CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1954-55: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 18a ALLA 22a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Mentre terminava il girone d’andata, San Remo diventava il centro del mondo, con la V edizione del Festival della Musica Italiana. L’evento viene trasmesso alla radio e nei pochi televisori, rigorosamente in bianconero, presenti nelle case di pochi privilegiati. Fa specie pensare che, proprio in questo periodo, negli USA inizia la sperimentazione degli apparecchi a colori. Grande vincitore è il cantante romano Claudio Villa, costretto ad esibirsi in playback proprio nella serata della finale, a causa di una faringite.
18a GIORNATA: domenica 6 febbraio 1955

Atalanta – Spal 0-0

Bologna – Torino 4-1

11′ Valentinuzzi, 15′ Pivatelli, 22′ Bacci (TO), 75′ Valentinuzzi, 77′ Pozzan

Catania – Fiorentina 0-1

17′ Bizzarri

Inter – Udinese 2-2

14′ Savioni (IN), 20′ Lorenzi (IN), 28′ e 38′ Bettini

Juventus – Pro Patria 4-2

9′ Raffin, 52′ Pratesi (PR), 64′ Muccinelli, 73′ Colombo, 75′ Bronee, 85′ Pratesi (PR) rig.

Napoli – Genoa 3-1

9′ Beltrandi, 29′ Vitali, 47′ Posio, 76′ Pistrin (GE)

Roma – Novara 5-3

22′ Marzani (NO), 40′ Galli, 44′ Nyers, 47′ Renosto (NO), 60′ e 62′ Nyers,
68′ Eidefjall (NO), 70′ Galli

Sampdoria – Lazio 0-0

Triestina – Milan 4-3

14′ Secchi, 19′ L. Soerensen (MI), 44′ Lucentini, 50′ Maldini (MI), 51′ aut. Maldini, 60′ Lucentini, 84′ G. Nordahl (MI)

Classifica:

Milan 28; Bologna 26; Fiorentina e Roma 24; Juventus 21; Inter 20; Napoli, Torino e Udinese 19; Catania e Genoa 17; Atalanta e
Sampdoria 16; Triestina 15; Lazio e Novara 12; Spal 11; Pro Patria 8.
Il Milan cade a Trieste e riapre il campionato in quanto il Bologna corre. Protagonista di giornata, anche suo malgrado, è Cesare Maldini, autore di un gol e di un’autorete che da il via a quelle che passeranno alla storia come le “maldinate”. Il giovane terzino friulano si è messo in luce per essere dotato di una tecnica sopraffina, soprattutto per il ruolo che ricopre, ma questa gli infonde fin troppa sicurezza nei propri mezzi, inducendolo talvolta a commettere errori gravissimi.

Come detto il Bologna si porta in scia grazie alla sonora vittoria ottenuta contro il Torino, compagine che sembra aver smarrito lo smalto del girone d’andata. Spera qualcosa pure la Roma che, trascinata da un grande Nyers, consolida la sua terza piazza.

In settimana a Roma, città da pochi mesi designata quale sede dei giochi olimpici del 1960, viene inaugurata la prima tratta della metropolitana.
19a GIORNATA: domenica 13 febbraio 1955

Catania – Bologna 2-2

24′ Pivatelli, 54′ Bassetti (CA), 69′ Pirola (CA), 71′ Pozzan

Genoa – Roma 1-0

83′ Frizzi

Lazio – Juventus 2-1

12′ Bredesen, 39′ Montico (JU), 73′ Bredesen

Milan – Sampdoria 1-3

9′ Ronzon, 20′ Vicariotto (MI), 39′ Conti, 82′ Mari

Novara – Fiorentina 1-0

59′ Renosto

Pro Patria – Triestina 0-2

68′ Curti, 76′ Lucentini

Spal – Inter 2-0

63′ Olivieri, 83′ Morin

Torino – Atalanta 1-1

41′ Rasmussen, 49′ Sentimenti III (To)

Udinese – Napoli 3-0

16′ Bettini, 37′ Pinardi rig., 62′ Selmosson

Classifica:

Milan 28; Bologna 27; Fiorentina e Roma 24; Juventus e Udinese 21; Inter e Torino 20; Genoa e Napoli 19; Catania e Sampdoria 18;
Atalanta e Triestina 17; Lazio e Novara 14; Spal 13; Pro Patria 8.
Privo del suo portiere titolare Lorenzo Buffon il Milan viene travolto in casa dalla Sampdoria, compagine che sta attraversando un eccellente momento di forma che le ha permesso di lasciare i bassi fondi della classifica. A questo punto si è palesato il calo intravvisto nelle ultime giornate. Questa volta il Bologna non approfitta in pieno della nuova sconfitta milanista e, bloccato sul pareggio dall’ottimo Catania, manca l’aggancio al vertice.

Se il Milan piange, di certo l’Inter non ride essendo stata sconfitta dalla Spal, formazione in netta difficoltà che con questa vittoria si rimette in corsa per la salvezza. E’ crisi anche per la Juventus che, con i nervi a fior di pelle, viene sconfitta dalla Lazio. I bianco-neri hanno terminato la partita in 9 uomini per effetto delle espulsioni comminate a Boniperti e ad Oppezzo.
20a GIORNATA: domenica 20 febbraio 1955

Atalanta – Milan 1-1

79′ Rasmussen (AT), 82′ G. Nordahl

Fiorentina – Lazio 0-1

38′ Bredesen

Inter – Torino 1-1

10′ Buhtz, 18′ Armano (IN)

Juventus – Novara 2-1

49′ aut. De Togni, 70′ Arce (NO), 74′ Manente rig.

Napoli – Bologna 1-1

15′ Amadei (NA), 25′ Pivatelli

Roma – Pro Patria 1-1

4′ Orzan, 13′ Galli (RM)

Sampdoria – Triestina 2-0

19′ Conti, 68′ Rosa

Spal – Genoa 1-0

76′ Rossi

Udinese – Catania 1-0

41′ Selmosson

Classifica:

Milan 29; Bologna 28; Roma 25; Fiorentina 24; Juventus e Udinese 23; Inter e Torino 21; Napoli e Sampdoria 20; Genoa 19;
Atalanta e Catania 18; Triestina 17; Lazio 16; Spal 15; Novara 14; Pro Patria 9.
Sul campo di Bergamo il Milan riesce a muovere la classifica e a conservare un punto di vantaggio sul Bologna passato indenne dal campo di Napoli. Continua il momento magico di Sampdoria ed Udinese che a suon di vittorie stanno raggiungendo i quartieri nobili della classifica.
21a GIORNATA: domenica 27 febbraio 1955

Bologna – Roma 1-3

23′ Cavazzuti, 30′ Pandolfini rig., 54′ Galli, 67′ Pivatelli (BO)

Fiorentina – Sampdoria 1-0

16′ Virgili

Genoa – Udinese 1-1

4′ Menegotti, 10′ Firotto (GE)

Lazio – Atalanta 1-0

57′ J. Hansen

Milan – Catania 2-0

79′ Frignani, 82′ G. Nordahl

Novara – Spal 2-0

78′ Renica, 82′ Marzani

Pro Patria – Inter 0-1

65′ Passarin

Torino – Napoli 1-0

76′ aut. Tre Re

Triestina – Juventus 4-2

4′ Sabbatella, 9′ Boniperti (JU), 37′ e 48′ Curti, 51′ Boniperti (JU), 80′ Secchi

Classifica:

Milan 31; Bologna 28; Roma 27; Fiorentina 26; Udinese 24; Inter, Juventus e Torino 23; Genoa, Napoli e Sampdoria 20; Triestina 19; Atalanta, Catania e Lazio 18; Novara 16; Spal 15; Pro Patria 9.
Contro il Catania il Milan torna alla vittoria e allunga nuovamente in classifica stante la sconfitta casalinga del Bologna contro la Roma, che ora appare l’antagonista più seria dei lombardi.

La Triestina compie un’altra impresa battendo pesantemente anche la Juventus. Dopo la vittoria di Milano, conquistata più con i nervi e in un momento critico, la squadra bianconera vive una grave crisi di gioco e risultati che ora, con tre sconfitte nelle ultime quattro giornate, ha probabilmente raggiunto il suo culmine.
22a GIORNATA: domenica 6 marzo 1955

Atalanta – Pro Patria 1-2

23′ Rasmussen (AT), 24′ Cecconi, 61′ Pratesi

rig.
Catania – Genoa 2-0

20′ Ghiandi, 29′ Spikofski

Juventus – Fiorentina 4-1

20′ Colombo, 38′ Virgili (FI), 77′ Boniperti, 83′ Bronee, 88′ Manente

Milan – Napoli 1-1

2′ Golin, 15′ Liedholm (MI)

Novara – Bologna 1-0

88′ Renica

Roma – Lazio 1-3

21′ J. Hansen, 46′ e 55′ Burini, 57′ Cardarelli (RM)

Spal – Torino 1-1

12′ Broccini (SP) rig., 54′ aut. Dal Pos

Sampdoria – Inter 1-1

43′ Rosa (SA), 48′ Lorenzi

Classifica:

Milan 32; Bologna 28; Roma 27; Fiorentina 26; Juventus 25; Inter, Torino e Udinese 24; Napoli e Sampdoria 21; Catania, Genoa,
Lazio 20; Triestina 19; Atalanta e Novara 18; Spal 16; Pro Patria 11.

Nonostante il pareggio casalingo contro il Napoli, il Milan si trova con un altro punto di vantaggio in quanto il Bologna cade a Novara, la Roma crolla nel derby sotto i colpi di un ritrovato Lorenzo Burini e la Fiorentina fa altrettanto a Torino contro una Juventus desiderosa di riscattare un periodo nero.

In coda il risultato più sensazionale è quello di Bergamo dove i padroni di casa perdono contro la Pro Patria, squadra che viaggia malinconicamente in ultima posizione. Ora i bergamaschi, nonostante uomini di valore come il danese Rasmussen e gli esperti Carlo Annovazzi e Adriano Bassetto, si trovano a soli due punti dalla zona retrocessione.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento