LA 36a GIORNATA 2016-17: SERIE A RIAPERTA IN OGNI DOVE!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Un campionato apparentemente chiuso qualche settimanna fa, sia in testa, sia in coda, rimette tutto in discussione alla 36a giornata 2016-17. Elenchiamo di seguito i temi principali proposti da questo terz’ultimo turno di campionato:

  • la Juventus non sa più vincere in Italia e la Roma è autorizzata a sognare;
  • prosegue l’inseguimento al secondo posto del Napoli macchina da gol;
  • sogna anche la Fiorentina davanti all’attuale pochezza delle milanesi made in China;
  • s’infiamma la lotta salvezza col Crotone che mette nel mirino Empoli e Genoa;
  • tutto questo dopo l’approdo della Juventus alla finalissima di Champion’s e alla vigilia di quella di Coppa Italia, con protagonista la sorprendente Lazio di Simone Inzaghi opposta ai bianconeri campioni di tutto.




    36a giornata 2016-17: MINI CRISI JUVENTUS

    Un turno di campionato iniziato con la vittoria della Fiorentina sulla Lazio, aveva nel posticipo domenicale il proprio momento saliente: uscendo indenne dal terreno dello Stadio Olimpico, la Juventus poteva festeggiare la conquista matematica del tricolore 2016-17. Tutto sembrava concretizzarsi quando il francese Lemina portava in vantaggio gli uomini allenati da Max Allegri, ma i giallo-rossi reagivano da grande squadra, pareggiando, sorpassando e chiudendo la contesa con un pesante 3 a 1. Niente festa e questione scudetto vicinissima all’essere riaperta. Alla Juventus basterà vincere una delle restanti due partite per garantirsi il sesto titolo consecutivo, tutt’altro che un’impresa, ma le vie del “Dio Pallone” sono infinite!.
    Resta il rimpianto per la Roma: troppi punti gettati al vento malamente e troppe polemiche stucchevoli, come la cattiva gestione di Capitan Totti da parte del tecnico Luciano Spalletti, troppo poco campione per comprendere un fuoriclasse vero, immagine ed essenza di una società èper un quarto di secolo.

    36a Giornata 2016-17: IL FURIOSO INSEGUIMENTO DEL NAPOLI

    Nel frattempo il Napoli andava a maramaldeggiare sul campo del Torino, reduce dall’impresa sfiorata nel derby. Con questo risultato i campani si sono garantiti per qualche ora il secondo posto utile per accedere direttamente alla fase a gironi della Champion’s League 2017-18, costringendo la Roma alla grande vittoria nel match clu della sera, per conservare il vantaggio. Gli uomini allenati da Maurizio Sarri godonodi uno stato di forma invidiabile e di uno stato di serenità ambientale appropriato al momento. Pertanto possiedono tutte le carte in regola per tendere l’agguato agli avversari capitolini, soffiando loro una posizione garanzia di importanti introiti UEFA.

    36a giornata 2016-17: LA FIORENTINA TORNA A SOGNARE

    Come accennato, Fiorentina e Lazio hanno aperto i giochi di questa 36a giornata 2016-17, con una partita ricca d’emozioni, che ha finito per premiare le maggiori motivazioni dei viola toscani. L’Europa League già conquistata e l’imminente finalissima di Coppa Italia da giocare di fronte al pubblico amico, hanno certamente pesato sul rendimento dei laziali, che hanno finito per “dar strada” agli avversari, improvvisamente in corsa per un posto nelle future competizioni continentali. Gli uomini di Paulo Sosa, lontanissimi da un traguardo simile solo qualche settimana fa, hanno approfittato del buio assoluto dell’Inter e del black-out del Milan, che conserva un punto di margine, dopo il pareggio di Bergamo, che ha regalato ai ragazzi di Gasperini la certezza di doversi cimentare in campo internazionale la prossima stagione.

    36a GIORNATA 2016-17: CROTONE VICINO ALL’IMPRESA

    La 36a giornata riapre ufficialmente ed in modo perentorio la questione salvezza. Cadono Genoa ed Empoli ed il Crotone si avventa a ritmo scudetto su entrambe le prede, ora totalmente invischiate in una lotta a cui non avrebbero mai pensato di dover prendere parte col ruolo da protagonista fino a qualche domenica fa!
    Campionato riaperto in testa, al centro ed in coda, con crolli improvvisi e rimonte inaspettate e poi si parli ancora dell’inutilità di un campionato sviluppato su 38 giornate!