 4; Alessandria, Napoli e Spal 3; Atalanta, Lazio, Milan, Roma, Sampdoria, Torino e Verona 2; Bologna, Fiorentina, Inter, L.R. Vicenza e Udinese 1; Genoa 0.
L’”uccellino” Kurt Hamrin (quattro gol in due giornate) fa volare il Padova che sbanca Genova. Con sette reti realizzate in due gare i bianco-scudati sono la squadra più prolifica della serie A e hanno la soddisfazione di affiancare in vetta la Juventus che, grazie ad un gol di John Charles passa sul difficile campo di Udine.

Dietro segue un terzetto formato dal Napoli dalla Spal e dall’Alessandria uscita indenne dalla battaglia di Torino che non ha visto gol, ma ben tre espulsi. Analoga cosa accade anche a Roma dove però Lazio e Bologna danno vita ad una partita spettacolare conclusa con la vittoria dei capitolini per 4 a 3 e con gli emiliani già nelle ultime posizioni di classifica.
3a GIORNATA: domenica 22 settembre 1957

Alessandria – Milan 0-0

Bologna – Fiorentina 0-3

22′ Gratton, 47′ Lojacono, 49′ Montuosi

Inter – Lazio 5-2

3′ Angelillo, 11′ Lorenzi, 44′ Skoglund, 53′ Selmosson (LA), 54′ Burini (LA), 61′ e 77′ Angelillo

Juventus – Genoa 3-2

14′ Corso (GE), 15′ Becattini (GE),
32′ Boniperti, 73′ Sivori, 86′ Charles

L.R. Vicenza – Atalanta 2-0

10′ Bassetto, 56′ Aronsson

Napoli – Torino 3-0

17′ e 23′ Vinicio, 59′ Di Giacomo

Roma – Padova 3-1

59′ Da Costa, 62′ Boscolo (PD), 74′ Giuliano rig., 89′ Secchi

Sampdoria – Verona 1-1

38′ Tortul (SA), 66′ Bagnoli

Udinese – Spal 5-0

25′ Lindskog rig., 34′ Pentrelli, 69′ Fontanesi, 81′ Bettini, 88′ Pentrelli

CLASSIFICA:

Juventus 6; Napoli 5; Alessandria, Padova e Roma 4; Fiorentina, Inter, L.R. Vicenza, Milan, Spal, Sampdoria, Udinese e Verona 3; Atalanta, Lazio e Torino 2; Bologna 1; Genoa 0.
Vincendo in rimonta la Juventus si porta in testa da sola approfittando della sconfitta del Padova sul campo della Roma. I giallo-rossi sono stati facilitati dall’espulsione del portiere veneto Pin. Risorge l’Inter che strapazza la Lazio grazie ai primi gol italiani di Angelillo

Nella settimana che precede la quarta giornata destano sensazione le notizie provenienti dalla cittadina statunitense di Little Rock. Il 24 settembre la popolazione insorge contro l’ammissione di 9 ragazzini di colore alla scuola locale. Nella vicenda interviene direttamente il Presidente Eisenhower, il quale manda l’esercito sul posto allo scopo di ristabilire il rispetto della legge.
4a GIORNATA: domenica 29 settembre 1957

Atalanta – Napoli 2-4

3′ Conti II (AT), 12′ Novelli, 25′ Di Giacomo, 30′ Perani (AT), 49′ e 87′ Vinicio

Fiorentina – Udinese 2-0

51′ Montuori, 88′ Prini

Genoa – Bologna 0-0

Lazio – L.R. Vicenza 2-0

24′ Burini rig., 72′ Cocciuti

Milan – Sampdoria 0-1

12′ Recano

Padova – Inter 0-0

Spal – Juventus 0-1

39′ Montico rig.

Torino – Roma 0-0

Verona – Alessandria 3-0

13′ e 14′ Maccacaro, 71′ Bassetti

CLASSIFICA:

Juventus 8; Napoli 7; Fiorentina, Padova, Roma, Sampdoria e Verona 5; Alessandria, Inter e Lazio 4; L.R. Vicenza, Milan, Spal, Torino e Udinese 3; Atalanta e Bologna 2; Genoa 1.
La Juventus passa a Ferrara, il Napoli dà spettacolo a Bergamo e fanno il vuoto. Tuttavia l’avvenimento di giornata è costituito dalla sconfitta interna del Milan contro la Sampdoria. I rosso-neri sono ancora a secco di vittorie e vedono allontanarsi pericolosamente la vetta della classifica; senza dubbio la compagine allenata da Viani è distratta dalla preparazione delle gare del primo turno di Coppa dei Campioni che li vede opposti al Rapid Vienna. L’avventura inizia il 2 ottobre; l’aria di coppa fa decisamente bene a Liedholm e compagni, i quali strapazzano gli austriaci con un perentorio 4 a 1 con reti di Grillo, Bean, Mariani, oltre ad un’autorete del terzino Holt.

Mentre il Milan prepara il proprio esordio in Coppa, la nazione guarda con un pizzico di curiosità mista a preoccupazione, alla situazione nel vicino e piccolo stato di San Marino, teatro di un colpo di stato anti-comunista, per il quale si è reso necessario anche l’intervento dei carabinieri italiani.

A fine settimana, però, più che le gare della domenica, il golpe sanmarinese e le imprese di coppa del Milan, fa notizia quanto avviene in Unione Sovietica. Il mattino di venerdì 4 ottobre lo Sputnik 1 inizia a girare attorno alla Terra lanciando agli attoniti terrestri il suo bip; si tratta del primo oggetto costruito dall’uomo per sfidare la forza di gravita’ della Terra per porsi in orbita. E’ un’impresa che mette KO gli americani. Questo è senz’altro il momento di massimo splendore dell’Unione Sovietica a livello internazionale.
5a GIORNATA: domenica 6 ottobre 1957

Alessandria – Lazio 4-0

36′ Traverso, 57′ e 64′ Vonlanthen, 86′ Vitali

Bologna – Torino 2-1

25′ Pivatelli, 38′ Malavasi, 43′ Santelli (TO)

Inter – Milan 1-0

54′ Vincenti rig.

Juventus – Padova 2-1

30′ Boniperti, 32′ Stivanello, 84′ Moro (PD) rig.

L.R. Vicenza-Fiorentina 3-0

6′ Fusato, 75′ Aronsson, 87′ Antoniotti

Napoli – Verona 6-0

6′ Di Giacomo, 25′ Novelli, 32′ Franchini rig., 62′ Di Giacomo, 76′ Novelli, 85′ Di Giacomo

Roma – Genoa 2-1

14′ Lojodice, 83′ Delfino (GE), 87′ Da Costa

Sampdoria – Spal 1-1

26′ Sandell, 35′ Conti (SA)

Udinese – Atalanta 1-0

70′ Lindskog rig.

CLASSIFICA:

Juventus 10; Napoli 9; Roma 7; Alessandria, Inter e Sampdoria 6; Fiorentina, L.R. Vicenza, Padova, Udinese e Verona 5; Bologna, Lazio e Spal 4; Milan e Torino 3; Atalanta 2; Genoa 1.
Juventus e Napoli continuano la loro corsa vincente distanziate di un punto. I campani, in particolare impressionano per aver rifilato ben sei reti al Verona che fino a questo momento si è distinto per essere una squadra quadrata.

Un rigore di Guido Vincenzi costringe il Milan alla seconda sconfitta consecutiva e a guardarsi alle spalle in quanto la zona retrocessione è solo ad un punto. La gara, tuttavia, passa alla storia per le violente polemiche scaturite in seguito ad un rigore fallito dal milanista Cucchiaroni. L’argentino, infatti, sarebbe stato indotto all’errore da una scorza di limone posata sotto al pallone da Benito Lorenzi, fatto di cui si sono accorti tutti gli spettatori, la quale avrebbe deviato la traiettoria del tiro dell’argentino.

Con questo stato d’animo il Milan si reca in Austria per disputare la gara di ritorno. Il largo vantaggio conseguito a Milano dovrebbe lasciare tranquilli. Le cose, invece si mettono subito male: Zannier, dopo un solo minuto, trafigge il proprio portiere, portando in vantaggio i padroni di casa. L’argentino Grillo, dopo 20 minuti, impatta le sorti del match, ma il mediano Bilek, poco dopo la mezz’ora, riporta in vantaggio i suoi. Il primo tempo si chiude sul 2 a 1 per i padroni di casa, i quali incrementano il vantaggio con Bertalan, imitato da Riegler. Dopo un’ora di gioco il punteggio è in perfetta parità, fino al 76′ quando Gastone Bean riduce le distanze, ammutolendo il Prater. I padroni di casa non si perdono d’animo, intuendo la pochezza odierna del Milan e, dopo soli tre minuti, riagguandtano la possibilità di disputarsi la gara di spareggio. Il match termina sul 5 a 2 per il Rapid, col Milan colpevole di aver scialacquato tre reti di vantaggio.
6a GIORNATA: domenica 13 ottobre 1957

Atalanta – Lazio 1-1

48′ Annovazzi (AT), 76′ Pozzan

Bologna – Sampdoria 3-3

3′ Bonafin (BO), 16′ Pascutti (BO), 20′ Bonafin (BO), 28′ rig. e 58′ Tortul, 59′ Firmani

Genoa – Fiorentina 1-3

29′ Montuori, 34′ Abbadie (GE), 67′ Lojacono, 78′ Julinho

Inter – Alessandria 1-1

59′ Vitali, 87′ Tinazzi (IN)

L.R. Vicenza – Spal 2-0

43′ David rig., 64′ Campana

Napoli – Padova 4-0

41′ Pesaola, 50′ Franchini rig., 58′ Vinicio, 71′ Frugola

Roma – Verona 2-1

28′ Giuliano rig., 39′ Larini (VE) rig., 66′ aut. Tesconi

Torino – Juventus 0-1

62′ Charles

Udinese – Milan 1-1

43′ Tonini (UD), 69′ Mariani

CLASSIFICA:

Juventus 12; Napoli 11; Roma 9; Alessandria, Fiorentina, Inter, L.R. Vicenza e Sampdoria 7; Udinese 6; Bologna, Lazio, Padova e Verona 5; Milan e Spal 4; Atalanta e Torino 3; Genoa 1.
La Juventus pareggia il derby e il Napoli, autentica macchina da gol, si riporta ad un punto dalla vetta. In Campania si sogna grazie alle prodezze del trio Di Giacomo-Vinicio-Pesaola autori di un grande scorcio di stagione. In questa giornata risorge la Fiorentina che ha ritrovato i gol di Julinho rientrato dal Brasile, mentre continua l’astinenza di vittorie del Milan.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento