CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LE GRANDI SFIDE DI SERIE A E TUTTA LA CHAMPION'S LEAGUE SU MEDIASET PREMIUM

IL CALCIO IN ITALIA DALLE ORIGINI ALLA PRIMA GUERRA MONDIALE

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

L’Italia tra calcio e storia

SOMMARIO

1890 1897

Da Edoardo Bosio, probabilmente l'uomo che ha importato il calcio dall'Inghilterra, ai marinai di "Sua Maestà" di stanza nei nostri porti, che non se ne sono staccati, ecco come sono nate le prime squadre formate soprattutto dai rampolli della società bene, mentre il resto della popolazione vive tra fame ed analfabetismo. (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

1898 GENOA: Stagione calcistica e storia d'Italia

All'inizio di gennaio, dopo un'amichevole tra il Genoa ed una rappresentativa di Torino, nasce l'idea del primo campionato italiano di football. A marzo viene fondata la F.I.F (Federazione Italiana Football) e domenica 8 maggio, a Torino, viene assegnato il primo titolo nazionale. Contemporaneamente, a Milano, la gente, scesa in piazza per reclamare condizioni di vita migliori, viene presa a cannonate dall'esercito. (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

1899 GENOA: Stagione calcistica e storia d'Italia

Il titolo di campione d'Italia è ancora una questione tra Genova e Torino, con i rosso-blu liguri che riconfermano il successo dell'anno precedente. Nuove realtà stanno tuttavia prendendo corpo, mentre il mondo entra nel XX secolo. (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

1900 GENOA: Stagione calcistica e storia d'Italia

Aumentano le partecipanti al campionato e con esse anche il numero delle gare da disputare. Ancora una volta il Genoa si riconferma sul trono, nell'anno in cui il vero Re, Umberto I, lo perde nell'agguato mortale tesogli il 30 luglio dall'anarchico Arnaldo Bresci.

1901 MILAN: Stagione calcistica e storia d'Italia

Per la prima volta lo scettro di campione d'Italia lascia Genova e e prende la via di quella Milano che, ad inizio anno, ha reso l'estremo saluto a Giuseppe Verdi. Il "triangolo industriale" - Genova, Milano e Torino - si è costituito anche nel calcio, sebbene il gioco inizi a prendere piede anche in zone ben più povere.

1902 GENOA: Stagione calcistica e storia d'Italia

I pochi grammofoni presenti nelle case degli italiani più fortunati mandano le arie cantate dal tenore napoletano Enrico Caruso, mentre i lavoratori scioperano per un pezzo di pane. In tutto questo ben otto formazioni si contendono il diritto di andare a sfidare il Milan detentore del titolo. Il Genoa esce vittorioso dalla contesa e andrà a riprendersi lo scettro.

1903 GENOA

Tocca alla Juventus l'onore di contendere il titolo al Genoa. I liguri, più esperti però, conquistano il loro quinto titolo. Intanto nuove realtà iniziano la loro attività: è il caso di Vercelli e Verona.

1904 GENOA

La crisi economica si abbatte sempre più duramente sulla popolazione, molti emigrano nelle americhe, mentre l'attività calcistica continua a svilupparsi. Nuove società nascono ormai sull'intero territorio nazionale, mentre il Genoa riconferma il suo titolo, ancora una volta a spese della Juventus.

1905 JUVENTUS

Dopo tre tentativi la Juventus riesce finalmente a conquistare il suo primo titolo di campione d'Italia, proprio nell'anno in cui i detentori non sono più ammessi direttamente alla finale.

1906 MILAN

È un campionato contrastato quello giunto a conclusione nel maggio del 1906, col Milan vincitore per forfait della Juventus che non si presenta allo spareggio decisivo.

1907 MILAN: Stagione calcistica e storia d'Italia

È un campionato contrastato quello giunto a conclusione nel maggio del 1906, col Milan vincitore per forfait della Juventus che non si presenta allo spareggio decisivo.

HERBERT KILPIN

Anima del Milan tre volte campione d'Italia, è stato il più grande dei veri romantici: gentleman inglese solito a dissetarsi con una fiaschetta di wisky accuratamente conservata dietro la porta.

1908 PRO VERCELLI

La Pro Vercelli conquista un campionato in tono minore a causa della defezione dei club maggiori, contrari all'embargo nei confronti dei calciatori di origine straniera voluto dalla federazione del football.

1909 PRO VERCELLI

C'è poca voglia di festeggiare all'inizio del 1909 e, probabilmente, c'è anche poca voglia di dannarsi in mutandoni dietro ad un pallone, davanti all'immane catastrofe che ha completamente raso al suolo le città di Messina e Reggio Calabria. Non bastasse, dalla vicina Austria arriva qualche proposito d'invasione, approfittando dello stato di prostrazione dell'intero Paese. Comunque il 1909 decreta la consacrazione della Pro Vercelli e la necessità d'iniziare il campionato in autunno per ter...

1909-10 INTER

Nell'ottobre del 1909 parte il primo campionato a girone unico della storia del calcio. Termina con Inter e Pro Vercelli a parimerito ed una feroce polemica sulla data dello spareggio. Per protesta i piemontesi manderanno in campo una squadra di ragazzini, sonoramente battuta dai milanesi neo campioni d'Italia. A fine stagione, in una gara contro la Francia, esordisce la nazionale azzurra vincendo per 6 a 2.

1910-11 PRO VERCELLI

Il campionato si sdoppia in due gironi, uno dell'Italia nord occidentale, un altro dell'Italia nord orientale. Alla fine la Pro Vercelli trionfa sul Venezia.

1911-12 PRO VERCELLI

Ormai oltre mezzo milione di persone lascia l'Italia ogni anno per cercare fortuna all'estero. Il Governo risponde pianificando la conquista della Libia, per fare anche del nostro Paese una potenza coloniale. L'unica vera potenza, invece, è quella costituita dalla Pro Vercelli, fenomenale squadra di calcio ossatura della nazionale.

LE OLIMPIADI DEL 1912

Tra mille difficoltà, una guerra da preparare e le casse dello stato desolatamente vuote, Vittorio Pozzo, giovane tuttofare all'interno del mondo del calcio, conduce la nazionale azzurra nel suo primo impegno ufficiale della storia. Il risultato non è esaltante, ma il calcio è ormai cosa seria!

1912-13 PRO VERCELLI

L'Italia risolve felicemente, ma con più sacrifici umani del previsto, il conflitto contro la Turchia per il controllo della Libia e parte quello che, a tutti gli effetti, va considerato come il primo vero campionato italiano. La vincente della Lega Settentrionale affronterà quella che prevarrà nella Lega Centro-Meridionale. Toccherà alla Pro Vercelli gioire: il divario tra le due italie è davvero evidente anche nel calcio.

1913-14 CASALE

Battendo la Lazio, 6 a 0 nella gara d'andata e 4 a 1 in quella di ritorno, il Casale scrive un'autentica favola nella storia del calcio italiano: è l'unica squadra non rappresentante un capoluogo di provincia ad essersi aggiudicata un titolo in un campionato con tutte le formazioni più attrezzate al via. Tutto sta cambiando: gruppi di persone sempre più ampi preferirebbero affrontarsi su un vero campo di battaglia con pistole e cannoni anziché su un campo da calcio.

1914-15 GENOA

L'Europa è in guerra, mentre l'Italia tentenna. Il campionato parte, ma non termina: il 24 maggio 1915 si parte cantando "Non passa lo straniero!" .

PROSEGUI CON:

1915-1929: DALLA PRIMA GUERRA MONDIALE AL GIRONE UNICO Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather