CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1950-51: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 25a ALLA 29a GIORNATA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
L’intero ambiente calcistico, però, viene scosso da quanto accade la mattina di giovedì 22 febbraio 1951:  svegliato
dall’incendio del ristorante D’Angelo su cui si affaccia la sua abitazione, il presidente del Napoli Egidio Musollino viene stroncato da un infarto. Per la società campana si tratta di una perdita devastante anche perché Musollino si è dimostrato un grandissimo organizzatore.
25a GIORNATA: domenica 25 feb 1951        MARCATORI

 Atalanta – Udinese      0-0

Como – Torino           4-2    

9′ Rabitti, 29′ Rosen (TO), 40′ e 58′ Ghiandi, 68′ Frizzi (TO) rig., 88′ Meroni

Genoa – Napoli          1-2    

35′ Remondini, 70′ De Prati (GE), 88′ Krieziu

Inter – Pro Patria      6-0    

17′ Lorenzi, 23′ Rossetti, 34′ e 66′ Nyers, 75′ Lorenzi, 84′ Nyers rig.

Juventus – Fiorentina   5-0    

17′ Praest, 21′ e 59′ K.A. Hansen, 79′ Vivolo, 81′ Praest

Lazio – Roma            2-1    

2′ Sentimenti III, 33′ Cecconi, 57′ Bacci (RM)

Lucchese – Milan        1-5    

33′ aut. Bortoletto, 57′ Silvestri, 62′ Burini, 76′ Santagostino, 78′ Scarpato (LU) rig., 87′ Gren

Novara – Palermo        3-0    

50′ Rava, 70′ e 85′ Alberico

Padova – Bologna        0-2    

42′ Tacconi, 69′ Garcia rig.

Triestina – Sampdoria   2-1    

26′ Giannini, 71′ Bassetto (SA), 76′ aut. Ballico

CLASSIFICA:

Milan 42; Inter e Juventus 39; Lazio 32; Como 30; Bologna 28; Napoli 26; Fiorentina 25; Palermo 24; Atalanta 23; Pro Patria, Sampdoria, Triestina e Udinese 21; Torino 20; Padova 19; Novara 18; Roma 17; Genoa e Lucchese 15.

Prosegue la marcia trionfale del Milan capace di dare spettacolo anche sul campo della Lucchese. La compagine toscana si trova ora in ultima posizione e non sta ripetendo gli ultimi buoni campionati che l’hanno segnalata come una delle migliori realtà italiane. L’ungherese Mike, buon realizzatore, non
è riuscito a far fare il salto di qualità ad una formazione che in un solo anno ha perso  Gipo Viani in panchina e soprattutto la personalità di Ugo Conti in campo.

Dietro rispondono a suon di gol Inter e Juventus. Questa è una giornata gioiosa anche per la Lazio capace di imporsi pure nel derby di ritorno; con due stracittadine vinte e con la Roma in lotta per non retrocedere, per i tifosi laziali il campionato 1950-51 è destinato a rimanere indimenticabile!

Frattanto, è trascorso oltre un mese dalla fine del Festival della Canzone italiana di San Remo, periodo nel quale le radio continuano a trasmettere i successi proposti. La gente gradisce e, chi ne ha la possibilità, inizia ad acquistare i dischi, dando un grande sviluppo anche al relativo settore.

RECUPERO 23’a GIORNATA: giovedì, 1 marzo 1951

 Novara – Udinese        2-0   

62′ Baira, 78′ Piola
Aggiudicandosi questa gara di recupero il Novara compie un passo decisivo verso la salvezza. La compagine piemontese si lascia definitivamente dietro le spalle un periodo grigio nel quale era passata da una comoda posizione di centro classifica a dover lottare per rimanere nell’olimpo del calcio italiano.
26a GIORNATA: domenica 4 marzo 1951       

 Bologna – Como          0-2    

44′ Rabitti rig., 77′ Meroni

Fiorentina – Padova     4-1    

7′ Roosenburg, 19′ Martegani (PD), 70′ Cervato, 79′ Pandolfini, 82′ Vitali

Milan – Juventus        2-0    

56′ G. Nordahl, 61′ Liedholm

Napoli – Lucchese       1-0    

60′ Astorri

Palermo – Genoa         4-1    

10′ Gimona, 22′ Galli, 39′ aut. Melandri, 45′ Baldini (GE), 78′ Di Maso

Pro Patria – Novara     2-1    

38′ Antoniotti, 57′ Arangelovich (NO), 71′ Guarnieri

Roma – Inter            0-1    

77′ aut. K. Nordahl

Sampdoria – Lazio       1-

19′ Arce, 82′ Bergamo (SA)

Torino – Atalanta       1-1    

66′ Carapellese (TO), 86′ S.J. Hansen

Udinese – Triestina     1-1    

69′ Petrozzi, 75′ Paulinich (UD)

 CLASSIFICA:

Milan 44; Inter 41; Juventus 39; Lazio 33; Como 32; Bologna e Napoli 28; Fiorentina 27; Palermo 26; Atalanta 24; Pro Patria 23; Sampdoria, Triestina e Udinese 22; Torino 21; Novara 20; Padova 19; Roma 17; Genoa e Lucchese 15.
Gunnar Nordahl e Niels Liedholm, i due grandi amici giunti dal nord, regalano al Milan una vittoria decisiva nella corsa allo scudetto in quanto ricacciano
la Juventus a – 5 dalla vetta. In scia ai rossoneri rimane solamente l’Inter che espugna Roma sfruttando la superiorità numerica causata dall’espulsione della mezz’ala capitolina Bacci. I giallo-rossi sarebbero comunque ancora salvi in quanto la Lucchese cade a Napoli, con i campani che hanno onorato nel
migliore dei modi la figura del loro presidente sconparso, mentre il Genoa crolla nuovamente a Palermo.

In settimana, con grande risalto su tutti i giornali del mondo, negli Stati Uniti inizia il processo contro i coniugi Rosenberg, accusati di spionaggio in favore dell’Unione Sovietica. Si tratta di uno dei primi atti della repressione maccartista nei confronti di presunti sostenitori del comunismo in America settentrionale.

Il giorno successivo in Italia il governo approva la legge sul riarmo dell’esercito con materiale fornito, o progettato, direttamente dagli USA.
27a GIORNATA: domenica 11 marzo 1951        

Atalanta – Fiorentina   0-2    

59′ Vitali, 79′ Roosenburg

Como – Napoli           1-2    

29′ Astorri, 34′ Bacchetti, 35′ Rabitti (CO) rig.

Genoa – Milan           0-3    

40′ G. Nordahl, 72′ Annovazzi, 79′ G. Nordahl

Inter – Udinese         6-1     

25′ Nyers, 31′ Wilkes, 38′ Nyers, 50′ Rossetti, 61′ Paulinich (UD), 74′ Nyers rig., 82′ Lorenzi

Juventus – Bologna      1-1    

34′ Cervellati, 72′ J. Hansen (JU)

Lazio – Lucchese        2-0    

72′ Cecconi, 81′ Hofling

Novara – Roma           1-0     

16′ Baira

Padova – Sampdoria      2-1    

8′ Gei (SA), 51′ Costa, 78′ Celio I

Palermo – Torino        1-1    

81′ Santos, 85′ Bronee (PA)

Triestina – Pro Patria  3-1    

18′ Azimonti, 26′ Petagna, 51′ Guarnieri (PR), 74′ Benegas

 CLASSIFICA:

Milan 46; Inter 43; Juventus 40; Lazio 35; Como 32; Fiorentina 31; Napoli 30; Bologna 29; Palermo 27; Atalanta e Triestina 24; Pro Patria 23; Novara, Sampdoria, Torino e Udinese 22; Padova 21; Roma 17; Genoa e Lucchese 15.
Il Milan ottiene una nuova vittoria convincente sul campo di un Genoa ormai in disarmo. Fortuna vuole che la Roma, due punti sopra i rossoblu, sia altrettanto in crisi perdendo la terza gara consecutiva sul campo del Novara. In una situazione simile può sperare anche la Lucchese, anch’essa in una crisi tecnica
che sembra irreversibile, ma tant’è il calcio ci ha abituato a tutto.

In alto chi sembra aver abbandonato i propositi di vittoria è la Juventus fermata
in casa sul pari dal Bologna e allontanatasi ulteriormente dalla vetta.

Nel frattempo prosegue anche la guerra in Corea, dove le truppe statunitensi guidano la riconquista di Seul.
28a GIORNATA: domenica 18 marzo 1951       

 Bologna – Atalanta      3-2    

8′ S.J. Hansen (AT), 27′ Cervellati, 35′ Bernicchi, 75′ Scaramuzzi (AT), 78′ Cappello

Fiorentina – Lazio      1-0    

19′ Roosenburg

Lucchese – Triestina    2-0    

27′ Mike, 71′ Mazza

Milan – Como            7-2    

3′ G. Nordahl, 17′ Turconi II (CO), 29′  e 32′ De Grandi, 33′ Gren rig., 35′ G. Nordahl, 48′ Burini, 66′ Rabitti (CO), 75′ G. Nordahl

Napoli – Juventus       1-1    

78′ Boniperti, 88′ Formentin (NA)

Pro Patria – Palermo    2-1    

7′ Muci, 16′ aut. Guarnieri (PA), 54′ aut. Giaroli

Roma – Genoa            0-1    

60′ Nilsson

Sampdoria – Inter       0-4    

9′ Nyers, 29′ e 35′ Skoglund, 78′ Armano

Torino – Novara         2-1    

1′ Rosen, 36′ Pesaola (NO), 90′ Carapellese

 CLASSIFICA:

Milan 48; Inter 45; Juventus 41; Lazio 35; Fiorentina 33; Como 32; Bologna e Napoli 31; Palermo 27; Pro Patria 25; Atalanta, Torino e Triestina 24; Novara, Sampdoria e Udinese 22; Padova 21; Genoa, Lucchese e Roma 17.

 Con quattro gol in sei minuti il Milan umilia un’ottima squadra come il Como e ribadisce che non ha nessuna intenzione di farsi scappare il campionato. Dietro però resiste l’Inter trionfatrice sul campo della Sampdoria. Le due compagini milanesi danno spettacolo su tutti i campi perciò il derby
della settimana successiva si preannuncia davvero avvincente.

Intanto in coda la Roma perde in casa lo scontro diretto con il Genoa e viene raggiunta dai liguri e dalla Lucchese tornata alla vittoria contro la Triestina.
29a GIORNATA: domenica 25 marzo 1951       

 Bologna – Udinese       5-2    

4′ Garcia, 14′ e 28′ Cappello, 73′ Paulinich (UD), 76′ e 79′ Cervellati, 85′ Darin (UD)

Como – Roma             1-0    

66′ Turconi II rig.

Genoa – Pro Patria      1-0    

88′ Baldini

Inter – Milan           0-1    

9′ G. Nordahl

Juventus – Torino       5-1    

6′ J. Hansen, 27′ Boniperti, 64′ Santos (TO), 83′ Boniperti, 85′ K.A. Hansen, 89′ Bertuccelli

Lazio – Atalanta        5-0    

10′ Sentimenti V, 28′ Magrini, 48′ Puccinelli, 55′ Arce, 76′ Sentimenti V

Lucchese – Sampdoria    4-0    

15′ Cattaneo, 46′ e 56′ Mike, 74′ Mazza

Novara – Napoli         6-0     

20′ Arangelovich, 47′ Piola, 67′ Pesaola, 68′ Piola, 79′ e 84′ Renica

Padova – Palermo        1-0    

85′ Prunecchi

Triestina – Fiorentina  1-1    

24′ Benegas (TS), 69′ Galassi

 CLASSIFICA:

Milan 50; Inter 45; Juventus 43; Lazio 37; Como e Fiorentina 34; Bologna 33; Napoli 31; Palermo 27; Pro Patria e Triestina 25; Atalanta, Novara e Torino 24; Padova 23; Sampdoria e Udinese 22; Genoa e Lucchese 19; Roma 17.

(Padova e Udinese una partita in meno)
Basta un gol realizzato all’inizio del match dal solito Nordahl afficnché ilMilan si aggiudchi questa importantissima gara. Per i rossoneri la strada verso un titolo che manca ormai da più di quarant’anni sembra definitivamente spianata. La Juventus, nel frattempo, torna alla vittoria battendo pesantemente
il Torino; il progetto di ricostruire una compagine all’altezza di quella perita a Superga è definitivamente fallito. Ora il Presidentissimo Novo dovrà cercare altri calciatori.

Perde nuovamente la Roma superata in classifica da Genoa e Lucchese, risorte clamorosamente da quella che sembrava una crisi tecnica irreversibile.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento