CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

29 AGOSTO 1953: TRIESTE IN PERICOLO!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Celebrato il successo iridato del fuoriclasse di Novi Ligure, non c’è tempo per tanti pettegolezzi; questioni ben più gravi tengono desta l’attenzione dell’opinione pubblica. Il 29 agosto
scoppia la crisi di Trieste, diventata ben presto drammatica. Già a giugno Alcide De Gasperi, in qualità di primo ministro uscente, ha cercato appoggi da parte delle grandi potenze per trovare una soluzione alla situazione ma lo statista trentino è tornato da Londra praticamente a mani vuote: ne l’Inghilterra
e nemmeno gli Stati Uniti considerano quello di Trieste un problema importante. Ora, però, la situazione è diventata critica, si prevede sul territorio giuliano un’invasione Jugoslava. Il governo Pella allarmato invia nelle zone limitrofe grosse unità della Marina e dell’Esercito pronte ad intervenire richiamando perfino alcune classi sotto le armi. Ovviamente la reazione del capo di stato TITO non si fa attendere. Il 6 settembre, a Okronica presso Gorizia, lo stesso fa un discorso chiaro, vuole l’internazionalizzazione della città di Trieste e l’annessione alla Iugoslavia del resto del territorio. Una simile richiesta inasprisce ulteriormente la crisi, alla stregua di quella del nuovo Presidente del Consiglio Italiano  Pella, che propone invece un plebiscito della popolazione triestina, con l’intenzione di ricongiungere così la città alla madrepatria, attraverso la volontà popolare.

In questo clima inizia il nuovo campionato che ha salutato Ferruccio Novo, l’artefice massimo del grande Torino. Quattro anni dopo la tragedia che ha cambiato il corso della storia del nostro calcio e della sua vita Novo, dopo non essere riuscito a ricreare una grande squadra ha deciso di uscire per sempre da questo mondo che prima lo ha visto discreto calciatore e poi grandissimo dirigente. Ora e per i prossimi tre anni il timone della società granata verrà tenuto da un comitato di reggenza.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento