2018 ANNO DI GRANDI SODDISFAZIONI PER TUTTI!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather





riadattare le strutture?
Termina anche questo 2017, un altro anno trascorso assieme, da rivivere cercando di prefigurare il 2018, per molti aspetti anno chiave, a partire dal mondo del calcio, nostro principale ambito d’interesse.

2018 ANNO ZERO PER IL MONDO DEL CALCIO

La fase finale del campionato mondiale di Russia, prevista tra la metà del mese di giugno e quella di luglio del 2018, non vedrà la partecipazione della nazionale italiana, eliminata al barrage dalla Svezia, in una delle versioni più modeste che ci sia dato di ricordare! Nulla a che vedere con la formazione ricca di fuoriclasse degli anni cinquanta, a cui solo la discutibile volontà dei vertici sportivi locali ha impedito di conquistare grandi allori e nemmeno con quella costituita da buonissimi giocatori negli anni Ottanta e Novanta, quando il Gotheborg raggiungeva risultati eccellenti nelle competizioni europee per club. Una sconfitta simile, assai dolorosa, è frutto del fallimento totale di un intero sistema, incapace di creare una rappresentativa degna della sua storia, fatta di quattro titoli mondiali! E dire che non sono mancati i campanelli d’allarme: due autentici fallimenti nelle ultime due edizioni dei mondiali, in Sud Africa e Brasile! Mancanoi fuoriclasse e manca soprattutto una rete capace di crearne! Pochi sono i giovani veramente degni di nota e molti di loro vengono mal gestiti. Basta loro qualche decina di prestazioni di livello perché figure che, centrano ben poco con lo sport praticato, ne facciano delle autentiche star, pronte ad avanzare pretese da fenomeni di lungo corso, in barba ai legittimi tempi di crescita di questi che, a tutti gli effetti, non sono altro che ragazzi.
Addetti ai lavori e media cercano rimedio nella riforma del calcio di vertice e nell’azzeramento delle sue istituzioni, senza avvedersi che manca la “materia prima!”. Molti ragazzini sono iscritti nelle decine di migliaia di società atttive sul territorio, ma limitano l’attività a due ore settimanali: quelle degli allenamenti. Manca la fonte principale di sviluppo: la strada o quanto meno spazi liberi e sicuri dove ognuno possa iniziare a prendere confidenza con la palla, libero da regole e costrizioni tattiche. Da qui bisognerà ripartire per trovare e creare i grandi talenti pronti a riportare in alto il nostro calcio, vincendo la concorrenza dei tanti stranieri presenti, situazione per altro presente nelle realtà che stanno funzionando, almeno a livello continentale!

2018 ANNO DI CONFERMA E SVILUPPO PER IL NOSTRO PAESE

Non altrettanto nefasto sembra essere stato il 2017 per l’Italia. Le statistiche parlano di un’economia in ripresa, con una popolazione che sta ricominciando a vivere. Ciò nonostante, l’anno che verrà è chiamato a dare delle risposte. In primo luogo la nuova classe politica che uscirà dalla tornata elettorale di marzo, chiamata a gestire proprio questo trend di crescita e un certo riavvicinamento alla politica, sancito dal buon afflusso al referendum consultivo del Veneto. Quanto avvenuto il 22 ottobre dovrebbe indurre tutti a riflettere sul fatto che, di fronte a temi ben precisi, la gente è ancora disposta a mettere nero su bianco la propria volontà. Una bella cambiale quella presentata dai veneti, ai qualli si dovranno necessariamente delle risposte.
A meno di non scoprire che: le cifre presentate non erano veritiere, ma il frutto di qualche manipolazione contabile, ai nuovi inquilini dei palazzi del potere spetterà l’onere di porre le basi per uno sviluppo effettivo, che porti ognuno di noi a percepire la fine della lunga crisi nella quale ci siamo trovati, come spetterà quello di far percepire alla popolazione di vivere in un posto sicuro, sentimento in continuo declino. Troppi sono gli episodi di micro-criminalità che vedono protagonista il 10 % della popolazione presente sul nostro territorio!

2018 ANNO DI CRESCITA PER NOI

All’inizio di aprile saranno trascorsi cinque anni da quando abbiamo iniziato la nostra avventura nel web. Molti sono stati i cambiamenti apportati, a partire dalla piattaforma di realizzazione del nostro blog, per finire con l’approdo su un nuovo hosting, certamente più performante. Sarà nostro preciso obbiettivo quello di sviluppare la conoscenza di calcioitaliastory.it, sviluppando i nostri contenuti e i nostri servizi. A tal proposito, segnaliamo subito la nuova versione del nostro centro commerciale, gestito attraverso un’applicazione all’avanguardia per la creazione di una repository di prodotti semplice e funzionale.
Terminata quindi questa breve auto-celebrazione, non ci resta altro che porgere a tutti un sentito augurio di un 2018 anno di grandi soddisfazioni per tutti!