CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

I PRIMI TURNI DELLA COPPA ITALIA 1959-60 E IL SUCCESSO DELLA JUVENTUS NELL’EDIZIONE 1958-59

Esaurita la dose annuale di tornei estivi Mitropa Cup, Torneo dell’Amicizia, Coppa delle Alpi, competizioni nelle quali le società si consorziano per tener alto il nome della nazione, la stagione inizia con la Coppa Italia. Come avvenuto nella stagione precedente, i primi due turni coincidono con la fase finale della stagione precedente, pertanto le prime otto classificate dell’edizione 1958-59 entreranno in gioco negli ottavi di finale.

Nella prima domenica di settembre Torino e Milano sono teatro della semifinale della coppa nazionale.
SEMIFINALI COPPA ITALIA 1958-59: domenica 6 settembre 1959

Juventus – Genoa 3-1

Inter – Venezia 1-0

Tutto secondo pronostico nelle due semifinali: troppo superiore si è rivelato il divario tecnico tra le squadre ospitanti e le due outsider che comunque possono archiviare positivamente la loro partecipazione al secondo torneo nazionale per importanza.

La settimana successiva Milano ospita una finale di altissimo livello che vede di fronte il bomber Angelillo e l’amico Omar Sivori. Per Angelo Moratti c’è la possibilità di conquistare il primo trofeo da presidente.

Tuttavia altre ventotto compagini sono scese in campo per iniziare ufficialmente la stagione 1959-60. A questa edizione vengono ammesse solamente le compagini appartenenti ai due massimi campionati nazionali. Nei primi due turni viene ammessa la sostituzione di un giocatore di movimento oltre al portiere e vengono introdotti i calci di rigore in caso di parità dopo i supplementari e in caso di ulteriore parità dopo i cinque tiri calciati da un unico rigorista designato, si ricorre al lancio della monetina, per evitare la ripetizione di incontri che andrebbero ad infittire un calendario sempre più intenso.

1’o TURNO COPPA ITALIA 1959-60

Bari – Taranto 3-1

Brescia – Modena 4-6

Como – Lecco 2-1

Lanerossi Vicenza – Marzotto 1-0

Messina – Catanzaro 1-0

Napoli – Sambenedettese 4-0

Ozo Mantova – Reggiana 2-3

Padova – Verona 3-2

Palermo – Catania 2-0

Parma – SPAL 1-5

Roma – Cagliari 4-0

Sampdoria – Novara 1-0

Simmenthal Monza – Alessandria 0-1

Udinese – Triestina 3-2

Pure in questo turno di coppa passano tutte le favorite, a riprova di valori ben delineati sia in serie A, sia in serie B.

La settimana vive nell’attesa di tre grandi eventi sportivi: a Milano si disputa la finale di Coppa Italia, a Monza si corre il Gran Premio d’Italia di Formula 1, mentre ad Atene il Milan esordisce nella Coppa dei Campioni 1959-60.
FINALE COPPA ITALIA MILANO 1958-59: domenica 13 settembre 1959

Juventus – Inter 4-1

RETI: 7′ Charles, 27′ Cervato, 37′ Bicicli (IN), 65′ Sivori, 79′ Cervato rig.

Juventus: Mattrel, Castano, B. Sarti; Emoli, Cervato, Colombo; Boniperti, Nicolè, Charles, Sivori, Stivanello. All.: C. Parola.

Inter: Matteucci (Da Pozzo), Guarneri, Gatti; Masiero, Cardarelli, Bolchi; Bicicli, Firmani, Angelillo, Corso, Rizzolini. All.: A. Campatelli.

ARBITRO: Jonni di Macerata.

Con una sola vittoria la Juventus salva una stagione (quella 1958-59) e parte con il piede giusta per la successiva che, in campionato, deve essere quella del riscatto. I nuovi, Bruno Sarti e Sergio Cervato si sono inseriti ottimamente in un’intelaiatura di squadra già forte e migliorata in difesa, vero tallone d’Achille nell’anno precedente. Nello specivfico, il dominio è stato netto, con una squadra brava a partire forte, a controllare il ritorno degli avversari, per chiudere il conto nella ripresa.

Contemporaneamente a Monza Stirling Moss conquista la vittoria nel Gran Premio d’Italia di Formula uno, precedendo il ferrarista Phil Hill e il compagno di squadra Jack Brabham. Ad Atene, invece, il Milan, in un ambiente infuocato, conquista con i denti un pareggio, con Altafini eroe di giornata,in quanto autore di una doppietta. I rossoneri sono stati esentati dalla disputa del primo turno di Coppa Italia, match che recupereranno tre giorni più tardi.
2’o TURNO COPPA ITALIA 1959-60

Atalanta – Alessandria 5-0

Napoli – Bari 1-0

Padova – Udinese 3-2

Palermo – Messina 1-0

Reggiana – Modena 2-1

Roma – Sampdoria 0-2

SPAL – Lanerossi Vicenza 1-0

In questa domenica di coppa la sorpresa maggiore arriva da Roma, dove la Sampdoria estromette i padroni di casa. Per il resto il turno rispetta il fattore campo. Non accade la stessa cosa il mercoledì successivo:un Milan imbottito di ragazzi soccombe in casa contro il Como per 1 a 0, con la rete lariana segnata durante i tempi supplementari.

Davanti a quanto accaduto in giornata, però, la debacle dei campioni d’Italia in carica non fa certo notizia. A Barletta sopraelevazioni abusive provocano il crollo di uno stabile. Il bilancio è drammatico: sessanta persone perdono la vita.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.