CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1949-50: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 16a ALLA 19a GIORNATA

16a GIORNATA: domenica 18 dicembre 1949       

Atalanta – Como         0-2    

8′ aut. Angeleri, 25′ Maronati

Genoa – Inter           1-1    

4′ Nyers, 16′ Boyè (GE)

Lucchese – Sampdoria    3-0    

39′ Lenci, 57′ Valcareggi, 65′ Cattaneo

Milan – Bari            9-1    

2′ Burini, 11′ Liedholm, 17′ e 25′ Santagostino, 33′ Gren rig., 42′ Santagostino, 66′ Stradella (BA), 71′ Burini, 79′ Liedholm,  90′ Santagostino

Novara – Juventus       2-3    

5′ Alberico (NO), 19′ e 22′ Boniperti, 56′ Piola (NO), 73′ Boniperti

Padova – Bologna        0-0

Palermo – Lazio         2-1    

1′ Galli, 75′ Magrini (LA), 90′ Galli

Pro Patria – Triestina  0-0

Roma – Venezia          3-2    

12′ Zecca, 30′ Arangelovich, 47′ Bercarich (VE), 58′ Degano (VE), 81′ Arangelovich

Torino – Fiorentina     2-2    

59′ Dalla Torre, 80′ aut. Cervato (TO), 82′ Galassi, 87′ Santos (TO) rig.

 CLASSIFICA:

Juventus 30; Milan 24; Inter 21; Como e Padova 20; Fiorentina 19; Torino 18; Atalanta, Lazio, Sampdoria e Triestina 17; Lucchese 15; Palermo e Roma 13; Bari, Genoa, Novara e Pro Patria 11; Bologna 10; Venezia 5.
Grazie ad una tripletta di Gianpiero Boniperti, sempre più l’uomo faro della Juventus, i bianconeri rispondono alla goleada del Milan sul Bari. I lombardi hanno ottenuto il loro sesto successo consecutivo, sono in una condizione di forma splendida, ma davanti a loro c’è una squadra che non perde un colpo.

Palermo assiste ai primi gol in serie A del giovane Carlo Galli, punta centrale che farà del colpo di testa la sua arma principale.

Contro il Venezia, che da comunque segni di vita, trascinato dall’ex di Fiorentina, Livorno  e Milan Degano, risorge la Roma.

Il campionato, lungo e difficile, non conosce soste nemmeno per le feste natalizie. E’ la vigilia di Natale quando Bari, Como, Inter e Roma scendono in campo.
 ANTICIPO 17a GIORNATA: sabato 24 dicembre 1949

 Como – Inter            1-5 

14′ Nyers, 20′ Lorenzi, 23′ Susmel (CO) rig., 25′ Wilkes, 79′ e 87′ Nyers

Roma – Bari             6-0 

1′ Arangelovich, 3′ Pesaola, 41′ e 69′ Zecca, 76′ aut. Sentimenti V, 85′ Merlin
Sul difficile campo dei lariani l’Inter fornisce una grande prova di forza dimostrando di avere superato il momento difficile  dovuto al rilassamento seguito alla grande vittoria nel derby. La batosta subita contro i nero – azzurri, ricchi di grandi campioni, non ridimensiona per nulla il grande lavoro svolto da
Mario Varglien.

Contemporaneamente la Roma ha affrontato il Bari in un incontro casalingo molto importante per la lotta per non retrocedere. I capitolini vincono largamente, concludono l’anno in bellezza, soprattutto si allontanano dai bassi fondi della classifica nei quali si erano venuti a trovare.
17a GIORNATA: lunedì  26 dicembre 1949       

 Bologna – Juventus      0-4    

3′ e 12′ Martino, 62′ J. Hansen, 82′ Boniperti

Fiorentina – Palermo    0-0

Genoa – Novara          2-0    

62′ Alarcon, 86′ Boyè

Milan – Padova          4-2    

52′ Gren, 56′ G. Nordahl, 68′ Gren, 70′ Checchetti (PD), 81′ Burini, 88′ Checchetti (PD)

Torino – Lazio          2-2    

1′ Nyers II, 18′ Frizzi (TO), 21′ Puccinelli, 64′ Santos (TO)

Triestina – Atalanta    0-1    

83′ Caprile

Venezia – Lucchese      1-0    

45′ Scanselli

 CLASSIFICA:

Juventus 32; Milan 26; Inter 23; Como, Fiorentina e Padova 20; Atalanta e Torino 19; Lazio 18; Sampdoria e Triestina 17; Lucchese e Roma 15; Palermo 14; Genoa 13; Bari, Novara e Pro Patria 11; Bologna 10; Venezia 7.
Juventus e Milan rispondono in modo convincente alla grande vittoria dell’Inter sul campo di Como.

Si chiude così questo 1949 che, per il calcio italiano rimarrà per sempre come il simbolo della fine di un sogno dai colori granata e incarnato da persone che non ci sono più e che avrebbero avuto ancora tanto da dare.

Nel frattempo, tra mille difficoltà e tra mille conflitti interni, prosegue la ricostruzione dell’Italia. sorgono nuove case, nuove strade, e nuove fabbriche, ma sulla tavola di molte famiglie il cibo è ancora poco e di scarsa qualità. Molti beneficiano degli aiuti arrivati direttamente dall’America: si tratta
di pacchi  ricchi di farina bianca, latte condensato e buste dove  vi sono dentro gli spaghetti gia conditi: una vera schifezza! Ma quando si ha fame …!

In questa situazione si entra nel 1950 che sarà pure Anno Santo! Sulle strade inizieranno le pellegrinazioni della Madonna per mondare la popolazione contaminata dal germe del comunismo! Si assisterà al fenomeno delle Madonne che piangono e perché piangono? Per quelle povere anime “senza Dio” che votano P.C.I. .

Continua quindi l’opera di demonizzazione iniziata subito dopo la guerra, orchestrata da molti ambienti direttamente dipendenti dal Vaticano, che tornano particolarmente comodi alla Democrazia Cristiana. E poi l’Italia si sarebbe affrancata dalla Chiesa!!!
18a GIORNATA: domenica 1 gennaio 1950       

 Atalanta – Venezia      3-1    

15′ K. Hansen, 37′ Degano (VE), 40′ e 55′ K. Hansen

Bari – Como             1-0    

32′ Sentimenti V rig.

Inter – Bologna         2-1    

8′ Amadei, 40′ Mike (BO), 52′ Nyers

Juventus – Lucchese     1-2    

17′ Martino (JU), 28′ Mazza, 89′ Kincses

Lazio – Pro Patria      1-0    

28′ Cecconi

Novara – Roma           0-2    

66′ Merlin, 79′ Tontodonati

Padova – Genoa          2-2    

1′ Prunecchi (PD), 60′ Boyè, 66′ Novello (PD), 85′ Dante

Palermo – Torino        2-1    

36′ Marzani, 49′ Santos (TO), 54′ De Santis

Sampdoria – Fiorentina  1-1    

16′ Janda, 75′ Sabbatella (SA)

Triestina – Milan       0-0

 CLASSIFICA:

Juventus 32; Milan 27; Inter 25; Atalanta, Fiorentina e Padova 21; Como e Lazio 20; Torino 19; Sampdoria e Triestina 18; Lucchese e Roma 17; Palermo 16; Genoa 14; Bari 13; Novara e Pro Patria 11; Bologna 10; Venezia 7.

 Ad un minuto dalla conclusione l’Ungherese Kinkses, ex bianconero, regala alla Lucchese un gol storico che le permette di espugnare Torino. Il Milan, però, impegnato sul difficile campo di Trieste, non riesce a superare il muro difensivo eretto da Nereo Rocco ed orchestrato da Ivano Blason perdendo un punto
fondamentale nella rincorsa alla Juventus. L’Inter batte il Bologna e lo lascia in una posizione di classifica sempre più disperata.
RECUPERO 17’a GIORNATA: giovedì 5 gennaio 1950

Pro Patria – Sampdoria  1-1

17′ Toros (PR), 73′ Bassetto
Il pareggio  tra Pro Patria e Sampdoria nel recupero infrasettimanale serve più ai liguri che continuano nel loro buon campionato di centro classifica.

Questo 5 gennaio, però, è importante per ben altri motivi: vengono dichiarate fuori corso le lire americane, la moneta messa in circolazione dagli statunitensi durante l’occupazione bellica, la cui sopressione è un altro segno del lento ritorno alla normalità.
19a GIORNATA: domenica 8 gennaio 1950       

 Atalanta – Torino       0-0

Como – Padova           1-2    

74′ Rabitti (CO), 88′ Celio I, 90′ Vitali

Fiorentina – Pro Patria 4-1    

55′ Janda rig., 60′ Galassi, 61′ Janda, 69′ Sperotto, 83′ Pozzi (PR)

Genoa – Triestina       6-2    

2′ Adcock (TS), 41′ Dante, 52′ Boyè, 57′ Alarcon,  59′ Boyè rig., 77′ Boscolo (TS), 85′ e 87′ Boyè

Inter – Bari            4-0    

38′ rig., 53′, 69′ rig. e 87′ Nyers

Juventus – Sampdoria    1-0    

23′ Mari

Lucchese – Bologna      1-1    

17′ Cattaneo (LU), 27′ Garcia

Palermo – Novara        3-1    

22′ De Santis, 27′ Di Maso, 41′ Galli, 73′ Feccia (NO)

Roma – Milan            1-0    

44′ Tontodonati

Venezia – Lazio         1-0    

58′ Degano

 CLASSIFICA:

Juventus 34; Inter e Milan 27; Fiorentina e Padova 23; Atalanta 22; Como, Lazio e Torino 20; Roma e Sampdoria 19; Lucchese, Palermo e Triestina 18; Genoa 16; Bari 13; Pro Patria 12; Bologna e Novara 11; Venezia 9.
La Juventus torna prontamente al successo e allunga in classifica approfittando della contemporanea sconfitta milanista sul campo della Roma. Dopo questa importante vittoria i giocatori capitolini porteranno in trionfo l’allenatore Fulvio Bernardini, è un gesto di sostegno dopo le dure critiche che aveva
ricevuto dalla società in merito all’adozione del sistema.

Mentre i capitolini hanno ottenuto il loro quarto successo consecutivo, la macchina da gol rosso-nera sembra essersi fermata. Una quaterna di Nyers permette all’Inter di agganciare i cugini al secondo posto. Dietro troviamo il sorprendente Padova che ha espugnato il campo dell’altra sorpresa: il Como.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.