CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CASO MONTESI: IL BIONDINO SAREBBE PIERO PICCIONI!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’estate del 1953 si presenta molto calda soprattutto dal punto di vista sociale. Mentre, in un ideale trade-union tra la stagione appena conclusa e quella che sta per iniziare, il Milan affronta l’avventura nella Coppa Latina, vincendo la semifinale con  lo Sporting Lisbona per 4 a 3 dopo i supplementari e perdendo la finale contro lo Stade Reims dell’astro nascente Raimond Kopa, la campagna elettorale per le elezioni del 7 giugno, vive le sue fasi finali, segnate dal clamore suscitato dagli sviluppi del caso Montesi, dopo le rivelazioni apparse sul giornale filo-comunista “Il Merlo”. Naturalmente la reazione di Piero Piccioni, figlio del ministro degli esteri Attilio direttamente chiamato in causa, non si fa attendere. Il giornale e la direttrice vengono querelati per diffamazione. Il giornalista Sforza Cesarini, autore dell’articolo, è immediatamente sottoposto ad un durissimo interrogatorio, mentre il Partito Comunista, che potrebbe beneficiare dello scandalo in vista dell’imminente consultazione elettorale, si affretta a prendere le distanze dall’articolo, accusando l’autore di sensazionalismo e minacciandolo di licenziamento.

L’intera storia, comunque, sembra rientrare il 31 maggio, quando, su consiglio dell’avvocato dell’accusa, imitato da quello della difesa, nnoncé su pressione del padre, Sforza Cesarini, che non ha mai voluto rivelare la fonte delle sue informazioni, limitandosi ad affermare che esse provenissero da ambienti vicino ad Alcide De Gasperi, ritratta le sue dichiarazioni. Il giornalista viene condannato ad un’ammenda di 50.000 lire, mentre Piero Piccioni ritira la querela.

Arriva così il giorno che dovrebbe sancire la supremazia assoluta della coalizione governativa in Parlamento. Mentre gli italiani si recano al voto, in Olanda Alberto Ascari ottiene l’ennesima vittoria a bordo della Ferrari seguito dal compagno di scuderia Nino Farina e dalla Maserati copilotata dal duo Bonetto-Gonzales a testimoniare la supremazia delle vetture italiane nel campo delle gare automobilistiche.
PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento