ECCO PERCHÈ LA BAVIERA VUOLE L’EUROPA E L’ITALIA NO!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather



data-ad-slot=”9565239200″>

Le elezioni in Baviera: UN TERREMOTO NEL SOLCO DEL SISTEMA

Oltre il 7 % di crescita del PIL, la disoccupazione al 2 %, il debito annuo azzerato e la previsione di azzerare anche quello generale nel volgere di due anni,non sono bastati alla CSU per evitare il brusco ridimensionamento uscito dalle urne domenica 14 ottobre. Molti prevedevano un risultato simile, temendo l’avanzata delle destre. Non a caso i Cristiano-Sociali Uniti hanno improntato una campagna elettorale quasi inseguendo le tematiche proposte dall’AFD – Alternativ für Deutschland, col leader Horst Seehofer su posizioni da noi definite populiste. L’operazione non ha pagato: ben il 10 % degli elettori ha rivolto il proprio voto altrove, ma non a destra, come molti pensavano. I sovranisti di Baviera festeggiano il loro seggio al parlamento locale, ma non sfondano.
La novità è costituita dall’incredibile progressione dei Verdi, arrivati al 18 % dei consensi, parte dei quali strappati all’SPD, l’anima di sinistra presente nella größe Koalition alla guida della Germania. Si tratta senzaltro di un segno di discontinuità, per altro con un partito ben radicato nel sistema politico.

Le elezioni in Baviera: LA PROPOSTA VINCENTE!

Una leader giovane e diretta, capace di rendere credibili argomenti che, ormai, a molti sembrano desueti. Integrazione ed accoglienza sono state le parole d’ordine di un partito che, al di fuori dei confini italiani, brilla per la praticità con cui porta avanti le proprie istanze ambientaliste, cercando sempre di farle coincidere con le necessità produttive. “Più Europa e più integrazione” sono state le parole d’ordine di questa campagna elettorale che ha riportato i verdi bavaresi al centro della scena politica. Uno degli scopi era quello di contrastare proprio la politica del leader CSU SEEhofer, ministro degli interni tedesco, intesa a ridimensionare il programma d’accoglienza in Germania ed in Baviera. Sorprendente no? Soprattutto se visto con gli occhi di una popolazione sfiduciata dalle istituzioni continentali e poco incline ad integrare gli stranieri.

Le elezioni in Baviera: CHE CONTRASTO CON LO SCETTICISMO D’ITALIA! PERCHÈ?

Mentre si analizzano i responsi delle elezioni in Baviera, escono i risultati di un sondaggio dell’Unione Europea nel quale risulta che, in caso di un ipotetico referendum per rimanere all’interno di quest’organizzazione, solo il 44 % della popolazione italiana voterebbe a favore. Proprio in una delle sei nazioni fondatrici lo scetticismo raggiunge i picchi più alti! La persistente crisi economica e l’insicurezza percepita, sia nel presente e soprattutto per il futuro, sono il propellente della protesta nel nostro Paese, dove le forze euro-scettiche la stanno facendo da padrone. Sembrano lontanissimi i tempi in cui l’Europa era vista come un approdo sicuro e gli stranieri come un aspetto folcloristico della nostra società. Erano anni in cui, soprattutto al nord, regnavano benessere e fiducia e, come si sa, questi sono sentimenti che predispongono all’accoglienza, esattamente come sta a



data-ad-slot=”9565239200″>

Le elezioni in Baviera: UN TERREMOTO NEL SOLCO DEL SISTEMA

Oltre il 7 % di crescita del PIL, la disoccupazione al 2 %, il debito annuo azzerato e la previsione di azzerare anche quello generale nel volgere di due anni,non sono bastati alla CSU per evitare il brusco ridimensionamento uscito dalle urne domenica 14 ottobre. Molti prevedevano un risultato simile, temendo l’avanzata delle destre. Non a caso i Cristiano-Sociali Uniti hanno improntato una campagna elettorale quasi inseguendo le tematiche proposte dall’AFD – Alternativ für Deutschland, col leader Horst Seehofer su posizioni da noi definite populiste. L’operazione non ha pagato: ben il 10 % degli elettori ha rivolto il proprio voto altrove, ma non a destra, come molti pensavano. I sovranisti di Baviera festeggiano il loro seggio al parlamento locale, ma non sfondano.
La novità è costituita dall’incredibile progressione dei Verdi, arrivati al 18 % dei consensi, parte dei quali strappati all’SPD, l’anima di sinistra presente nella größe Koalition alla guida della Germania. Si tratta senzaltro di un segno di discontinuità, per altro con un partito ben radicato nel sistema politico.

Le elezioni in Baviera: LA PROPOSTA VINCENTE!

Una leader giovane e diretta, capace di rendere credibili argomenti che, ormai, a molti sembrano desueti. Integrazione ed accoglienza sono state le parole d’ordine di un partito che, al di fuori dei confini italiani, brilla per la praticità con cui porta avanti le proprie istanze ambientaliste, cercando sempre di farle coincidere con le necessità produttive. “Più Europa e più integrazione” sono state le parole d’ordine di questa campagna elettorale che ha riportato i verdi bavaresi al centro della scena politica. Uno degli scopi era quello di contrastare proprio la politica del leader CSU SEEhofer, ministro degli interni tedesco, intesa a ridimensionare il programma d’accoglienza in Germania ed in Baviera. Sorprendente no? Soprattutto se visto con gli occhi di una popolazione sfiduciata dalle istituzioni continentali e poco incline ad integrare gli stranieri.

Le elezioni in Baviera: CHE CONTRASTO CON LO SCETTICISMO D’ITALIA! PERCHÈ?

Mentre si analizzano i responsi delle elezioni in Baviera, escono i risultati di un sondaggio dell’Unione Europea nel quale risulta che, in caso di un ipotetico referendum per rimanere all’interno di quest’organizzazione, solo il 44 % della popolazione italiana voterebbe a favore. Proprio in una delle sei nazioni fondatrici lo scetticismo raggiunge i picchi più alti! La persistente crisi economica e l’insicurezza percepita, sia nel presente e soprattutto per il futuro, sono il propellente della protesta nel nostro Paese, dove le forze euro-scettiche la stanno facendo da padrone. Sembrano lontanissimi i tempi in cui l’Europa era vista come un approdo sicuro e gli stranieri come un aspetto folcloristico della nostra società. Erano anni in cui, soprattutto al nord, regnavano benessere e fiducia e, come si sa, questi sono sentimenti che predispongono all’accoglienza, esattamente come sta avvenendo in Baviera, una delle regioni più ricche del mondo!

vvenendo in Baviera, una delle regioni più ricche del mondo!

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.