LA 36a GIORNATA 2017-18 DI SERIE A: LOTTA SCUDETTO GAME OVER!!!!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather





LA SITUAZIONE DELLA SERIE A

La 36a giornata 2017-18: LO SCUDETTO RIMANE SULLE MAGLIE DELLA JUVENTUS

E’ il verdetto quasi inappellabile uscito sul far delle 17 del dì 6 maggio 2018! Pareggiando per 2 a 2 contro il Torino, il Napoli si trova con sei punti di svantaggio sui bianconeri già sei volte campioni in carica. Solo una combinazione di risultati al di là dell’assurdo potrebbe portare il tricolore sotto il Vesuvio: la Juventus dovrebbe andare incontro a due autentici tracolli contro la Roma e l’Hellas Verona già retrocesso, mentre il Napoli dovrebbe sommergere di reti le ultime due avversarie da incontrare per completare il cammino della serie A 2017-18.
Anche la 36a giornata 2017-18 non ha lesinato polemiche: la Juventus sarebbe stata favorita da alcune decisioni discutibili di arbitro e addetto al VAR, senza contare che, ancora una volta, il Napoli è sceso in campo conoscendo il risultato dei diretti avversari, quindi con il peso di dover vincere a tutti i costi.

La 36a giornata 2017-18: LOTTA CHAMPION’S DI NUOVO INCANDESCENTE!

Perun fronte che sembra trovare la propria dimensione, un altro se ne riapre! Nella partita delle 12,30 della domenica, l’Inter maramaldeggia sul campo dell’Udinese, vendicando in questo modo la sconfitto di Milano, che tante certezze ha tolto ai ragazzi allenati da Luciano Spalletti. Nel pomeriggio la Lazio, impegnata in casa contro l’ostica Atalanta, non va oltre il pari, facendosi avvicinare dai nerazzurri. Si tratta di un risultato destinato ad infuocare il duello, che troverà il proprio epilogo nella partita dell’Olimpico del 20 maggio, quando le due contendenti si affronteranno a “singolar tenzone”. Di tutto questo sembra giovarne la Roma, comodamente terza dopo il successo di Cagliari ed avviata a suggellare una stagione che l’ha vista protagonista di una cavalcata da favola in Champion’s League.
Nella settimana che ha preceduto questo turno di campionato, i giallo-rossi hanno sfiorato l’impresa di rimontare il 2 a 5 di Liverpool. Un pizzico d’ingenuità di troppo e qualche decisione arbitrale quanto meno discutibile, hanno impedito agli uomini allenati da Eusebio Di Francesco di coronare il sogno di disputare la finalissima di Kiev contro il Real Madrid. Resta comunque l’approdo tra le quattro grandi del continente di una squadra che, a detta dei soloni del “Dio Pallone” non doveva passare nemmeno la prima fase di questa competizione!

La 36a giornata 2017-18: LA LOTTA PER L’EUROPA LEAGUE IN ATTESA DEL VERDETTO DELLA FINALE DI COPPA ITALIA

Non meno intricata si presenta la contesa per accedere all’edizione 2018-19 dell’Europa League, dove Milan, Atalanta e Fiorentina si contendono le due posizioni rimanenti. Dalla lotta è virtualmente fuori la Sampdoria, battuta dal bisogno di punti salvezza del Sassuolo. Per stabilire ranking e posizioni, comunque, è necessario attendere l’esito della finale di Coppa Italia tra la Juventus e il Milan. Riuscissero nell’impresa, gli uomini allenati da Gennaro Gattuso avrebbero garantito l’accesso alla fase a gironi, qualsiasi sia la posizione nella classifica finale, altrimenti, in caso di successo delgi uomini di Max Allegri, conterà la graduatoria dopo il 20 maggio.

La 36a giornata 2017-18: LOTTA SALVEZZA PRIMI VERDETTI

In cinque devono evitare un posto: il terz’ultimo in classifica, viatico per la serie B 2018-19! Cagliari e Crotone, reduci rispettivamente dalla sconfitta interna contro la Roma e da quella nello scontro diretto in casa del Chievo, sono al momento le maggiori indiziate, complice anche un calendario per nulla benevolo. Rimane in posizione di vantaggio l’Udinese, per altro in costante caduta libera, con ben 12 sconfitte nelle ultime 13 partite disputate. Possono guardare con fiducia al futuro il Chievo e la Spal! Gli estensi godono di tre punti di vantaggio sulla terz’ultima e sembrano poter coronare un campionato fatto di regolarità.
Sassuolo ed Hellas escono dalla contesa per motivi diametralmente opposti. Gioiscono gli emiliani, salvi con anticipo dopo una stagione assai tribolata. Salutano la compagnia gli scaligeri, per i quali deve aprirsi una stagione di profonde riflessioni, che vanno oltre il mero aspetto tecnico legato alla retrocessione.